Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Davide Gualtieri, dal goal da record con San Marino alla polemica su Muller: “La Federazione doveva scusarsi”

L’avesse sfidato in campo, oggi, sarebbe tutt’altra cosa. Thomas Muller aveva appena quattro anni e due mesi, lui, Davide contro Golia, incideva nel calendario una data storica per un record mondiale rimasto imbattuto fino a qualche settimana fa.

Davide Gualtieri, oggi quarantacinquenne, il 17 novembre del 1993 aveva messo a segno il gol più veloce del calcio mondiale in una partita tra Nazionali. Davide, con la maglia della Nazionale San Marino, fu l’autore di quel gol bandiera nel 7-1 con l’Inghilterra nella qualificazione ai Mondiali USA ‘94.

La rete, segnata dopo 8,3 secondi di gara, ha rappresentato un record assoluto fino allo scorso mese, il 10 ottobre, quando Benteke ha fatto gol in Gibilterra-Belgio dopo 8,1 secondi.

Per la Repubblica di San Marino quel gol resterà comunque scalfito nella storia e lui, Davide, quei poco più di otto secondi se li vede scorrere spesso davanti agli occhi.

Spesso riguardo il video, viene ancora postato sul web e per me è una grande soddisfazione – racconta Davide Gualtieri in esclusiva per Io Gioco PulitoDopo il calcio d’inizio andammo a fare subito pressione sui nostri avversari, eravamo concentrati sulla partita e sul retropassaggio corto di Pearce riuscii a fare gol a Seaman, quel portierone che aveva l’Inghilterra. Non mi ero reso conto del record, me lo dissero a fine partita”.

Gualtieri oggi si occupa di informatica, ha un negozio di computer da vent’anni a San Marino e alla sera allena una squadra di calcio a cinque che partecipa al campionato interno. L’animo cagnesco da calciatore ha fatto spazio a un portamento più pacato e riflessivo da allenatore, ma le parole di Muller di qualche giorno fa, in occasione di San Marino-Germania, non sono certo andate giù.

Non è rispettoso parlare così di una piccola Nazionale, mi è parsa solo una ripicca nei confronti delle piccole realtà, forse solo perché in queste partite chi rischia di fare figuracce sono le grandi squadre – spiega Gualtieri -. Loro dicono che si fanno male, ma non è così. Il rispetto nello sport lo vedi soprattutto in campo. Dopo un 5-0 bisognerebbe anche fermarsi, non ha più senso andare avanti. La Germania ha tirato invece tutta la partita, dieci anni fa finì addirittura 13-0. Il rispetto lo vedi anche da questo, un giocatore che rispetta l’avversario dopo aver messo al sicuro la partita si ferma, non continua”.

Dalle parole di Muller si è sollevato un polverone enorme, il giocatore è uscito tra i fischi del pubblico durante l’amichevole Italia-Germania, a Milano.

Che un giocatore faccia una dichiarazione fuori dalle righe, pur non condividendo posso anche capire, ma che la Federazione non si sia scusata è ancora peggio. I rapporti tra Federazioni hanno il loro valore nel calcio – conclude Gualtieri -. Cosa avrei detto a Muller se lo avessi scontrato in campo? Divertiti. I nostri figli hanno il diritto di giocare per il loro Paese come i giovani della Germania. E’ uno stimolo per tutti la Nazionale”.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Interviste

Amici 20, a tu per tu con Rosa di Grazia A tu per tu con Rosa di Grazia, ballerina protagonista di Amici 20. Rosa...

Interviste

A tu per tu Roberto Cammarelle, il signore del ring Partita con l’accensione del simbolico braciere a Fukushima l’edizione numero trentadue dei Giochi Olimpici...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Calcio

Paolo List e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 28 Marzo 2016 moriva a soli 52 anni Paolo List,...

Calcio

Giuseppe “Nanu” Galderisi racconta Messico 1986 Per i 58 anni compiuti oggi da Nanu Galderisi, vi riproponiamo l’intervista in cui ci raccontò la sua...

Interviste

A tu per tu con Sara Simeoni, la donna volante Ci sono dei momenti e delle sensazioni legati con un filo invisibile e impressi...

Salute e Benessere

Prodotti legali a base di CBD: ecco tutto quello che c’è da sapere sui loro benefici I prodotti derivati della pianta di Cannabis sono...

Altri Sport

A tu per tu con Antonio Rossi, la Leggenda della canoa azzurra In questo marzo pazzo condizionato gravemente dalle varianti Covid e dalla imminente...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Compie oggi 52 anni Mahmoud Abdul Rauf, il cestista americano,...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro