Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Maxim Tsigalko: il più grande talento della storia che nessuno ha mai visto

Maxim Tsigalko: il più grande talento della storia che nessuno ha mai visto

Si apre oggi la sessione di calciomercato estivo e i club di calcio cercano il colpo dell’ultima ora per sistemare la rosa o cambiare il destino di una stagione appena iniziata. Ma ci fu un tempo in cui, per alcuni “allenatori”, l’unico giocatore da acquistare era solo uno: Maxim Tsigalko. Vi raccontiamo la storia di un “idolo” del passato.

Correva l’autunno del 2001. Per le strade di Roma la sponda giallorossa ancora era ebbra di felicità per lo storico terzo scudetto conquistato pochi mesi prima; la nuova Juventus di Marcello Lippi, per cancellare due anni di fallimenti targati Ancelotti, decideva di cedere in un sol colpo Zidane e Inzaghi per portare all’ombra della Mole Buffon, Thuram e Nedved; a Milano, invece, l’Inter di Moratti e Cuper puntava forte su Toldo e Materazzi mentre i rossoneri preferivano rinforzare il reparto avanzato col già citato ‘SuperPippo’ ed il fantasista Rui Costa; la Lazio, infine, salutati Veron e Nedved, non rimaneva a guardare e si assicurava due pezzi da novanta come Stam (davvero) e Mendieta (fenomeno solo sulla carta).

Era l’epoca delle famose ‘sette sorelle’ e anche i videogiocatori di tutto il mondo sognavano grazie a colpi piuttosto costosi per rinforzare le proprie squadre virtuali.

L’eroe di un Videogioco

In realtà, sul finire del 2001, grazie alla consueta edizione annuale del gioco Championship Manager, noto in Italia con il nome di Scudetto, nacque la leggenda legata al nome di uno sconosciuto calciatore bielorusso acquistabile per pochi (allora) miliardi che avrebbe appassionato gli ‘allenatori virtuali’ per molto tempo a venire.

Qualcuno lo conoscerà già (e allora nel risentire il suo nome avrà un tuffo al cuore) mentre per altri sarà un nome senza alcuna importanza: stiamo parlando del centravanti Maxim Tsigalko.

Chi è Maxim Tsigalko?

Nato a Minsk il 27 maggio del 1983, nella citata edizione del videogioco il ragazzo aveva soltanto 18 anni e militava nella squadra della sua città natale: la Dinamo. Una buona promessa e nulla più, avrà pensato colui che tra i primi nel mondo decise di puntare su di lui. Niente di più lontano dalla realtà virtuale.

Tsigalko entra ben presto nella leggenda del gioco per i numeri impressionanti mostrati in termini di gol (spesso oltre i 100 a stagione) uniti alla facilità con cui è possibile prelevarlo dalla sua squadra originaria. Il suo nome diventa un tormentone tra i tanti appassionati del gioco manageriale, così in molti iniziano anche ad incuriosirsi in riferimento alla carriera reale di questo centravanti dell’Europa orientale.

Si inizia a parlare, prima sui forum, poi sui blog, infine su riviste e quotidiani (addirittura il The Guardian, ad esempio) maggiormente abituati a trattare argomenti di successo tra la gente, come calcio e videogiochi, della storia del vero Tsigalko.

Un cammino, nel calcio giocato, ben lontano da quanto promesso all’interno di Championship Manager. Dopo 53 presenze e 24 gol in cinque anni alla Dinamo Minsk, infatti, il bielorusso è passato al Novopolotsk, tentando poi la fortuna un anno al Kaisar, in Kazakhstan, in Armenia con il Banants ed, infine, nel FC Savit.

A soli 26 anni, tuttavia, è stato costretto a ritirarsi per reiterati problemi fisici.

Chissà se il buon vecchio Maxim sarà mai stato avvertito di quanta popolarità abbia raggiunto nel mondo nonostante una carriera (reale) avara di soddisfazioni.

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro