Connect with us

Cerca articoli

Non solo sport

Coronavirus e donazioni: la ragione si dà ai matti

Coronavirus e donazioni: la ragione si dà ai matti

Sul virus, io lo chiamo così: il virus, omettendo la Corona che a mio parere sta meglio in testa a Sua Maestà Elisabetta II Regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, che in capo a un bastardissimo microbo, è stato scritto e detto tutto. E altro viene raccontato ogni giorno, con ogni mezzo tra quelli disponibili. Io ho una mia precisa opinione, ma non sono nessuno per diffonderla e la tengo per me, di sicuro non ci rinuncio perché la libertà di pensiero pare sia ancora tra i diritti costituzionali che non sono stati sospesi. La conoscono mia moglie, che la condivide e credo che in 13 anni di matrimonio non sia successo spesso di essere d’accordo, e i miei amici più stretti. Almeno loro, se sarà il caso, potranno dirmi che avevo ragione. Io adoro sentirmi dire che ho ragione, e, visto che la ragione si da ai matti, amo alla stessa maniera sentirmi dire che sono matto. Ho anche una figlia che, prima che fosse teorizzato l’autismo, sarebbe stata definita matta, dunque il  cerchio è chiuso, i pezzi del puzzle perfettamente incastrati.

C’è però un aspetto interessantissimo legato al virus  di cui credo di poter parlare senza creare allarme e che non mi pare essere stato evidenziato da nessuno: per la prima volta nella storia delle catastrofi naturali viene chiesto alle vittime di effettuare delle donazioni in favore di se stesse! Come se dopo un terremoto venisse chiesto a chi ha perso la casa  di donare denaro per la ricostruzione. Perché se è vero che c’è chi è più colpito, perché ha perso un familiare o è stato qualche settimana in rianimazione tra la vita e la morte, come dopo un terremoto c’è chi oltre alla casa ha perso anche e soprattutto  la famiglia, è altresì vero che siamo tutte vittime in questa storia, chi più chi meno. A tutti sono state enormemente limitate le libertà personali presenti in costituzione, tutti siamo potenzialmente a rischio contagio, molti, soprattutto i commercianti, i ristoratori, i baristi, le partite IVA, gli alberghi e tanti, tanti altri, non stanno lavorando e non stanno guadagnando il necessario per mantenere le loro famiglie. I disabili, e la storia di mia figlia “matta” ve l’ho raccontata su queste webcolonne qualche giorno fa, si sono visti sospendere praticamente ogni forma di assistenza.

Le sottoscrizioni che sono state aperte però, e sono tantissime e  meritevoli di attenzione, chiedono a noi vittime denaro per permettere agli ospedali, alla protezione civile di acquistare apparecchiature e predisporre spazi per curarci. Come se noi vittime non stessimo pagando tasse sui guadagni del nostro lavoro da anni. Anzi da generazioni, prima di noi i nostri genitori e i nostri nonni, affinché gli ospedali ci curino se stiamo male e la protezione civile ci soccorra in caso di emergenza. Pensiamoci. Poi magari se qualche euro vi avanza, donate, perché la responsabilità di tutto ciò non è di chi sta cercando di raggranellare delle somme per acquistare qualche respiratore e qualche letto in più, però pensateci.

Francesco Beltrami

Francesco Beltrami nasce 55 anni fa a Laveno sulle sponde del Lago Maggiore per trasferirsi nel 2007 a Gozzano su quelle del Cusio. Giornalista, senza tessera perché allergico a ogni schema e inquadramento, festeggerà nel 2020 i trent'anni dal suo primo articolo. Oltre a raccontare lo sport è stato anche atleta, scarsissimo, in diverse discipline e dirigente in molte società. È anche, forse sopratutto, uno storico dello sport, autore di diversi libri che autoproduce completamente. Ha intenzione di fondare un premio giornalistico per autoassegnarselo visto che vuol vincerne uno e nessuno glielo da.

Da non perdere

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Altri Sport

Armin Zöggler: a tu per tu con il Cannibale del ghiaccio In questa anno balordo il momento  delicato dovuto alla seconda ondata Covid  ha...

Cura e Prevenzione

Coronavirus: RS Components presenta la nuova gamma di igienizzanti per mani Gli igienizzanti per mani sono entrati a tutti gli effetti nella routine di...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

EURO 2012: la grande illusione La tradizione calcistica che accompagna il nostro paese è una delle più longeve e vincenti della storia di questa...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Allenamento

Il ciclismo 2.0: tempi duri per gli amanti della bici Tempi duri per gli amanti della bicicletta, almeno quella intesa in senso tradizionale: l’Italia...

Calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio Il 5 aprile del 1942 allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, dopo  sedici lunghi...

Azzardo

Se il Covid aumenta la percentuale di giocatori da casa La pandemia non è stata una disgrazia per tutti, ci sono alcuni settori per...

Azzardo

Come l’AAMS (ora ADM) ha cambiato il mercato del gioco online in Italia Quando si parla di casinò pensiamo subito a Las Vegas o...

Calcio

Silvio Piola, il più grande marcatore italiano che non vinse mai lo scudetto Il 4 ottobre 1996 ci lasciava Silvio Piola, simbolo del calcio...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 29 settembre 1942 nasceva Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro