Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Defibrillatori e Sport: un obbligo “all’italiana” che garantisce la sicurezza solo per pochi

“Mantenere un impegno, soprattutto nell’ambito delle istituzioni non è solo una questione di principio, è una questione di sostanza” ha dichiarato il ministro per lo Sport Luca Lotti in merito al decreto congiunto tra Ministero della Salute e quello per lo Sport grazie al quale entra in vigore l’obbligo della dotazione ed impiego di defibrillatori per le società e le associazioni dilettantistiche.

“Sentito il CONI” recita il testo del Decreto Interministeriale e allora pensi che finalmente dopo 3 anni dal tanto criticato Decreto Balduzzi che regolamentava la “Disciplina della certificazione dell’attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l’utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri salvavita” si potesse, finalmente, fare chiarezza. Chi meglio del CONI e dei 2 Ministeri interessati, ossia quello dello Sport e quello della Salute, avrebbe potuto dettare le linee guida’?

Leggendo quello che a oggi è stato divulgato, purtroppo, emergono enormi perplessità.

Ci sarà l’obbligo per le associazioni e società sportive dilettantistiche di svolgere la propria attività agonistica e competitiva in impianti dotati di defibrillatore e personale qualificato ad usarlo. Ottimo. Perfetto. Non ci sarà l’obbligo se l’attività è a scarso impegno cardiocircolatorio e al di fuori degli impianti sportivi. E questo è già un po’ meno ottimo poiché al di fuori degli impianti sportivi si svolgono gare di corsa o di ciclismo e lì non ci sarà nessun obbligo. Assurdo.

E ancora più assurdo è che nessun obbligo ci sarà in impianti dove non si svolgono attività agonistiche o competitive.

Quindi…obbligo per l’associazione sportiva di sincerarsi della presenza nell’impianto del difribrillatore e della persona qualificata ad usarlo pena l’impossibilità a disputare la gara in programma. Finita la gara non ci sarà nessun obbligo per nessuno e quindi se ci troviamo, ad esempio, in un impianto polivalente e subito dopo la fine di una ipotetica partita di basket di un qualsiasi campionato un frequentatore viene colpito, per sua sfortuna, da un attacco cardiaco sarà salvato, speriamo, se qualcuno si ricorderà che nell’impianto del basket fino a pochi minuti prima ci doveva essere un defibrillatore e un operatore abilitato ad usarlo…

Siamo alla solita farsa italiana. 3 anni di rinvii per decidere alla fine il minimo possibile…defibrillatore per l’attività agonistica e per il resto che Dio ci aiuti…

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Calcio

Mi chiamo Bruno, gioco a pallone Il 24 Marzo 2018 ci salutava a soli 26 anni Bruno Boban, un calciatore di terza divisione croata...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Salute e Benessere

Quali sono i benefici dell’olio di canapa L’olio che proviene dal seme della canapa è altamente nutriente e può essere particolarmente utile per la...

Salute e Benessere

Sigarette elettroniche e salute, tra dubbi e certezze Un tema caldo da anni, da quando questi prodotti hanno fatto la propria comparsa sul mercato...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro