Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Da quasi esonerato a padrone del suo Chelsea: a Londra è nato il Conte’s way

Sembrava sull’orlo del precipizio quel pomeriggio di fine Settembre all’Emirates Stadium quando l’Arsenal di Arsene Wenger passeggiava su sul suo Chelsea. Quel giorno Antonio Conte aveva una squadra senza anima che aveva perso malamente pochi giorni prima contro il Liverpool in casa. I bookmakers d’oltre manica non quotavano più il suo esonero ed per il Chelsea sembrava solo l’inizio di un’altra stagione deludente dopo il fallimento della passata. Dopo un mese e mezzo sembrava essersi rivoltato il mondo con l’ex allenatore della Juventus capace di riprendere le redini del suo gruppo e di portarlo in alto, dove deve stare un club ricco e prestigioso come il Chelsea.

SVOLTA- Da quel 24 Settembre i Blues hanno infilato 5 vittorie di fila contro Hull City e Southampton fuori casa, e Leicester, Manchester United ed Everton tra le mura amiche dello Stamford Bridge. Gli uomini di Antonio Conte in queste cinque partite, intramezzate dalla sconfitta in coppa di Lega contro il West Ham per 2-1, hanno messo a segno 16 gol senza subirne alcuno, centrando vittorie rotonde con risultati roboanti come il 4-0 sul malcapitato United di Josè Mourinho e il 3-0 rifilato ai Campioni d’Inghilterra in carica del Leicester. Una svolta improvvisa che però non è stata affatto casuale: Conte ha avuto il coraggio di cambiare, di imporre la sua filosofia di calcio senza però scontrarsi con il modo di giocare al football degli inglesi. L’ex Ct della Nazionale Italiana ha cambiato passando ad un 3-4-3, modulo inedito in Premier League dove tutte le grandi giocano con rigorosamente con la difesa a 4. Una svolta figlia anche delle scelte di Conte che ha deciso di optare per  un calcio più aderente alla sue idee, trovando il giusto supporto da parte dei calciatori, fattore fondamentale per la riuscita di qualsiasi piano di gioco. Conte ha fatto delle scelte precise anche negli uomini, rivitalizzando giocatori come Hazard e Diego Costa che sembravano ormai degli ex blues e che invece ora sono tornati protagonisti assoluti. Il tecnico pugliese è stato bravo anche a puntare sui nuovi come Marco Alonso e Kantè che nella prima fase della stagione non avevano inciso affatto. Importante in questa crescita anche l’ottima forma fisica della squadra, una certezza delle compagini allenate da Conte, grazie al lavoro del suo staff, guidato da Paolo Bertelli che rappresenta una sicurezza in questo senso. Conte aveva  semplicemente bisogno di tempo. Quel tempo che va concesso a qualsiasi tipo di allenatore che eredita un gruppo da pochi mesi e soprattutto si tuffa in un contesto nuovo e particolare come può essere quello inglese.

VERITA’- Dopo la sosta per le Nazionali per il Chelsea arriverà il momento della verità, per capire se veramente i Blues potranno essere realmente protagonisti in questa Premier League che non conosce padroni: dopo il Middlesbrough in trasferta, per il Chelsea ci saranno in rapida successione Tottenham e Manchester City due sfide di alta quota che diranno molto sul futuro della squadra di Antonio Conte. Ora il suo Chelsea è secondo solo allo straordinario Liverpool di Jurgen Kloop, ma la fame e la voglia di imporsi in un calcio cosi diverso dal suo potranno fare la differenza nel medio e lungo periodo, regalando magari all’Italia un incredibile bis dopo la vittoria della Premier dello scorso anno da parte del sorprendente Leicester di Claudio Ranieri.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Jack Grealish: l’Orfeo di Birmingham Scorrendo le classifiche dei top campionati in giro per l’Europa non si può che restare ammaliati dal richiamo della...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Sir Alex e gli altri: i 10 allenatori più longevi della storia del calcio Compie oggi 79 anni Sir Alex Ferguson, l’allenatore che non...

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 25 dicembre 1977 moriva quel genio artistico di Charlie Chaplin,...

Calcio

Stan Bowles: il più grande talento che non avete mai visto Compie oggi 72 anni Stan Bowles, un calciatore il cui nome non potrebbe...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro