Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente

Compie oggi 36 anni Daniel Subasic, il portiere della Croazia che in ogni partita non dimentica mai di mettere il cuore sotto la maglia.

Certo che la vita è proprio strana. 
Ti fa sentire in colpa proprio nel momento in cui dovresti essere solo felice. A volte lo fa. Ti insinua quel tarlo malefico, magari sotto forma di voce interiore autorevole come quella di Al Pacino. E magari ti sussurra: “pensa come sarebbe orgoglioso il tuo migliore amico di vederti qui adesso”.

Daniel Subasic questa sensazione la conosce bene. Da tanto tempo. E soprattutto non si perdona la morte del suo migliore amico. Subasic è il portiere della Croazia, sorpresa degli ultimi mondiali, icona di coraggio e grinta. Una squadra che ha artigliato e graffiato fino ad arrivare in finale, vincendo contro tutto e per ben tre volte oltre il tempo regolamentare da quando le partite sono diventate “dentro o fuori”. Per ben due volte i Croati sono passati ai rigori e l’eroe che ha parato tutto il parabile è stato proprio Daniel.

Ogni volta che finivano le partite, Daniel mostrava una maglietta con un volto, una volta ha dovuto spiegare chi fosse quel volto, in una conferenza stampa, scoppiando in lacrime. 
Successe tutto nell’aprile del 2008. Daniel gioca nello Zara, una squadra croata, prende palla e la dà lateralmente al suo compagno di squadra nonchè migliore amico Hrvoje Custic. Solo che la allunga troppo, non è proprio precisa e Custic è costretto a rincorrerla e ingaggiare un duello con un avversario.

In maniera del tutto fortuita, lo scontro di gioco fa cadere Custic e lì vicino c’è un muretto. Ci sbatte la testa in malo modo e cade esanime. Le condizioni appaiono subito gravi. In poco tempo subentra la morte cerebrale e poi l’effettivo decesso.
Daniel non si è mai dato pace. Ha provato a scappare, partire, ha provato a dormirci e a far passare tempo. Ma se ci ripensa o ne parla, si sente in colpa. Dice sempre “non posso fare a meno di pensare che se non gli avessi dato quella palla sarebbe ancora qui, potevo fare tante cose, potevo calciarla in mezzo, potevo buttarla via, invece l’ho data a lui”. Che qualcuno provi a fargli capire che non è colpa sua, è quasi inutile. Perchè gli amici dividono tutto o quasi e ora lui, porta un fardello per due. Non c’è verso.

Una cosa però può farla Daniel. Ogni fine partita, si toglie la sua casacca d’ordinanza e mostra la maglia bianca con il viso di Custic. E si capisce perchè la Croazia giochi così. Non sono in undici, ma in dodici. Se è vero che qualcuno ogni tanto ci è vicino più fortemente di quanto pensiamo. La Fifa ha più volte redarguito Subasic a non indossare la maglia che contravviene ai regolamenti sul vestiario. Ma Daniel ha detto che la indosserà sempre e non gli importa. Eh già. Si può essere in colpa e felici insieme? Sì, si può. Perché c’è sempre qualcosa in più sotto, alle volte è la maglia con la foto del proprio migliore amico.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1995 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro