Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura

Cosa significa essere Gianni Mura

Lo scorso 21 marzo è stata ricordata la scomparsa di Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che in pieno lockdown 2020 ci ha lasciato a causa di un tumore. Il nostro tributo a una eterna fonte di ispirazione.

Ci voleva anche la morte di Gianni Mura? No, non ci voleva anche la morte di Gianni Mura. E se sicuramente non ci sarebbe mai voluta, in questo momento ancora di meno. Non bastava la paura di questo maledetto virus, l’incertezza in un presente fragile, il terrore di un futuro nero. Ora ci si è messo anche questo vuoto, un meno per meno che nella vita reale non fa mai più.

Attacco di cuore. Appena letto, inconsciamente, mi sono acceso una sigaretta. Benché non fosse la Gauloises di Giallo su giallo, l’ennesimo tentativo di emulazione mal riuscita. Perché chi Mura lo ha amato e ambiva a poterlo chiamare collega, inevitabilmente nell’imitazione c’è caduto. E forse si è fatto anche parecchio male.

Gianni Mura non era solamente la bibbia laica del lunedì mattina, come dichiarò apertamente Michele Serra. Gianni Mura era il giornalista che si sognava di essere. Colto, intelligente, diretto. Una vita piena, una carriera che basterebbe viverne neanche la metà.

Mura era il sogno di poter rivivere l’altro grande Gianni, Brera. L’utopia di poterne condividere una caraffa di Barbaresco, rigorosamente di Oddero.

Stona troppo questo addio. Stona ancora di più perché avvenuto in un periodo in cui la sua Milano era blindata, vuota, listata a lutto, ancora più distante da quella di osti e hostarie che Mura scriveva, dandoti la sensazione di percepirne la nebbia.

Gianni Mura era l’obiettivo, un lontanissimo punto di arrivo, praticamente irraggiungibile. Il “come sarebbe stato bello se…” che ogni aspirante giornalista almeno una volta deve aver mormorato. Il ritornello giornaliero di chi invece la professione non è riuscito a esercitarla e sognando di essere Mura quantomeno leniva il quotidiano.

Non sarà più lo stesso il Mondo, non sarà più lo stesso il ciclismo. Mica è vero che è la storia e non colui che la racconta. Perché il racconto di Mura valeva da solo l’evento. Ed era esattamente quello che avremmo voluto scrivere noi.

Mura era Pantani, Ocana, il Tour, Gigi Riva, la macchina da scrivere, le sigarette, il vino. Era frasi sottolineate, giornali ritagliati, un mucchio di sogni nel cassetto.

Gianni Mura era l’evasione da una vita che ti sta stretta, da un lavoro che non ti piace. L’illusione di poter essere lui anche solo per un attimo e non il rimpianto di non esserci neanche lontanamente riuscito. E senza neanche questa breve fuga, ora, come si va avanti?

Era la capacità di mischiare pedali e formaggi, la conoscenza di tutto in profondità. La Fiamma Rossa letta, riletta, letta ancora. Il sogno di riuscire un giorno a scriverla.

Era la scrittura che non ho mai avuto e la vita che non avrò mai.

Era troppo per andarsene e soprattutto per farlo ora. Perché senza certezze ci voleva almeno un’illusione.

Senza neanche questa il duro è durissimo, il difficile impossibile.

Gianni Mura ero io. Il me stesso di cui sarei stato orgoglioso.

Ora resta solo parte vera. Che però avrei voluto tenere nascosta.

Eternamente grato, Gianni Mura.

 

 

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 74 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Altri Sport

Matteotti e Bottecchia: il socialista e il ciclista e un tragico destino già scritto Il 10 giugno 1924 moriva, a soli 39 anni di...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro