Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Da Boko Haram a scudiero di Conte: Victor Moses, l’uomo che viaggiava nel vento

[themoneytizer id=”27127-1″]

Da Boko Haram a scudiero di Conte: Victor Moses, l’uomo che viaggiava nel vento

‘Di solito, a nessuno vai bene così come sei’, canta Luca Carboni in una celebre canzone.

In Nigeria, con la presenza costante dei fondamentalisti islamici di Boko Haram, è davvero difficile vivere in pace se ti professi cristiano, soprattutto se – come i genitori di Victor Moses – fai proseliti nella tua città, ben consapevole del fatto che i terroristi ti daranno la caccia in lungo e in largo ma convinto forse che al mondo esista ancora un barlume di buonsenso.

Austin Moses era un pastore cristiano, nato e noto a Kaduna, la madre Josephine invece lo aiutava con dedizione; inutile dire come si trattasse di due bersagli ben visibili ai radar degli attentatori, che ancora oggi straziano la città nigeriana con attacchi bomba.

Era il 2002 quando i terroristi ‘bussarono’ alla loro porta, proprio mente Victor stava giocando a calcio per la strada. Come ogni giorno.

Dopo aver passato un paio di giorni nascosto in casa di amici, come raccontato dallo stesso giocatore, decisero di mandarlo a Londra dove alcuni parenti – fuggiti anch’essi dal fondamentalismo – lo attendevano per mettere al sicuro la vita di un ragazzino, allora appena dodicenne.

Chi conosce bene la capitale inglese sa che a Croydon regna il Crystal Palace, squadra perfetta per far crescere un giovane dalle belle speranze ma dal passato buio come il nigeriano; dopo sette anni nell’academy delle Eagles, dal momento del suo passaggio al Wigan, quando due stagioni su ritmi impressionanti gli valsero una chiamata dal Chelsea, tutto il resto è storia.

Europa League al primo anno, giocato da protagonista, poi tre anni di prestiti e 60 presenze totali: bene al Liverpool, meglio allo Stoke City e sempre in prima fila persino al West Ham, ultima squadra prima di tornare a rapporto per cercare un posto nei 23 uomini prescelti da Antonio Conte in carica ai Blues.

Inutile dire che ci sia riuscito, diventando uomo chiave nel 3-4-3 tutto italiano, dimostrandosi una vera e propria forza della natura tanto per grinta quanto per continuità. Insieme a Conte si è portato a casa uno Scudetto e una FA Cup. Ora i due sono di nuovo insieme all’Inter e il tecnico pugliese non può che essere contento di riavere quello che venne definito ai  tempi di Londra “il nuovo Giaccherini di Conte”.

Per resistere agli urti della vita Victor Moses ha dovuto stringere i denti, riprendersi da un trauma infantile prima di trovare la forza di farsi largo nel calcio che conta, entrandovi un po’ a modo suo; prima con grande fatica, ora con enorme soddisfazione.

Moses corre, corre come se qualcuno lo stesse spingendo, accelera senza mai fermarsi mantenendosi però sempre lucido nonostante la velocità quasi proibitiva.

Dalla strada a Stamford Bridge, da una strage a una nuova vita, da talento nascosto a giocatore fondamentale. Oggi pronto a conquistare anche San Siro, sempre senza dimenticare il passato e la sua famiglia.

Ovunque siano adesso, credo che dovrebbero essere fieri di me” – Victor Moses

[themoneytizer id=”27127-28″]

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Pugilato

Ron Lyle: storia del Campione che sbagliò epoca Il 26 novembre 1941 moriva Ron Lyle, il pugile afroamericano la cui storia insegna che, a...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Jan Jongbloed: c’erano una volta un tabaccaio, un pescatore e un portiere di calcio Compie oggi 80 anni Jan Jongbloed, storico portiere di quella...

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile Il 24 Novembre 2012 a seguito di una sparatoria moriva Hector Camacho, un pugile unico nel suo...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Il 16 novembre 1892 nasceva Tazio Nuvolari, il leggendario pilota automobilistico che correva negli anni in cui salire su una...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro