Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Coppa Italia, fattore campo e l’anomalia Roma: può alzare la coppa giocando sempre all’Olimpico

Ieri sera si sono conclusi i quarti di finale della Tim Cup con la vittoria della Roma sul Cesena grazie al rigore di Francesco Totti all’ultimo respiro. Un rigore dubbio che probabilmente a parti invertite non sarebbe stato concesso. Il gioco del calcio ormai non è più solo un pallone che rotola su un manto erboso, ma anche e soprattutto potere e diritti tv. Facile quindi fare l’equazione che il derby Lazio-Roma e  la sfida Juventus-Napoli, con il primo ritorno di Higuain al San Paolo nella sfida di ritorno, abbia un appeal diverso da un Lazio-Cesena, con la gioia dei dirigenti Rai.

Aldilà della formula, spesso criticata, che comunque regalerà due sfide emozionanti e dal grande significato, in questa edizione si potrebbe verificare una curiosa anomalia più unica che rara. Il regolamento della Coppa Italia, infatti, prevede che giochi la gara in casa chi, tra le due contendenti, sia stato sorteggiato con un numero inferiore al momento degli accoppiamenti. La Roma è stata “estratta” con il numero 2 ed infatti ha disputato all’Olimpico i primi due turni in gara secca: gli ottavi di finale contro la Sampdoria, numero 15 e i quarti di finale contro il Cesena, numero 35. In semifinale, unico turno previsto con la  doppia sfida andata e ritorno, incontrerà la Lazio nel derby giocando quindi altre due volte all’Olimpico. Dovesse uscire vincitrice da questa battaglia, i giallorossi approderebbero in finale e, anche dovessero incontrare il Napoli sorteggiato con il numero 1, giocherebbero la quinta partita consecutiva all’Olimpico grazie al regolamento della competizione che ha sancito come sede unica l’Olimpico di Roma il  teatro della finale.

Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

“Rudi Voeller. Il tedesco volante”: biografia d’amore del mito giallorosso Dopo il grande successo di “Un secondo dopo l’altro” e “Nonostante tutto”, Gabriele Ziantoni...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Compie oggi 44 anni Francesco Totti, capitano e leggenda della Roma che, dopo aver lasciato...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Socrates alla Roma: Sogno di una notte di mezza estate Socrates in giallorosso. Forse una semplice suggestione giornalistica, al limite del provocatorio. Forse qualcosa...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 se ne andava all’età...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

E Bruno Giordano disse “no” alla Juve Compie 64 anni oggi Bruno Giordano, il bomber della Lazio e del Napoli. In attesa del calciomercato,...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Quella che sto per raccontarvi è una delle storie più romantiche...

Calcio

Giuliano Fiorini, il “fiore del bene” che non appassirà Il 5 agosto 2005 ci salutava Giuliano Fiorini, l’attaccante della Lazio scomparso prematuramente a causa...

Calcio

Tributo a Francesco Rocca, il Kawasaki giallorosso Per ricordarsi di Francesco Rocca, escludendo gli appassionati incalliti e gli addetti ai lavori, bisogna avere qualche...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro