Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Come ti compro Cristiano Ronaldo

[themoneytizer id=”27127-1″]

Come ti compro Cristiano Ronaldo

La Vecchia Signora rischia fortemente l’incredibile eliminazione dalla Champions League, unico e vero obiettivo stagionale. L’acquisto di Cristiano Ronaldo aveva dato tante speranza ai tifosi bianconeri in vista di raggiungere finalmente quella che sta diventando un’ossessione.
.
Già proprio il colpo Ronaldo in estate aveva mandato in visibilio tifosi bianconeri e appassionati di calcio già pronti a gustarsi il giocatore più forte del mondo dal vivo negli stadi nostrani.  La Juventus è stata soprattutto molto brava a trovare varie soluzioni economico-finanziarie per ridurre al minimo l’impatto del  cartellino e dell’ingaggio di CR7.
.
.
1 – La fiscalità agevolata e le società estere
.
La Juve ha scelto Ronaldo ma anche Ronaldo ha scelto la Juve. Se le squadre sono ormai delle aziende lo stesso vale anche per i calciatori che sono ormai imprenditori. Proprio per questo si affiancano a maghi della finanza per fargli pagare meno tasse e guadagnare di più.
Fu così che Ronaldo scelse l’Italia anche perchè qui vige una norma che permette di pagare solo 100.000 € l’anno per tutti i guadagni provenienti dall’estero. Starete pensando “Ok quindi Ronaldo paga in Italia solo 100k di tutto quello che guadagna all’estero tra sponsor e attività personali ma lo stipendio che prende dalla Juve viene tassato qui”. Non propriamente.  Sembrerebbe infatti che parte del suo stipendio sia distribuito da due società: la Exor, con sede in Lussemburgo di proprietà degli Agnelli e la FCA, del gruppo Fiat, con sede a Londra. Capito il trucchetto? Ovviamente tutto lecito grazie alla perfetta conoscenza delle normative e dei suoi cavilli.
.
.
2 – Le plusvalenze
.
Fatto sorridere CR7 ricoprendolo di tanti soldi e poche tasse, la Juve deve rientrare del costo del suo cartellino pari a
105 mln di euro. Detto fatto: eccole le plusvalenze con giocatori di seconda fascia e giovani di belle speranze tra cui: Sturaro, Audero, Favilli, Caldara, Pjaca, Cerri, Orsolini e Mandragora per una cifra che varia dai 100 ai 120 miloni di euro in base ai riscatti a fine stagione. Anche qui, al momento, le regole consentono questa gioco delle plusvalenze salva bilanci che non fa tra l’altro solo la Juventus.
.
.
3 – Il bond
.
La Juventus è stata la prima società di calcio a lanciare un suo bond. Il bond è un titolo di credito con cui si acquista una parte del debito della società in questione. Il bond della Juve è pari a 175 mln di euro. Tutti questi titoli sono stati comprati e anzi c’è stata una richiesta per 250 mln di euro. Al di là del fatto che il titolo ha perso una parte del suo valore all’indomani della sconfitta contro l’Atletico Madrid al Wanda Metropolitano, questo bond garantirà il 3.37 % annuo fino al 2024 ma non ha rating ed è stato classificato come unsecured – insicuro. Di fatto, dal punto di vista finanziario più un atto di fede che un investimento vero e proprio visto il rischio dipendente quasi unicamente dai risultati sportivi.
.
Dalla serie: può un investitore far dipendere un suo investimento un palo o un goal o da una svista arbitrale per un rigore non assegnato? La domanda però che molti soldi si pongono è a cosa serve il bond? A pagare tra le altre cose lo stipendio di Cristiano Ronaldo insieme alla tantissime vendite delle sue maglie.
.
Insomma tre mosse da grande società, forse addirittura da impero economico-finanziario, che con tre mosse e nel rispetto delle regole, seppur sfruttando al massimo tutti i cavalli possibili, è riuscita a portarsi a casa il giocatore più forte e vincente del momento con un impatto davvero minimo sui bilanci. 
[themoneytizer id=”27127-28″]
.
Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro