Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Dalla paralisi all’esordio in Serie A: Fabio Pisacane, il Guerriero che ce l’ha fatta

Quel momento lo aveva sognato per anni. Tanti anni. Poi, come spesso accade nella vita, nel pieno delle storie più belle qualcosa va storto, come non doveva. Ma proprio in quel momento gli uomini dimostrano di essere tali e cominciano a ricostruire un percorso che li rende più forti, quasi inarrivabili per spirito e convinzione. Quella di Fabio Pisacane non è solo una delle tante storie di calcio, è una delle state storie nel calcio. Trent’anni compiuti lo scorso 28 gennaio, un’infanzia di grandi attenzioni nella sua Napoli e presto quel treno per realizzare il sogno di diventare calciatore. A 14 anni arriva la chiamata delle giovanili del Genoa, una gioia immensa che di lì a poco, però, viene avvolta dal mistero di una brutta malattia.

Una mattina qualunque, all’improvviso, la giovane promessa resta a letto e non riesce più a muoversi: la prognosi medica individua la sindrome di Guillain-Barrè, malattia rara che si manifesta con una progressiva paralisi agli arti e che può causare la morte se interessa i muscoli dell’apparato respiratorio e del sistema nervoso. Fabio non molla, lotta, come un vero campione. Fino a vincere la battaglia più importante della sua vita e tornare in campo, contrariamente a quanto prospettato dai medici. Il treno del grande calcio per lui sembra comunque passato e così resta nel giro dei campi di Serie C e B, in quel calcio di secondo piano nel quale, nel 2001, trova il coraggio di denunciare una proposta ricevuta per una combine: rifiuta 50 mila euro offerti dal direttore sportivo del Ravenna per avere la meglio sulla sua Lumezzane.

Fabio corre e di non lesina sacrifici, fino a conoscere Massimo Rastelli, con il quale si crea subito un forte legame tanto che il tecnico, credendo nelle sue potenzialità, gli promette di portarlo in Serie A. Alla quarta giornata di Serie A, con la maglia del Cagliari, la sua grande occasione, a trent’anni suonati: Fabio Pisacane, detto “il guerriero” ha collezionato la sua prima presenza in Serie A della sua carriera. Contro l’Atalanta quei novanta minuti sognati una vita intera, mentre la testa tornava inevitabilmente indietro di dieci anni ripercorrendo corsie di ospedali e scenari drammatici. A fine partita le lacrime in sala stampa spazzano via pensieri negativi, paure silenziose trattenute per anni: Fabio Pisacane in Serie A è un esempio per tanti.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    DomWalk Cariati

    Settembre 19, 2016 at 4:49 pm

    Solo i grandi e temerari diventano “GUERRIERI” di Vita! Uomini seguiteli, amateli ed imitateli!

  2. Avatar

    Daniele

    Settembre 19, 2016 at 6:46 pm

    Sono tifoso del cagliari ma non sapevo questa storia. Grande uomo merita davero tante gratificazioni in questo mondo di mercenari.

  3. Avatar

    Donato

    Settembre 20, 2016 at 6:49 am

    Carbonia
    Queste sono le storie da portare in tv, da regalare ai giovani, affinchè crescano con sani principi.
    In un mondo in cui se non hai milioni di euro non saresti nessuno…. c’è bisogno di umiltà di valori antichi… complimenti Guerriero ( aldila della mia fede rossoblù).

  4. Avatar

    Gerardo

    Settembre 20, 2016 at 12:06 pm

    Le belle notizie in Italia non vengono riportate in TV o interviste nelle trasmissione spazzature della d’urso o simile. Le persone vogliono solo inciuci e pettegolezzi.

  5. Avatar

    Delem

    Settembre 20, 2016 at 4:57 pm

    Bravo Fabio 6 grande …con noi fai il bravo… da un Laziale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Enzo Francescoli, il Principe che giocava da Re “In Sardegna, tra gente rimasta appartata e quasi isolata dal resto del mondo, si prolunga, più...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

La coppa fantasma: quella finale tra Udinese e Atalanta senza trofeo… La coppa fantasma. Fin dal giorno della sua assegnazione. Dove nessuno la vide...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro