Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il cuore grande di Marcus Rashford

Il cuore grande di Marcus Rashford

Quante volte ci siamo sentiti dire che calcio e politica erano ben “distinti tra loro”? Anche in occasioni poco piacevoli, in cui questi due ambiti entravano in contatto nella più differenti occasioni, esisteva chi tentava di non leggere ciò che era successo in ambito calcistico da un punto di vista strettamente politico.

Per fortuna, però, calcio e politica a volte si possono incontrare anche per portare avanti iniziative benefiche e che vanno a vantaggio dei più deboli. La storia che vogliamo raccontarvi in questo senso ci porta in Inghilterra e, precisamente, nella città di Manchester.

Proprio qui giocano due delle squadre più famose e conosciute dell’intero campionato inglese di Premier League: il Manchester United ed il Manchester City. Nel primo team, conosciuto con il soprannome di Red Devils, gioca il giovane attaccante inglese di origine nevisiana Marcus Rashford.

Rashford è uno dei più giovani talenti che il team dell’Old Trafford può vantare nella sua rosa. Esordisce, sia in campionato che in una partita internazionale, nel febbraio 2016 a neanche 19 anni di età. Il 25 febbraio di quell’anno, infatti, sostituisce nella formazione titolare Anthony Jordan Martial prima della partita di Europa League contro i danesi del Midtjylland.

In quel match mette a segno una doppietta diventando, ad appena 18 anni e 117 giorni di età, il più giovane calciatore nella storia dello United a timbrare il cartellino in un match europeo. Fino ad allora, tale primato, era stato “occupato” da un certo George Best, un giocatore che, dalle parti di Manchester, viene considerato un vero e proprio dio.

Convince così tanto che tre giorni dopo, il 28 febbraio, arriva anche il debutto ufficiale in Premier League. Rashford infatti viene schierato titolare nella partita contro l’Arsenal.

Il 20 marzo, poi, riesce ad entrare nel tabellino dei marcatori in campionato durante un match assai speciale: il derby contro il City. Anche in questo caso diventa il più giovane calciatore dello United a segnare in una stracittadina e togliendo quel primato ad un certo Wayne Rooney.

Tornando a questo periodo che, a causa della pandemia Covid19 è abbastanza strano per quel che riguarda il calcio a livello mondiale, Marcus Rashford si è reso protagonista di una bellissima iniziativa a livello sociale e politico. Ha dato una mano per raccogliere circa 20 milioni di sterline per sostenere varie famiglie di Manchester che, per varie ragioni, durante l’epidemia avevano dovuto affrontare dure difficoltà sotto numerosi punti di vista.

In più, lo scorso 15 giugno, il calciatore ha cercato di mettersi in contatto, tramite la pubblicazione di una lettera con il premier britannico, il conservatore Boris Johnson, per fargli cambiare idea su una sua scelta presa in precedenza. Nello specifico Rashford ha chiesto al governo di non sospendere i buoni per i pasti gratuiti forniti dalle mense scolastiche durante i mesi estivi.

Questi in alcuni casi rappresentano i soli pasti completi che molti giovani delle scuole del Regno di sua Maestà possono concedersi durante una giornata. In un primo momento, però, il Dipartimento dell’Istruzione di Londra aveva risposte negativamente dicendo di voler portare avanti la sua riforma.

Fortunatamente, però, l’iniziativa del calciatore ha da subito riscosso un grosso successo ed ha potuto contare su un fortissimo appoggio da parte di migliaia di persone. Per questo motivo lo stesso Johnson ha contattato Rashford nei giorni seguenti e si è detto pronto a cambiare la nuova norma.

Durante una conferenza stampa, l’inquilino di Downing Street ha affermato: “Ho parlato con Marcus Rashford, mi sono congratulato con lui per la sua campagna – di cui, a dire il vero, sono venuto a conoscenza soltanto oggi – e lo ringrazio ancora per quello che ha fatto. Molti si sono chieste cosa avesse spinto l’attaccante ad una presa di posizione del genere. Lo stesso Rashford lo spiega bene nella lettera inviata a Johnson in cui afferma di essere stato fra i bambini che in passato hanno potuto beneficiare dei pasti gratuiti, essendo cresciuto da solo con la madre in una situazione di povertà a sud di Manchester.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Il 4 Gennaio 1998 il calcio riconosceva la grandezza di Ronaldo il Fenomeno, consegnandogli il primo Pallone d’Oro...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Avrebbe compiuto ieri 93 anni uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone,...

Calcio

Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 30 anni Shane Duffy, il calciatore irlandese la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro