Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura

Cosa significa essere Gianni Mura

Ieri avrebbe compiuto 75 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che in pieno lockdown ci ha lasciato a causa di un tumore. Il nostro tributo a una eterna fonte di ispirazione.

Ci voleva anche la morte di Gianni Mura? No, non ci voleva anche la morte di Gianni Mura. E se sicuramente non ci sarebbe mai voluta, in questo momento ancora di meno. Non bastava la paura di questo maledetto virus, l’incertezza in un presente fragile, il terrore di un futuro nero. Ora ci si è messo anche questo vuoto, un meno per meno che nella vita reale non fa mai più.

Attacco di cuore. Appena letto, inconsciamente, mi sono acceso una sigaretta. Benché non fosse la Gauloises di Giallo su giallo, l’ennesimo tentativo di emulazione mal riuscita. Perché chi Mura lo ha amato e ambiva a poterlo chiamare collega, inevitabilmente nell’imitazione c’è caduto. E forse si è fatto anche parecchio male.

Gianni Mura non era solamente la bibbia laica del lunedì mattina, come dichiarò apertamente Michele Serra. Gianni Mura era il giornalista che si sognava di essere. Colto, intelligente, diretto. Una vita piena, una carriera che basterebbe viverne neanche la metà.

Mura era il sogno di poter rivivere l’altro grande Gianni, Brera. L’utopia di poterne condividere una caraffa di Barbaresco, rigorosamente di Oddero.

Stona troppo questo addio. Stona ancora di più perché avvenuto in un periodo in cui la sua Milano era blindata, vuota, listata a lutto, ancora più distante da quella di osti e hostarie che Mura scriveva, dandoti la sensazione di percepirne la nebbia.

Gianni Mura era l’obiettivo, un lontanissimo punto di arrivo, praticamente irraggiungibile. Il “come sarebbe stato bello se…” che ogni aspirante giornalista almeno una volta deve aver mormorato. Il ritornello giornaliero di chi invece la professione non è riuscito a esercitarla e sognando di essere Mura quantomeno leniva il quotidiano.

Non sarà più lo stesso il Mondo, non sarà più lo stesso il ciclismo. Mica è vero che è la storia e non colui che la racconta. Perché il racconto di Mura valeva da solo l’evento. Ed era esattamente quello che avremmo voluto scrivere noi.

Mura era Pantani, Ocana, il Tour, Gigi Riva, la macchina da scrivere, le sigarette, il vino. Era frasi sottolineate, giornali ritagliati, un mucchio di sogni nel cassetto.

Gianni Mura era l’evasione da una vita che ti sta stretta, da un lavoro che non ti piace. L’illusione di poter essere lui anche solo per un attimo e non il rimpianto di non esserci neanche lontanamente riuscito. E senza neanche questa breve fuga, ora, come si va avanti?

Era la capacità di mischiare pedali e formaggi, la conoscenza di tutto in profondità. La Fiamma Rossa letta, riletta, letta ancora. Il sogno di riuscire un giorno a scriverla.

Era la scrittura che non ho mai avuto e la vita che non avrò mai.

Era troppo per andarsene e soprattutto per farlo ora. Perché senza certezze ci voleva almeno un’illusione.

Senza neanche questa il duro è durissimo, il difficile impossibile.

Gianni Mura ero io. Il me stesso di cui sarei stato orgoglioso.

Ora resta solo parte vera. Che però avrei voluto tenere nascosta.

Eternamente grato, Gianni Mura.

 

 

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro