Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Comincia a correre

C’è Lloris che sarebbe dovuto diventare tennista, ma contro i genitori ha scelto il calcio.
E Pavard, che ha segnato il più bel gol del mondiale e che quando è stato convocato la prima volta per la nazionale ha pianto.
C’è Mbappé, che rappresenta il sobborgo che ce la fa e che devolve tutto il compenso dei mondiali in beneficenza e Griezmann che fu scartato ben 5 volte da squadre francesi prima di essere preso in Spagna. Dicevano che era mingherlino e inadatto al calcio. E poi c’è Kanté, di cui basta quello che dicono per capire quanto corre: “il 70% del pianeta è occupato dall’acqua il resto da Kanté” (Gary Lineker)
“Avremmo potuto comprarlo: quando l’ho visto in allenamento pensavo fossero due gemelli, era ovunque” (Slaven Bilic, allenatore West Ham)
“Un giorno ti vedrò crossare e andare a fare gol di testa” (Claudio Ranieri)
“Kanté è sempre nell’inquadratura. In qualunque inquadratura. Anche se giri su Fox Animation” (Alessandro Villa – giornalista)
“Kanté sta correndo la Maratona di Londra per preparare la partita di domani” (@TheOddsBible)
“Kanté si nutre di elettricità” (Jason Victor Cundy – ex calciatore, ora commentatore tv)

E c’è Modric. Che durante la guerra in Jugoslavia vide uccidere il nonno dalle milizie e giocava nel cortile dell’albergo dove era rifugiato con la famiglia. C’è Subasic che ogni vittoria la dedica al suo migliore amico, Custic, morto sbattendo su un muretto durante una partita, Subasic portiere che ha madre croata e padre serbo. Ha scelto la Croazia. E Mario Mandzukic, eroe che ha consegnato la finale e che gioca ovunque, pure in porta. Vero. Guardatelo in allenamento. E che quando ha segnato il gol decisivo per il sogno è crollato addosso ai fotografi e faceva paura la sua espressione pure mentre chiedeva scusa.

Una finale assolutamente inedita. Un tripudio multietnico secolare, contro una nazionale compatta. Due spettacoli di gioco e di tenacia. Non importa che tu sia galletto francese o scacchiera croata. Comincia a correre.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Compie oggi 67 Slavisa Zungul, un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Calcio

Rachid Mekhloufi e la squadra del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino Siamo alla fine degli anni Cinquanta e Rachid Mekhloufi è un centrocampista che...

Calcio

Svezia 1958, il Mondo ai piedi di O’Rei Pelé Il 29 giugno 1958 al Rasundastadion di Stoccolma il Brasile si impone per 5 a...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Il 25 maggio 1995 moriva Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Calcio

Lo Spirito di Eric Cantona Nel giorno in cui compie 55 anni, vi proponiamo il senso della vita secondo la leggenda del Manchester United,...

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e...

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Il calcio al tempo di Tito: Jugoslavia, una Nazionale per sei Stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti Il 7 maggio 1892...

Calcio

13/5/1990: Dinamo Zagabria – Stella Rossa, venti(due) di Guerra Se quel giorno le squadre scesero in campo, fu solo per rappresentare la negazione dell’evento...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro