Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Comincia a correre

C’è Lloris che sarebbe dovuto diventare tennista, ma contro i genitori ha scelto il calcio.
E Pavard, che ha segnato il più bel gol del mondiale e che quando è stato convocato la prima volta per la nazionale ha pianto.
C’è Mbappé, che rappresenta il sobborgo che ce la fa e che devolve tutto il compenso dei mondiali in beneficenza e Griezmann che fu scartato ben 5 volte da squadre francesi prima di essere preso in Spagna. Dicevano che era mingherlino e inadatto al calcio. E poi c’è Kanté, di cui basta quello che dicono per capire quanto corre: “il 70% del pianeta è occupato dall’acqua il resto da Kanté” (Gary Lineker)
“Avremmo potuto comprarlo: quando l’ho visto in allenamento pensavo fossero due gemelli, era ovunque” (Slaven Bilic, allenatore West Ham)
“Un giorno ti vedrò crossare e andare a fare gol di testa” (Claudio Ranieri)
“Kanté è sempre nell’inquadratura. In qualunque inquadratura. Anche se giri su Fox Animation” (Alessandro Villa – giornalista)
“Kanté sta correndo la Maratona di Londra per preparare la partita di domani” (@TheOddsBible)
“Kanté si nutre di elettricità” (Jason Victor Cundy – ex calciatore, ora commentatore tv)

E c’è Modric. Che durante la guerra in Jugoslavia vide uccidere il nonno dalle milizie e giocava nel cortile dell’albergo dove era rifugiato con la famiglia. C’è Subasic che ogni vittoria la dedica al suo migliore amico, Custic, morto sbattendo su un muretto durante una partita, Subasic portiere che ha madre croata e padre serbo. Ha scelto la Croazia. E Mario Mandzukic, eroe che ha consegnato la finale e che gioca ovunque, pure in porta. Vero. Guardatelo in allenamento. E che quando ha segnato il gol decisivo per il sogno è crollato addosso ai fotografi e faceva paura la sua espressione pure mentre chiedeva scusa.

Una finale assolutamente inedita. Un tripudio multietnico secolare, contro una nazionale compatta. Due spettacoli di gioco e di tenacia. Non importa che tu sia galletto francese o scacchiera croata. Comincia a correre.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Calcio

Allianz Riviera di Nizza: la “Cicala” più ecosostenibile al Mondo Per la Giornata Internazionale dedicata al risparmio energetico, vi portiamo a Nizza per entrare...

Calcio

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998 La Nigeria a Francia ’98: quel sogno infranto dal poker danese....

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Inchieste & Focus

Perché il Calcio non c’entra niente con lo Ius Soli Negli ultimi giorni è tornata in auge la questione Ius Soli, con le dichiarazioni...

Calcio

Rio Mavuba, “nato in mare” con il Mondiale nel destino Compie oggi 37 anni Rio Mavuba, il calciatore francese la cui incredibile storia ci...

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Calcio

El Maestro Tabarez e le Origini della Garra Charrua Compie oggi 74 anni Oscar Tabarez, l’allenatore dell’Uruguay che incarna perfettamente lo spirito della squadra...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

Dominique Rocheteau, elegante anarchia – L’operaio si lava le mani prima di pisciare e l’intellettuale dopo – Jacques Prévert I cliché che riguardavano la...

Calcio

Il calcio al tempo di Tito: Jugoslavia, una Nazionale per sei Stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti Il 14 Gennaio 1953...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro