Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Con l’Aquila nel Cuore”: lì, dove il bianco e il celeste si incontrano

“Con l’Aquila nel cuore”: Lì, dove il bianco e il celeste si incontrano

La grande storia dell’aquila simbolo della Lazio è racchiusa in un libro.   

L’aquila. Una storia racchiusa in un libro di quasi duecento pagine. L’aquila, un simbolo dalle origini antiche che ha attraversato i secoli: dai babilonesi agli antichi egizi, dai grandi regni dell’antichità all’antica Roma dove arriva ad identificarsi con il destino stesso dell’impero: l’aquila diviene simbolo unico delle legioni romane per iniziativa di Caio Mario. Custodita gelosamente in accampamento, venerata come una divinità, l’aquila marciava in testa alla colonna. La sua perdita, durante uno scontro, era un disonore che poteva condurre fino allo scioglimento della legione. L’aquila, da Napoleone Bonaparte alle grandi potenze dei giorni nostri.

Il libro, “Con l’Aquila nel cuore”, rappresenta un viaggio complesso e affascinante per uno degli emblemi più complessi dell’intero panorama araldico. Rappresentazione di regalità e potenza, rinascita e fierezza. E racconta l’aquila e il suo rapporto con la Lazio che lo ha adottato all’alba del vecchio secolo, quando l’irrefrenabile voglia di sport di un gruppo di ragazzi ha regalato a Roma quella che, un secolo più tardi diventerà la polisportiva più decorata d’Europa. 9 gennaio del 1900: per partecipare a una gara podistica serve una società, e allora nove giovani atleti decidono di fondarne una. La storia ci consegna Luigi Bigiarelli, come fondatore. È un bersagliere, reduce dalla sanguinosa battaglia di Adua e dalla disfatta contro le truppe di Menelik. La Lazio sceglie i colori della bandiera greca, il bianco e celeste, omaggio alla patria delle Olimpiadi, che quattro anni prima hanno visto nuovamente la luce. L’aquila è suggerita dai soci che pensano a un legame con l’antica Roma e promossa dal presidente Fortunato Ballerini: appassionato escursionista, che nei primi anni è una delle discipline più famose e praticate. Vede l’aquila volteggiare, lassù, dove il bianco e il celeste s’incontrano. Ne ammira la fierezza, l’eleganza, e decide che bisogna adottarla sullo stemma sociale.

La grafica, che nei decenni risente delle mode, poco o nulla può sull’aquila. Le sue ali spiegate valicano le epoche e le fasi storiche. A guardia dell’Idea.

La prima volta in cui si ha traccia dell’aquila associata al pianeta Lazio è il 1911 quando un carteggio tra la società e il Comune di Roma (l’oggetto era l’assegnazione di un terreno dove sorgerà il campo della Rondinella, primo stadio di proprietà del calcio capitolino) svela l’aquila vicino all’intestazione sociale.

Nella stagione 1914-15, quella ricordata per uno scudetto oggi rivendicato e per il sangue di tanti atleti offerto alla Patria, lo stemma fa, invece, la sua prima comparsa sulle maglie. Sarà presto accompagnato dal titolo di Ente Morale.

La Lazio spazia in ogni disciplina. La sua storia viaggia in parallelo con quella dello sport romano, del costume, della politica, della cultura: tra i soci spicca, ad esempio, Grazia Deledda, premio Nobel per la letteratura nel 1926, laziale della Filodrammatica. Persino il giovanissimo Umberto di Savoia, destinato a una reggenza difficile, è boyscout e fa movimento con la Lazio nella sezione Escursionismo. Con lui è socia della Lazio anche la sorella, Mafalda, la principessa coraggiosa che morì a Buchenwald. Solo esempi, alle origini, della completezza multidisciplinare del sodalizio che, oggi, conta settanta sezioni sportive per circa 90 discipline praticate e diecimila atleti che, ogni giorno, si allenano con l’aquila sul petto.

Il legame tra il simbolo e la gente è un altro segno distintivo e diventa negli anni sempre più stretto. Diviene parte delle scenografie. Campeggia sui drappi che coprono la Curva Nord, notti senza sonno, vernice e passione per realizzare spettacoli che fanno il giro del mondo come quando un prestigioso marchio internazionale, la CocaCola, ne fece la sua campagna pubblicitaria o quando un telone immenso ha riportato fedelmente il volto dell’aquila accanto a quello di un suo figlio prediletto, Gabriele.  

L’aquila stilizzata del 1982 è un vero e proprio “marchio”. Simbolo di identità, aumenta il senso di appartenenza. La “maglia bandiera” torna in auge a furor di popolo. Arriva perfino a coprire tutta la Tevere, per iniziativa di vecchi e mai domi tifosi. Viene all’Olimpico perfino un “aquilifero” dei giorni nostri con Olympia – nome dato in omaggio a quei giorni lontani della fondazione – che vola allo stadio, prima delle partite. Le grandi vittorie vengono festeggiate sul tartan con un’aquila tra i giocatori.

Il libro, curato da Fabio Argentini e Luca Aleandri, voluto dalla Lazio e distribuito in edicola con il Corriere dello Sport, ripercorre tutto questo.

Dalle origini del simbolo ai suoi significati araldici. Dalla maglia bandiera a Olympia. Le storie dei club che condividono con la Lazio il vessillo dell’aquila. Gli stemmi, dal 1900 a oggi, e i grandi eventi della storia biancoceleste, in campo, sugli spalti, nella città. Le interviste ai protagonisti di chi l’ha indossata, sul cuore. La grande storia di un simbolo: dalle radici lontane ma dal cuore sempre giovane.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Integratori

Dieta e Integratori: ecco la bibbia per ogni sportivo Programmare settimanalmente dei momenti da dedicare all’attività fisica è diventato un aspetto sempre più presente...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Gaizka Mendieta, dai 90 miliardi ai dischi in finale di Champions League Ha compiuto ieri 47 anni Gaizka Mendieta, il centrocampista basco che dopo...

Altri Sport

Fosse Ardeatine: Anticoli e Gelsomini, storie di sportivi uccisi dai nazisti Il 24 marzo 1944 si consumò uno degli eventi più tragici del periodo...

Libri

UNA DELLE STORIE D’AMORE PIÙ AMATE DI SEMPRE: LA PASSIONE TRA J.F. KENNEDY E MARILYN MONROE Giovanni Menicocci pone sotto una nuova e originale...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro