Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Cuba, sogni e destino: addio a José Fernandez, stella della MLB

Qualcuno li chiamerebbe scherzi del destino.

José Fernandez gli Stati Uniti li aveva voluti fortemente. Tanto da essere arrestato nei suoi primi tre tentativi di abbandonare Cuba illegalmente ed attraversare lo stretto lembo d’oceano che divide l’isola dalla Florida.

Poi finalmente il sogno a portata di mano. 15 anni, Tampa. Finalmente gli Stati Uniti.

José sa giocare bene a baseball, molto bene. E viene subito notato dai Marlins di Miami.

Scelto al primo giro del Draft MLB del 2011. Esordio il 7 aprile del 2013.

Una carriera lanciata. 24 anni e la possibilità di diventare tra i più forti giocatori cubani di sempre.

José Fernandez è morto domenica 25 settembre all’alba. La barca sulla quale viaggiava si è schiantata contro degli scogli nella zona di Miami Beach, non lasciando scampo a lui e agli altri due uomini che con lui viaggiavano.

Ucciso dallo stesso mare con cui aveva dovuto combattere per prendersi i suoi sogni.

Uno shock per tutti.

Per la famiglia, soprattutto.

José aspettava un bambino che nascerà di qui a pochi mesi.

La nonna del lanciatore cubano ha avuto un attacco di cuore alla notizia della scomparsa del nipote.

I due erano stati protagonisti di un video molto toccante in occasione del loro primo incontro, nel 2013, sei anni dopo l’ultimo prima che José partisse per gli Stati Uniti.

fernandez

Uno shock anche per i Marlins.

Non ha saputo trattenere le lacrime David Samson, presidente della franchigia di Miami, durante la conferenza stampa dopo la morte di José.

Quando penso a José ho sempre impressa l’immagine di un bambino. Lui era proprio come un bambino, per la sua maniera di giocare, l’allegria che ci metteva. Sembrava un bambino di qualsiasi piccola lega locale” ha raccontato commosso Don Mattingly, manager dei Marlins.

Uno shock anche per tutta la comunità cubana.

José era per tutti un simbolo. Un simbolo di coraggio, di forza, di lotta per la libertà.

Per tutti a Miami e soprattutto per i cubani, la sua storia dovrebbe essere un esempio di amore, speranza e fede. Nessuno deve dimenticarla” ha aggiunto sempre Samson.

Un lutto che ha viaggiato fino a Cuba.

Il Bar Prado y Neptuno è uno dei pochi luoghi pubblici dove si trasmette la MLB.

“Quando lanciava José, e come lanciava, il bar si riempiva. L’unico motivo per cui pagavo la birra che bevo qui era per vedere le sue partite. Mi fa molto male la sua morte improvvisa” ha raccontato El Gallego Antonio Olivares una delle icone delle peñas beisboleras dell’Avana.

fernandez2

Il Marlins Park, situato proprio nel quartiere della Pequeña Habana a Miami, si è trasformato in luogo di pellegrinaggio.

La gara contro gli Atlanta Braves è stata cancellata.

fernandez3

Voi siete nati liberi, non capite cosa significhi davvero la libertà” diceva José.

Di lui, resterà soprattutto questo. Questo suo amore per la libertà.

 

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Motori

Jim Clark, l’amore al volante Il 7 aprile 1968 sul circuito di Hockenheim perde la vita in un tragico incidente Jim Clark, leggendario pilota...

Basket

Memento: C’erano una volta i Sonics, la Leggenda di Emerald City Il 5 Aprile 1994 Kurt Cobain si suicidava sparandosi nel suo garage. E...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 31 marzo 1878 nasceva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  Il 29 marzo 1952 nasceva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Basket

Oral Roberts, i fondamentalisti cristiani cercano la gloria (sportiva) Due eliminazioni eccellenti. E una terza che potrebbe proiettarli nelle migliori otto squadre di basket...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande...

Motori

Elio De Angelis, il pilota e il pianoforte Avrebbe compiuto oggi 63 anni Elio De Angelis, sfortunato pilota romano che ha perso la vita...

Calcio

Mi chiamo Bruno, gioco a pallone Il 24 Marzo 2018 ci salutava a soli 26 anni Bruno Boban, un calciatore di terza divisione croata...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro