Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ormai lo scrive anche l’Economist: il Calcio Inglese è ricco ma in declino

Ricco ma mediocre .La  fotografia scattata dall’Economist sul calcio inglese alla fine del mese di agosto sembra avere avuto una conferma l’altra sera, quando il Chelsea campione d’Inghilterra è uscito letteralmente con le ossa rotte dalla sfida dell’Olimpico contro la Roma. A parte il passivo (3-0) che poteva essere anche più pesante (e se lo fosse stato nessuno avrebbe potuto meravigliarsi), l’impressione che si è avuta guardando giocare gli uomini di Conte è che il Chelsea sia ormai una squadra in declino. Soltanto lontana parente della corazzata schiacciasassi vista la scorsa stagione, in parte riscattatasi con la vittoria di ieri ai danni di Jose Mourinho. Ma Blues a parte,  secondo l’illustre settimanale britannico è l’intero calcio inglese a non essere più quello di una volta. E a confermarlo sarebbero proprio i risultati europei delle squadre inglesi. I quali, a parte la vittoria del Manchester United nell’Europa League dello scorso anno, negli ultimi 5 anni, sono stati alquanto scadenti.

Se è vero, come ricorda anche l’Economist,  che non si vede una squadra inglese disputare una finale di Champions League dal 2012. Quando proprio il Chelsea allenato da Roberto Di Matteo vinse ai rigori la “coppa dalle grandi orecchie“ (la prima della sua storia). Da quel momento in poi, il calcio di Sua Maestà, rispetto al resto dell’Europa, diventerà sempre più ricco in termini di ricavi e stipendi ma più povero invece per quanto riguarda vittorie e trofei. Un declino, da questo punto di vista, che a dire la verità sembra iniziato ormai da oltre un ventennio. Se è vero come racconta la storia degli ultimi anni, che soltanto in 4 occasioni (il Manchester United nel 1999; il Liverpool nel 2005; ancora il Manchester United nel 2008 e infine, appunto, il Chelsea nel 2012) le squadre inglesi sono diventate campione d’Europa. E passando dalle squadre ai singoli, per vedere l’ultimo calciatore della Premier tra i primi 5 candidati a vincere il Pallone d’oro  (Wayne Rooney), bisogna andare indietro fino al 2011.  Per non parlare poi dei risultati della nazionale inglese, che nonostante il terzo posto raggiunto nel ranking FIFA nel 2012, non vince un campionato del mondo dal 1966 e in ambito europeo non è mai andata oltre la semifinale dell’edizione, tra l’altro casalinga, del 1996.



Una moria di risultati che non trova giustificazione alcuna, guardando ai soldi che incassa la Premier e quelli che guadagnano i calciatori che giocano in Inghilterra. Infatti la Premier League è attualmente uno dei campionati più ricchi d’Europa. Che vanta i maggiori introiti da diritti TV (grazie anche a BSkyB l’emittente di Sky operativa in Inghilterra) : infatti nel 2017, come scritto anche da Calcio&Finanza, i 20 club della Premier si sono spartiti la bellezza di 2,39 miliardi di sterline (ad una delle squadre retrocesse il Sunderland sono andati 100 milioni). Ma il calcio inglese è anche uno dei campionati con il tasso di internazionalizzazione più alto. Che non riguarda soltanto i calciatori ma anche manager e proprietari di club. Attualmente, nella Premier, si contano infatti 12 proprietari di club provenienti da altri Paesi. Ma come scrive anche l’Economist le cose potrebbero cambiare una volta che la Brexit sarà finalmente effettiva. Dato che il deprezzamento della sterlina inevitabilmente renderà più onerose anche le operazioni di calciomercato. Per acquistare un top player che gioca in un campionato europeo, ad esempio la nostra serie A, i club inglesi dovranno pagare più soldi. Senza dimenticare che un calciatore, oltre ai risultati scadenti dei club inglesi in ambito europeo, potrebbe avere proprio nella Brexit un’ulteriore ragione per preferire altre destinazioni. E a quel punto chissà proprio, quale sarebbe lo scenario del calcio inglese. Ricco ma (secondo l’Economist) mediocre. Sembra vero insomma: che i soldi non sempre fanno la felicità.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

3 Comments

  1. Massimo Tremolada

    Novembre 7, 2017 at 12:03 am

    Vorrei solo sottolineare che l’articolo ha preso in considerazione l’unica sconfitta di una squadra inglese nell’attuale stagione in Champions League, dove il Tottenham batte il Real Madrid ed il Manchester City strapazza il Napoli al San Paolo, con 4 squadre inglesi in testa nei rispettivi gironi ed il povero Chelsea secondo. MA DI COSA STATE PARLANDO?

    • Simone Nastasi

      Novembre 7, 2017 at 11:49 pm

      Buonasera Massimo,
      Come avrà avuto modo di leggere Stiamo parlando di un’analisi dell’Economist pubblicata nel mese di agosto che ha preso in considerazione i risultati europei delle squadre che giocano in Premier, della nazionale e dei calciatori inglesi degli ultimi anni rispetto al passato. I numeri che abbiamo riportato sono verificabili ovunque Ecco di cosa stiamo parlando. Saluti

  2. Christian

    Novembre 10, 2017 at 6:31 am

    L’obiezione del sig. Massimo non è priva di fondamento. Si è semplicemente limitato a contestare l’incipit dell’articolo, sicuramente fuori contesto,
    Si è limitato a far presente che la sconfitta del Chelsea contro la Roma non conferma una emerita clava. Quello che dice l’Economist non fa una piega. Ad essere fuori luogo è, anche a mio avviso, la premessa dell’articolo se è vero, come è vero, che il Tottenham ha battuto in casa il Real Madrid e il Manchester City ha strapazzato il Napoli.
    Si voleva forse parlare di questo? Saluti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Quella che stiamo per raccontarvi è una delle storie più romantiche...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 60 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Altri Sport

We are Marshall: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 Novembre 1918 terminava la Prima Guerra Mondiale lasciando morte e miseria in...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Lo scorso 30 ottobre ricorreva la scomparsa, avvenuta nel 2020, di Nobby Stiles, il piccolo...

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro