/

Costa Smeralda a piedi: sentieri per trekker e hikers

Inizia la lettura
/
5 mins read

Dei benefici del trekking e della filosofia dell’hiking abbiamo già parlato in diversi articoli sul nostro sito, raccontando di quante belelzze ci riservi il nostro paese e di quanto sia possibile conoscerle da vicino, immersi nella natura, grazie a queste modalità di viaggio all’avventura.

In questo articolo vogliamo concentrarci non solo sulla regione della Sardegna, ma in una delle sue zone più celebri e paesaggisticamente emozionanti: la Gallura e la zona della Costa Smeralda!

Questi sono i trekking e i sentieri più belli della regione!

Monti Zoppu

Mediamente, gli appassionati di trekking rifuggono i luoghi più preziosi, le città e le località turistiche di massa, come in effetti da molti anni è la Costa Smeralda nell’opinione popolare. In realtà questa zoma della Sardegna è molto altro, oltre che lusso e jet set.

Il primo percorso che vogliamo segnalarti è quello dei Monti Zoppu. Il dislivello e l’impervietà del percorso lo rende più adatto a camminatori da medio-esperti ad esperti

Pevero Trail

Nel primissimo entroterra della Costa Smeralda è possibile visitare e percorrere i circa 13 chilometri del Pevero Trail, diviso a sua volta in diversi percorsi di difficoltà crescente. Corsa, bicicletta, camminata o semi-arrampicata, le possibilità sono moltissime ed è possibile eseguire la maggior parte dei percorsi anche con i bambini oppure ad andatura molto rilassata. Consigliamo questo percorso a qualsiasi camminatore, anche principiante.

Le Cale

Se il tuo interesse è più naturalistico e sei interessato alla vicinanza con il mare, il percorso di camminata che ti suggeriamo è quello delle Cale: la partenza è a Cala di Volpe, e l’arrivo è fissato per Rena Bianca. Questo percorso è davvero molto semplice perché il dislivello è minimo per tutto il percorso, e relativamente breve: parliamo di circa ¾ ore di cammino a passo naturale.

Monte Moro

Il sentiero del Monte Moro è il più complesso di quelli di cui ti vogliamo parlare, perché il dislivello supera i 400 metri alla cima ed è in assoluto quello più incontaminato e meno battuto. Se sei un camminatore allenato ed esperto di outdoor, non possiamo che consigliarti una gita giornaliera su questo sentiero!

Non solo natura

La Costa Smeralda, come abbiamo visto, regala ai suoi visitatori una natura straordinaria: vento quasi continuo, spiagge assolate, un mare a dir poco caraibico e la macchia mediterranea, con i suoi colori e i suoi profumi, a fare da sfondo a passeggiate per tutta la famiglia di immenso valore.

Questa regione della Sardegna è però, e a ragione, una meta turistica che offre bellezze a tutti i livelli: dal lusso dello shopping alla genuina cucina gallurese, dal buon vino alla storia delle civiltà prenuragiche, preromane, romane e medioevali.

Queste sono alcune piccole tappe che vogliamo segnalarti per completare il tuo itinerario smeraldino:

  • gioielleria Rosas a Olbia, una vera e propria istituzione dove acquistare un gioiello che suggelli l’esplorazione di questo territorio. Non possiamo che consigliarti, ovviamente, una delle fedi sarde presenti in catalogo, che raccontano una tradizione antichissima e intrisa di leggenda;
  • zuppa gallurese, a base di pane raffermo, formaggio e brodo di carne, e gnocchi galluresi, conditi con pomodoro e basilico, salsiccia oppure ragù di selvaggina (prevalentemente cinghiale);
  • Vermentino, Muristellu e Carignano per la squadra dei vini della regione, con cui sorprendere i famigliari e gli amici: una bottiglia di buon vino è sempre un regalo apprezzato, al rientro da una vacanza! In questo articolo puoi leggere un approfondimento ulteriore su tutte le tipologie della Gallura, per andare ancora più a colpo sicuro nella scelta;
  • complesso Lu Brandali, necropoli di Li Muri, pozzo di Sa Testa, la Tomba dei giganti di Su Monte e il nuraghe Albucciu per scoprire di più anche della storia antichissima della regione in alcune delle sue più maestose espressioni

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Articoli recenti a cura di