Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Da Inzaghi a Zoff, quando l’allenatore è un’aulularia

Se a più riprese ci si è chiesto cosa sia un allenatore per i giocatori – parafulmine, psicologo, padre, maestro, stratega, guru – poche volte ci si è interrogati sulla sua valenza per la società che rappresenta. Una risposta in proposito si può ricavare dall’Aulularia di Plauto, commedia latina che racconta l’improvvisa fortuna di tal Euclione quando scoprì in casa sua una pentola di monete d’oro (aulularia), perché anche un allenatore, in certi casi, può rivelarsi una ricchezza per il suo club. Soprattutto se è bravo e costa poco. L’ultimo esempio, in ordine di tempo, è Simone Inzaghi. Con la differenza, rispetto l’opera classica, che alla Lazio conoscevano il loro tesoro, emerso in questi anni alla guida della “Primavera” biancoceleste con la conquista di due coppe Italia e una Supercoppa.

Rivelazione del campionato grazie a un brillante girone d’andata (malgrado gli ultimi due stop con Juventus e Chievo), l’ex centravanti ha fatto ricredere molti scettici. Soprattutto quelli che al suo posto avrebbero voluto l’argentino Bielsa, nome carico di suggestioni, disapprovandone il mancato arrivo, l’estate scorsa, con toni pessimisti nei confronti della stagione che sarebbe andata a iniziare. Di tutt’altra idea il presidente Lotito, che ha proseguito con il tecnico piacentino, già bravo nella gestione dello scorso finale di torneo quando subentrò a Pioli. Scelta lungimirante. Inzaghi ha ricambiato la fiducia costruendo un gruppo dal gioco propositivo, confermandosi bravo con i ragazzi del vivaio (Lombardi, Rossi, Murgia) e, soprattutto, mostrando ottime capacità motivazionali: si è speso per convincere Keita a rimanere e ha rivitalizzato la spina dorsale della squadra (Marchetti, De Vrij, Biglia, Anderson) che, con l’innesto di Immobile, può definirsi di caratura europea.

Per un’aulularia del presente che incuriosisce, più d’una del passato che inorgoglisce per ciò che ha fatto dimostrando come l’allenatore bravo non sia quello che costa di più. Tutt’altro. Nel novembre 1970, Giovanni Invernizzi fu catapultato dalla panchina della “Primavera” a quella della prima squadra di un’Inter in crisi. Ricompattato un ambiente riecheggiante gloria (Facchetti, Corso, Jair, Mazzola), grazie ai ventiquattro gol di Boninsegna recuperò sette punti (la vittoria ne valeva due) al Milan e vinse uno scudetto inimmaginabile. L’anno dopo, in Coppa Campioni, si arrese solo in finale all’Ajax di Cruijff, creatura preziosa più di qualsiasi metallo.

Anche Costantino Rozzi nel 1970 si decise che il suo Ascoli stazionante in serie-C andava affidato fin dall’inizio a quel trasteverino tecnico delle giovanili, autentica ricchezza di competenza, temperamento e umanità: Carlo Mazzone. Che in quattro anni trascinò i bianconeri alla loro prima promozione in serie-A.

Tracce di Plauto anche a Torino e a Parma. Sotto la Mole, è rimasta nei cuori granata l’escalation della formazione di Camolese, promossa in Serie-A nel 2001 con l’ex centrocampista della Lazio alla prima esperienza con i più grandi. Sulla via Emilia, invece, alla fine di quell’anno Pietro Carmignani, “Gedeone” per gli amici, rilevò uno spogliatoio negli abissi dopo la gestione Passarella (anch’egli argentino ed evocatore di suggestioni) che, con le reti di Di Vaio, cominciò una rimonta straordinaria, coronata con la salvezza e sconfinata nella leggenda con la Coppa Italia alzata da capitan Benarrivo il 10 maggio 2002 dopo l’1-0 alla Juventus fresca di scudetto. Tre anni dopo, Carmignani nuovamente sul ponte di comando per evitare un altro naufragio. Arrivò alle semifinali di coppa Uefa e si salvò allo spareggio con i centri di Gilardino. Un forziere, “Gedeone”. Di risorse inestimabili.

Come quelle di Dino Zoff, monumento di Juventus e Nazionale, che nel gennaio 1997 fu convinto a lasciare la presidenza della Lazio per riprendere tuta e scarpini e raccogliere un organico non più capace di tradurre in gol i dettami zemaniani. In sedici partite ottenne trentadue punti e la qualificazione Uefa. Lasciò a Eriksson per riprenderne il posto nel 2001 a “-12” dalla capolista Roma. In diciotto gare, quarantaquattro punti. Maggio 2001, terzultima giornata, intervallo: Inter-Lazio 0-1, Roma-Milan 0-1. In quel momento, biancocelesti a “-2” dalla vetta. Ma che cosa sarebbe successo senza il pareggio nerazzurro di Dalmat al 92’, è come il finale dell’Aulularia originale: si può immaginarlo, ma non si potrà mai saperlo.

A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Armando Picchi: cuore, sangue e anarchia Il suo nome nel cuore dei vecchi interisti è sinonimo di leggenda. Il suo ricordo è legato all’Inter...

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro