Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Con-te vincerò: la frase che Antonio non ha mai detto

Conferenza stampa in quel di Cobham. Antonio Conte non nomina la Juventus ma tutti parlano di una sua frase sulla squadra di Corso Galileo Ferraris, titolo che ha fatto inferocire molti tifosi bianconeri.

“Vincere la Premier League sarebbe un grande successo, probabilmente il più grande perché vincere questo campionato è complicatissimo”, tradotto per alcuni quotidiani sportivi nazionali: “Vincere la Premier sarebbe meglio dei tre scudetti con la Juventus”.

Eppure le parole di Conte erano state chiare e comprensibili, forse non troppo nel suo inglese ancora un po’ da rivedere ma sicuramente in maniera maggiore nell’intervento a FoxSports di qualche giorno fa, quando ha ribadito fermamente come “vincere il campionato inglese sarebbe un gran successo di questi tempi. La parola Juventus non si è sentita, né in conferenza stampa né tantomeno durante le interviste di fronte ai teleschermi, forse per paura o forse proprio perché il campionato inglese è un mondo a parte ed i paragoni con altre realtà sarebbero sprecati.

Antonio Conte nelle sue interviste settimanali a stampa e televisioni inglesi non ha mai sbagliato un colpo, tanto con John Terry quanto con la vicenda Hazard-Real Madrid, questa è l’unica verità da raccontare. Va bene, qualche volta non comprende le domande e si rifugia voltandosi verso l’addetto stampa Steve Atkins, una volta ha chiamato la musica da discoteca “boom-boom”, una volta ha chiesto un po’ di torta ad un giornalista che ne stava mangiando una fetta, ma non è mai andato oltre. Soprattutto, cosa più importante, non ha mai dettovincere la Premier sarebbe meglio dei tre scudetti con la Juventus”. Giusto ribadirlo, perché parafrasare è diverso da rivisitare.

Ad ogni modo ci sarebbe una bella domanda da porsi, in quanto sportivi ed appassionati di calcio italiano e internazionale: vincere la Premier sarebbe meglio dei tre scudetti con la Juventus?”

Prima di ogni discorso, prima di fasciarci la testa inutilmente o di fantasticare con dibattiti sul contismo e su quanto sia difficile trionfare al primo colpo nella reggia dei manager, assicuriamoci che il Chelsea di Antonio Conte alzi in cielo la Premier League. Un crogiolo di squadre che, a detta di tutti, fa di quello inglese il campionato più difficile del mondo.

Insomma, appurato il fatto che non si stia parlando di Juventus, vincere al primo anno quando tutti gridavano “Manchester” non sarebbe forse un successo impareggiabile?

 

A volte sembra che alcuni quotidiani, a torto o a ragione, non sappiano proprio a cosa aggrapparsi. Nemmeno quando tutto va bene, quando il Chelsea canta ‘volare’ ed in panchina c’è un allenatore italiano.

2JozdDdVknzCo

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Calcio

Nils Liedholm: c’era una volta il “Barone” Avrebbe compiuto ieri 99 anni Nils Liedholm, indimenticabile Barone svedese del calcio italiano. Personaggio unico e inimitabile...

Calcio

Tommaso Maestrelli, l’allenatore che parlava agli uomini Il 7 ottobre 1922 nasceva a Pisa Tommaso Maestrelli, l’allenatore il cui valore andava ben oltre il...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più Tutto ha inizio a Turi, 30 Km da Bari, Oronzo nasce...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Calcio

Il viaggio di Javi Poves: la storia di un calciatore anti-sistema Ultimamente dal mondo del calcio potremmo aspettarci qualsiasi cosa: molti altri giocatori universalmente...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Da sempre in bilico e perennemente aggrappato al risultato, la vita dell’allenatore di calcio è...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro