Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Maxim Tsigalko: il più grande talento della storia che nessuno ha mai visto

Maxim Tsigalko: il più grande talento della storia che nessuno ha mai visto

Si apre oggi la sessione di calciomercato estivo e i club di calcio cercano il colpo dell’ultima ora per sistemare la rosa o cambiare il destino di una stagione appena iniziata. Ma ci fu un tempo in cui, per alcuni “allenatori”, l’unico giocatore da acquistare era solo uno: Maxim Tsigalko. Vi raccontiamo la storia di un “idolo” del passato.

Correva l’autunno del 2001. Per le strade di Roma la sponda giallorossa ancora era ebbra di felicità per lo storico terzo scudetto conquistato pochi mesi prima; la nuova Juventus di Marcello Lippi, per cancellare due anni di fallimenti targati Ancelotti, decideva di cedere in un sol colpo Zidane e Inzaghi per portare all’ombra della Mole Buffon, Thuram e Nedved; a Milano, invece, l’Inter di Moratti e Cuper puntava forte su Toldo e Materazzi mentre i rossoneri preferivano rinforzare il reparto avanzato col già citato ‘SuperPippo’ ed il fantasista Rui Costa; la Lazio, infine, salutati Veron e Nedved, non rimaneva a guardare e si assicurava due pezzi da novanta come Stam (davvero) e Mendieta (fenomeno solo sulla carta).

Era l’epoca delle famose ‘sette sorelle’ e anche i videogiocatori di tutto il mondo sognavano grazie a colpi piuttosto costosi per rinforzare le proprie squadre virtuali.

L’eroe di un Videogioco

In realtà, sul finire del 2001, grazie alla consueta edizione annuale del gioco Championship Manager, noto in Italia con il nome di Scudetto, nacque la leggenda legata al nome di uno sconosciuto calciatore bielorusso acquistabile per pochi (allora) miliardi che avrebbe appassionato gli ‘allenatori virtuali’ per molto tempo a venire.

Qualcuno lo conoscerà già (e allora nel risentire il suo nome avrà un tuffo al cuore) mentre per altri sarà un nome senza alcuna importanza: stiamo parlando del centravanti Maxim Tsigalko.

Chi è Maxim Tsigalko?

Nato a Minsk il 27 maggio del 1983, nella citata edizione del videogioco il ragazzo aveva soltanto 18 anni e militava nella squadra della sua città natale: la Dinamo. Una buona promessa e nulla più, avrà pensato colui che tra i primi nel mondo decise di puntare su di lui. Niente di più lontano dalla realtà virtuale.

Tsigalko entra ben presto nella leggenda del gioco per i numeri impressionanti mostrati in termini di gol (spesso oltre i 100 a stagione) uniti alla facilità con cui è possibile prelevarlo dalla sua squadra originaria. Il suo nome diventa un tormentone tra i tanti appassionati del gioco manageriale, così in molti iniziano anche ad incuriosirsi in riferimento alla carriera reale di questo centravanti dell’Europa orientale.

Si inizia a parlare, prima sui forum, poi sui blog, infine su riviste e quotidiani (addirittura il The Guardian, ad esempio) maggiormente abituati a trattare argomenti di successo tra la gente, come calcio e videogiochi, della storia del vero Tsigalko.

Un cammino, nel calcio giocato, ben lontano da quanto promesso all’interno di Championship Manager. Dopo 53 presenze e 24 gol in cinque anni alla Dinamo Minsk, infatti, il bielorusso è passato al Novopolotsk, tentando poi la fortuna un anno al Kaisar, in Kazakhstan, in Armenia con il Banants ed, infine, nel FC Savit.

A soli 26 anni, tuttavia, è stato costretto a ritirarsi per reiterati problemi fisici.

Chissà se il buon vecchio Maxim sarà mai stato avvertito di quanta popolarità abbia raggiunto nel mondo nonostante una carriera (reale) avara di soddisfazioni.

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 24 giugno 1947 il pilota di aerei Kenneth Arnold, mentre era...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Calcio

Il 21 giugno 1970 il Brasile dei fenomeni si impone sull’Italia, conquistando e portandosi a casa la Coppa Rimet. Riviviamo i fatti più salienti...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro