Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Daniele Garozzo in buona compagnia: quanti trofei rubati e ritrovati nella storia

C’è stato il lieto fine per Daniele Garozzo che può fortunatamente sorridere alla fine di una brutta esperienza che l’ha visto protagonista. Il fiorettista azzurro, vittima del furto della medaglia d’oro vinta ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, ha ricevuto la bella notizia del ritrovamento a Tokyo dove stava disputando una gara valida per la Coppa del Mondo. La medaglia più preziosa è stata recuperata in un cassonetto di Milano da una signora che non ha esitato a contattate l’entourage del campione azzurro. “La signora è stata stupenda – ha esultato Garozzo – mi ha contattato tramite i social e mi ha spiegato che mi conosceva e aveva saputo della storia sui giornali. È stata stupenda e la inviterò a cena. Ora la medaglia è nelle mani di un amico fidato, quando torno da Tokyo potrò riprendermela”.

Una storia simile quella capitata a Joe Jacobi, campione olimpico a Barcellona 1992 nella canoa slalom, che poté indossare di nuovo la medaglia rubata grazie ad una bambina di sei anni. Il luogo del ritrovamento? Sempre la spazzatura, luogo preferito dai ladri per sbarazzarsi dei trofei nel timore di essere scoperti.

Non fu in un cassonetto bensì in un negozio di antiquariato che l’Associazione Sportiva Roma ritrovò la coppa del primo scudetto, quello del 1942. Circa trent’anni dopo il falegname nonché tifoso romanista Alfredo Mollicone dopo averla riconosciuta, la acquistò dal negozio per restituirla alla società capitolina che organizzò una cerimonia con gli eroi dello storico tricolore per l’occasione. Un dramma che nel calcio italiano non ha interessato solo i colori giallorossi, anche il Milan fu protagonista di uno spiacevole episodio riguardante questa volta due trofei minori. La Toyota Cup, assegnata al miglior giocatore della finale di Coppa Intercontinentale e il Trofeo Santiago Bernabeu sparirono dalla bacheca del club milanese nel 2014 per poi comparire nel catalogo di un’asta londinese. Una storia bizzarra che fece infuriare il club rossonero.

Ben sessanta invece furono i trofei sgraffignati dal quartier generale della scuderia della Red Bull a Milton Keynes da una banda composta da una decina di malviventi. Parte della refurtiva fu recuperata nel lago di Horseshoe mentre il resto, circa quaranta tra coppe e targhe, non fu mai ritrovato. E non c’è pace nemmeno per i defunti. Nel 2014 furono infatti rubati in una banca molti trofei individuali appartenenti allo storico capitano dell’Inter, Giacinto Facchetti scomparso nel 2006. E come dimenticare la brutta sorpresa che l’ex numero 1 del tennis mondiale Pete Sampras trovò nel suo appartamento di Los Angeles nel 2010. Più di 50 trofei, tra cui due Coppe Davis, furono portate via dalla casa del campione statunitense. “Perdere queste cose è come se la storia della mia vita nel tennis fosse stata presa. Spero solo che chi li ha non li abbia distrutti”, il commento amaro del tennista. E forse il responsabile deve aver ascoltato con attenzione le parole di Sampras al punto da abbandonare la refurtiva, forse preso dal senso di colpa, in un cartone nei pressi di un ospedale. Un trofeo sarà sempre di proprietà di chi l’ha conquistato con sacrificio e fatica. Anche i ladri sembrano averlo capito.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

Indipendenza Kosovo: l’oro di Majlinda, la gloria dopo il sangue e la sofferenza Il 17 Febbraio 2008, il Governo provvisorio del Kosovo proclama unilateralmente...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro