Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dalla paralisi all’esordio in Serie A: Fabio Pisacane, il Guerriero che ce l’ha fatta

Quel momento lo aveva sognato per anni. Tanti anni. Poi, come spesso accade nella vita, nel pieno delle storie più belle qualcosa va storto, come non doveva. Ma proprio in quel momento gli uomini dimostrano di essere tali e cominciano a ricostruire un percorso che li rende più forti, quasi inarrivabili per spirito e convinzione. Quella di Fabio Pisacane non è solo una delle tante storie di calcio, è una delle state storie nel calcio. Trent’anni compiuti lo scorso 28 gennaio, un’infanzia di grandi attenzioni nella sua Napoli e presto quel treno per realizzare il sogno di diventare calciatore. A 14 anni arriva la chiamata delle giovanili del Genoa, una gioia immensa che di lì a poco, però, viene avvolta dal mistero di una brutta malattia.

Una mattina qualunque, all’improvviso, la giovane promessa resta a letto e non riesce più a muoversi: la prognosi medica individua la sindrome di Guillain-Barrè, malattia rara che si manifesta con una progressiva paralisi agli arti e che può causare la morte se interessa i muscoli dell’apparato respiratorio e del sistema nervoso. Fabio non molla, lotta, come un vero campione. Fino a vincere la battaglia più importante della sua vita e tornare in campo, contrariamente a quanto prospettato dai medici. Il treno del grande calcio per lui sembra comunque passato e così resta nel giro dei campi di Serie C e B, in quel calcio di secondo piano nel quale, nel 2001, trova il coraggio di denunciare una proposta ricevuta per una combine: rifiuta 50 mila euro offerti dal direttore sportivo del Ravenna per avere la meglio sulla sua Lumezzane.

Fabio corre e di non lesina sacrifici, fino a conoscere Massimo Rastelli, con il quale si crea subito un forte legame tanto che il tecnico, credendo nelle sue potenzialità, gli promette di portarlo in Serie A. Alla quarta giornata di Serie A, con la maglia del Cagliari, la sua grande occasione, a trent’anni suonati: Fabio Pisacane, detto “il guerriero” ha collezionato la sua prima presenza in Serie A della sua carriera. Contro l’Atalanta quei novanta minuti sognati una vita intera, mentre la testa tornava inevitabilmente indietro di dieci anni ripercorrendo corsie di ospedali e scenari drammatici. A fine partita le lacrime in sala stampa spazzano via pensieri negativi, paure silenziose trattenute per anni: Fabio Pisacane in Serie A è un esempio per tanti.

A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. DomWalk Cariati

    Settembre 19, 2016 at 4:49 pm

    Solo i grandi e temerari diventano “GUERRIERI” di Vita! Uomini seguiteli, amateli ed imitateli!

  2. Daniele

    Settembre 19, 2016 at 6:46 pm

    Sono tifoso del cagliari ma non sapevo questa storia. Grande uomo merita davero tante gratificazioni in questo mondo di mercenari.

  3. Donato

    Settembre 20, 2016 at 6:49 am

    Carbonia
    Queste sono le storie da portare in tv, da regalare ai giovani, affinchè crescano con sani principi.
    In un mondo in cui se non hai milioni di euro non saresti nessuno…. c’è bisogno di umiltà di valori antichi… complimenti Guerriero ( aldila della mia fede rossoblù).

  4. Gerardo

    Settembre 20, 2016 at 12:06 pm

    Le belle notizie in Italia non vengono riportate in TV o interviste nelle trasmissione spazzature della d’urso o simile. Le persone vogliono solo inciuci e pettegolezzi.

  5. Delem

    Settembre 20, 2016 at 4:57 pm

    Bravo Fabio 6 grande …con noi fai il bravo… da un Laziale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

“La vita non si misura attraverso il numero di respiri che facciamo, ma attraverso i momenti che ci lasciano senza respiro.” Questo aforisma è...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro