Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Con il Russ non si passa: bentornato, Marco

Tutto era nato da un controllo antidoping fallito nel maggio 2016, prima della gara contro il Norimberga valevole per il playout: qualcuno aveva anche avanzato dei sospetti. Ombre lunghe, alle quali si era subito sovrapposto uno scheletro inquietante. Il cancro. Non “un male terribile” o “una malattia”. C-a-n-c-r-o. Marco Russ, capitano coraggioso dell’Eintracht Francoforte, 31 anni suonati, quasi 300 presenze in Bundesliga e decine di attaccanti di grido marcati in carriera, non aveva avuto paura di quell’avversario: l’aveva guardato dritto negli occhi e l’aveva affrontato. Come sempre, come in campo. Otto mesi dopo, il tumore ai testicoli è stato messo all’angolo: nel mezzo un intervento chirurgico, la radioterapia e la chemioterapia, ma ha, secondo i medici, Russ ha superato il cancro ed è al 100 per cento in condizione di tornare allo sport professionistico.

Il ritorno al centro di allenamenti dell’Eintracht, a inizio mese, è stato vissuto come una festa: i compagni di squadra e i tifosi hanno inondato Twitter di foto e messaggi di bentornato, per una bella notizia che tifosi e appassionati attendevano con trepidazione e calore. Gli stessi sentimenti che Marco aveva trasmesso a chi lo seguiva su Instagram (marco4russ) durante queste lunghe 35 settimane: tra una presenza sugli spalti e una cena in famiglia, sempre e solo messaggi positivi. Nonostante tutto. Ad aiutarlo è stata anche la sua società: a settembre, quando non si sapeva ancora se Russ sarebbe tornato ad essere un calciatore professionista, l’Eintracht lo ha incoraggiato con il rinnovo fino al 2019. Un premio anche alla lealtà sportiva di un giocatore che anche di fronte a un male tremendo non ha voluto abbandonare fino alla fine i suoi compagni di squadra.

D’altronde, a casa Russ lo sport è un affare di famiglia: a trasmettergli l’amore per il calcio è stato suo padre, Rainer: dai primi passi nel club della sua città, il VfB 06 Großauheim di Hanau,  settore giovanile dell’Eintracht fino alla parentesi (2011-2013) nel Wolfsburg per poi tornare a Francoforte, Marco ha avuto un solo volto. Atteggiamento nobile, ma da combattente. Lo stesso usato quando, nello spareggio di andata contro il Norimberga i suoi tifosi avevano riservato a lui e ai suoi due figli una standing ovation a fine incontro e i suoi compagni gli avevano dedicato il gol del definitivo 1-1, lui aveva risposto con  il silenzio alle accuse di “sceneggiata irritante” manifestamente fatte da allenatore e portiere della squadra avversaria, Weiler e Schäfer. Scusatisi poche ore dopo.

Ora Russ ha rimesso le scarpette ai piedi. Ce l’ha fatta, come Arjen Robben nel 2004. Ma la fila di colleghi con i quali condividere questa drammatica esperienza è lunga: da Nenad Krsticic a Eric Abidal, passando per Claudio Rivalta e Francesco Acerbi, fino a Miki Roquè, Luboslav Penev, German Burgos e Josè Francisco Molina. A riaccoglierlo è stato il suo allenatore Kovac: “Marco sta bene e ha il permesso dei dottori per allenarsi. Prima di tutto deve recuperare la forma, ma vuole rimanere vicino alla squadra”. Ora nel suo mirino c’è la prima gara ufficiale del 2017, in calendario sabato 21 gennaio contro il Lipsia in Bundesliga. Sempre con il solito slogan, quello che i suoi tifosi gli avevano trasmesso dal primo giorno: “Lottare e vincere, Marco”. In campo e fuori.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Avrebbe compiuto oggi 52 anni Tito Vilanova, compianto allenatore del Barcellona, portato via da...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Per cucire il filo di una memoria basta un Ago Il 30 Maggio 1994 moriva Agostino Di Bartolomei, indimenticabile Capitano della Roma dello Scudetto,...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Il 28 maggio 2017 Francesco Totti gioca la sua ultima partita con la maglia della...

Altri Sport

Seve Ballesteros, l’uomo dei miracoli Il 7 maggio 2011 moriva a soli 54 anni Severiano Ballesteros, uno dei più grandi golfisti della storia recente....

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Il “Re Leone”. Così lo chiamano i tifosi della Lazio per la regalità e il coraggio con cui...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Velibor Vasovic, il guardiano del vento Il 4 Marzo 2002 moriva Velibor Vasovic, il calciatore serbo capitano di quell’Ajax formidabile di cui...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Gaetano Scirea: lo sguardo serio, gli occhi dolci C’è un lato nascosto di questa foto, che abbiamo guardato spesso nella sua immagine...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] E intanto Dani Osvaldo si rimette gli scarpini E così Dani Osvaldo si rimette gli scarpini, dopo aver abbandonato il calcio nel...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 28 anni Shane Duffy, il calciatore...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Carlos Alberto, capitano elegante e talentuoso del Brasile ’70 Il 25 Ottobre 2016 il calcio brasiliano perdeva uno dei suoi più grandi simboli....

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Filippo Magnini: a tu per tu con Re Magno Gli occhi sono vivaci, lo sguardo fermo, mentre le mani si intrecciano tra...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro