Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Decreto Dignità e Scommesse, parte il divieto tra proteste e dubbi

[themoneytizer id=”27127-1″]

Decreto Dignità e Scommesse, parte il divieto tra proteste e dubbi

Il mese di luglio è il mese della verità perché gli operatori legali attivi nel settore del gioco e del Betting secondo quanto prescritto dal Decreto Dignità non potranno più fare pubblicità.  Termina infatti il 14 luglio il periodo concesso dal Governo con l’emendamento Milleproroghe che aveva fatto slittare il termine inizialmente stabilito per Gennaio 2019. Questa misura avrà un impatto economico forte e negativo nel mondo del calcio italiano.

Secondo le stime di Logico, l’associazione che riunisce gli operatori del gioco online, la pubblicità da parte delle società operanti nel settore ammontano a circa 200 milioni di euro l’anno. 

Di questi poco meno della metà vanno ai club di calcio e leghe, l’altro 50% a media e TV che prevalentemente si occupano di sport. A causa di questo divieto imposto dal Decreto Dignità il campionato italiano, già agli ultimi posti per competitività tra i top europei, rischia di perdere ancora più terreno.

Quasi tutte le società di serie A infatti hanno un Betting partner, ma anche le leghe basti pensare a quella di serie B. Il danno per i club sarà sia di tipo diretto, ovvero il mancato contratto di sponsorizzazione, ma anche indiretto perché meno pubblicità sulle TV che trasmettono le partite e meno soldi che queste TV, i broadcaster, potranno pagare di diritti TV ai club.

La posizione di Logico è che “Il divieto di fare pubblicità introdotto dal Decreto Dignità non aiuta come molti pensano a risolvere il problema della ludopatia. Il provvedimento colpisce Infatti solo una parte marginale del settore del gioco, quella online, che è l’unica realmente regolata e sicura poiché si appoggia sulla rete di Sogei permettendo sia agli operatori sia allo Stato di tracciare e monitorare ogni singola transazione in tempo reale. Non solo, i siti illegali, i famosi .com,  potrebbero comunque continuare a farsi promozione attraverso internet mentre quelli legali, i .it, subirebbero in tal caso le inevitabili sanzioni”. 

Dello stesso avviso sono anche gli amministratori del calcio italiano come ad esempio il Presidente del Genoa Preziosi che definisce questo Decreto una “misura inaccettabile”, Claudio Fenucci AD del Bologna che lo chiama “Una follia” o Infine il il vicepresidente della AS Roma Mauro Baldissoni che parla di “un provvedimento che sa di populismo che trasformerebbe l’Italia in un’ enclave con il rischio del ritorno al totonero”.

Guardando i numeri si fatica effettivamente a dar torto sia alla posizione di Logico sia a quella del Calcio italiano perché chi scommette  o chi è afflitto da ludopatia saprà sempre dove e come giocare, in questo caso il danno vero viene fatto a organi di informazione per lo più sportiva e al calcio italiano. Un calcio in risalita dopo aver toccato il fondo che non avrebbe meritato e che avrebbe sicuramente fatto a meno di ricevere un duro colpo basso come questo.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro