Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente

Compie oggi 36 anni Daniel Subasic, il portiere della Croazia che in ogni partita non dimentica mai di mettere il cuore sotto la maglia.

Certo che la vita è proprio strana. 
Ti fa sentire in colpa proprio nel momento in cui dovresti essere solo felice. A volte lo fa. Ti insinua quel tarlo malefico, magari sotto forma di voce interiore autorevole come quella di Al Pacino. E magari ti sussurra: “pensa come sarebbe orgoglioso il tuo migliore amico di vederti qui adesso”.

Daniel Subasic questa sensazione la conosce bene. Da tanto tempo. E soprattutto non si perdona la morte del suo migliore amico. Subasic è il portiere della Croazia, sorpresa degli ultimi mondiali, icona di coraggio e grinta. Una squadra che ha artigliato e graffiato fino ad arrivare in finale, vincendo contro tutto e per ben tre volte oltre il tempo regolamentare da quando le partite sono diventate “dentro o fuori”. Per ben due volte i Croati sono passati ai rigori e l’eroe che ha parato tutto il parabile è stato proprio Daniel.

Ogni volta che finivano le partite, Daniel mostrava una maglietta con un volto, una volta ha dovuto spiegare chi fosse quel volto, in una conferenza stampa, scoppiando in lacrime. 
Successe tutto nell’aprile del 2008. Daniel gioca nello Zara, una squadra croata, prende palla e la dà lateralmente al suo compagno di squadra nonchè migliore amico Hrvoje Custic. Solo che la allunga troppo, non è proprio precisa e Custic è costretto a rincorrerla e ingaggiare un duello con un avversario.

In maniera del tutto fortuita, lo scontro di gioco fa cadere Custic e lì vicino c’è un muretto. Ci sbatte la testa in malo modo e cade esanime. Le condizioni appaiono subito gravi. In poco tempo subentra la morte cerebrale e poi l’effettivo decesso.
Daniel non si è mai dato pace. Ha provato a scappare, partire, ha provato a dormirci e a far passare tempo. Ma se ci ripensa o ne parla, si sente in colpa. Dice sempre “non posso fare a meno di pensare che se non gli avessi dato quella palla sarebbe ancora qui, potevo fare tante cose, potevo calciarla in mezzo, potevo buttarla via, invece l’ho data a lui”. Che qualcuno provi a fargli capire che non è colpa sua, è quasi inutile. Perchè gli amici dividono tutto o quasi e ora lui, porta un fardello per due. Non c’è verso.

Una cosa però può farla Daniel. Ogni fine partita, si toglie la sua casacca d’ordinanza e mostra la maglia bianca con il viso di Custic. E si capisce perchè la Croazia giochi così. Non sono in undici, ma in dodici. Se è vero che qualcuno ogni tanto ci è vicino più fortemente di quanto pensiamo. La Fifa ha più volte redarguito Subasic a non indossare la maglia che contravviene ai regolamenti sul vestiario. Ma Daniel ha detto che la indosserà sempre e non gli importa. Eh già. Si può essere in colpa e felici insieme? Sì, si può. Perché c’è sempre qualcosa in più sotto, alle volte è la maglia con la foto del proprio migliore amico.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Motori

Jim Clark, l’amore al volante Il 7 aprile 1968 sul circuito di Hockenheim perde la vita in un tragico incidente Jim Clark, leggendario pilota...

Basket

Memento: C’erano una volta i Sonics, la Leggenda di Emerald City Il 5 Aprile 1994 Kurt Cobain si suicidava sparandosi nel suo garage. E...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 31 marzo 1878 nasceva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande...

Calcio

Mi chiamo Bruno, gioco a pallone Il 24 Marzo 2018 ci salutava a soli 26 anni Bruno Boban, un calciatore di terza divisione croata...

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura Lo scorso 21 marzo è stata ricordata la scomparsa di Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro