Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Coppa Italia, fattore campo e l’anomalia Roma: può alzare la coppa giocando sempre all’Olimpico

Ieri sera si sono conclusi i quarti di finale della Tim Cup con la vittoria della Roma sul Cesena grazie al rigore di Francesco Totti all’ultimo respiro. Un rigore dubbio che probabilmente a parti invertite non sarebbe stato concesso. Il gioco del calcio ormai non è più solo un pallone che rotola su un manto erboso, ma anche e soprattutto potere e diritti tv. Facile quindi fare l’equazione che il derby Lazio-Roma e  la sfida Juventus-Napoli, con il primo ritorno di Higuain al San Paolo nella sfida di ritorno, abbia un appeal diverso da un Lazio-Cesena, con la gioia dei dirigenti Rai.

Aldilà della formula, spesso criticata, che comunque regalerà due sfide emozionanti e dal grande significato, in questa edizione si potrebbe verificare una curiosa anomalia più unica che rara. Il regolamento della Coppa Italia, infatti, prevede che giochi la gara in casa chi, tra le due contendenti, sia stato sorteggiato con un numero inferiore al momento degli accoppiamenti. La Roma è stata “estratta” con il numero 2 ed infatti ha disputato all’Olimpico i primi due turni in gara secca: gli ottavi di finale contro la Sampdoria, numero 15 e i quarti di finale contro il Cesena, numero 35. In semifinale, unico turno previsto con la  doppia sfida andata e ritorno, incontrerà la Lazio nel derby giocando quindi altre due volte all’Olimpico. Dovesse uscire vincitrice da questa battaglia, i giallorossi approderebbero in finale e, anche dovessero incontrare il Napoli sorteggiato con il numero 1, giocherebbero la quinta partita consecutiva all’Olimpico grazie al regolamento della competizione che ha sancito come sede unica l’Olimpico di Roma il  teatro della finale.

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

Giuliano Fiorini, il “fiore del bene” che non appassirà Avrebbe compiuto oggi 64 anni Giuliano Fiorini, l’attaccante della Lazio scomparso prematuramente a 47 nni...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Calcio

E’ un atto responsabile far innamorare proprio figlio della Roma? di Giacomo Padellaro Ieri per la prima volta ho assistito ad una partita della...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Fulvio Bernardini: il maestro di sport troppo forte per tutti Il 28 Dicembre 1905 nasceva Fulvio Bernardini, una Leggenda del calcio italiano. Uomo poliedrico...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Si ricordava ieri la nascita, avvenuta il 13 dicembre 1946, di Pierino Prati, l’attaccante del Milan e...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Quella che stiamo per raccontarvi è una delle storie più romantiche...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro