Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Conte e Mourinho: Must The Show Go On?

Non sempre il contrasto serve, non sempre porta vantaggi: non sarebbe forse meglio fare un passo indietro?

A caduta libera. Conte risponde a Mourinho, Mourinho risponde a Conte, in un groviglio di dichiarazioni spinte, forse nemmeno troppo volute, sicuramente evitabili. In mondovisione.

Tutto è cominciato con una freccia ardente dello Special One all’indirizzo degli allenatori che nell’area tecnica “si atteggiano come clown”, frase a cui hanno risposto – in maniera diametralmente opposta – tanto Conte quanto Klopp.

“Ognuno vive la partita in maniera diversa, io sono anche migliorato rispetto al passato” ha ammesso il tedesco dribblando alla perfezione le accuse, mentre Conte si è giocato una carta decisamente rischiosa, quella dell’affronto a gamba tesa: “Forse si dimentica quel che ha fatto nel passato” sono state le parole del tecnico italiano, che nel rincarare la dose ha poi fatto riferimento alla demenza senile. Risposta non gradita da molti, risposta a cui proprio Mourinho non è rimasto del tutto indifferente.



Il diritto e il dovere di cronaca imporrebbero di riportare fedelmente l’intreccio della vicenda, cosa che tuttavia non faremo. Sperando di non apparire eccessivamente buonisti, alla ricerca del lieto fine in ogni vicenda, poco cinici e troppo “innocenti” nei confronti del mondo, una domanda è comunque sorta spontanea: è davvero così complicato fare un passo indietro, magari accorgendosi di avere più cose in comune di quanto si potesse arditamente pensare? Entrambi allenatori, entrambi vincenti, il re dei rapporti umani da una parte e il mago della parola dall’altra. Dimentichiamoci per un attimo proprio delle parole, spesso maltrattate e valutate eccessivamente nel mondo del calcio che, ricordiamolo, corre imperterrito dietro ad un pallone da oltre cent’anni.

Come in ogni giudizio critico, anche in questa vicenda ci si trova di fronte ad un “cosa” ed un “come”, variabile che potrebbe ancora cambiare in bene. Magari con una stretta di mano, anche se la prima regola del vincente è non scendere mai e poi mai a compromessi. A dire il vero, proprio fare un’eccezione confermerebbe la regola. Conte o Mourinho? The Show Must Go On o Must The Show Go On? Queen o Pink Floyd? Forse sarebbe meglio smetterla di contrastarsi e prenderli entrambi.

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

L’ultima partita di Roberto Baggio Il 16 Maggio 2004 giocava l’ultima partita della sua carriera, Roberto Baggio. Uno dei giocatori più forti della storia...

Pugilato

Bosisio e Mascena: due pugili, due destini opposti Il 15 maggio 1905 nasceva Pietro Mascena, il pugile la cui storia si intreccia incredibilmente con...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Inter – Liverpool, quando l’epica rimonta si giocò anche sugli spalti Il 12 Maggio 1965 a San Siro in occasione della semifinale di ritorno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Altri Sport

27 aprile 1993: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 27 Aprile 1993 l’aereo su cui viaggiava la Nazionale di calcio dello...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Le Coppe Nazionali, soprattutto all’estero, regalano spesso favole da raccontare: quest’anno...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 moriva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro