Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Colin O’Brady, l’uomo dell’impossibile

[themoneytizer id=”27127-1″]

Colin O’Brady, l’uomo dell’impossibile

Colin O’Brady è un nome che al grande pubblico italiano probabilmente non dice molto, nonostante un profilo Instagram che conta più di 235.000 follower. Provare a comprimerlo in una definizione rimane un’impresa di dubbia efficacia: triatleta? Ultra atleta? Esploratore? Motivatore? Ognuna di queste definizioni risulterebbe limitativa se non fosse accompagnata dalle altre. Sì, perché Colin O’Brady, americano di Olympia ma residente a Portland quando non è in giro per il mondo, è una combinazione inimitabile di tutte queste figure, una persona orientata all’esplorazione dei propri limiti fisici con lo scopo parallelo di approfondire la conoscenza di se stesso.

Già ai tempi del liceo dimostrava capacità multidisciplinari che lo portavano a emergere in attività distanti tra loro come il nuoto e il calcio. Dopo il diploma arrivò la laurea e quindi il progetto di un viaggio intorno al mondo con lo zaino in spalla per assecondare la sua ossessiva voglia di conoscenza che, di fatto, è da sempre la motivazione che spinge Colin a cimentarsi con le sue imprese estreme. A cominciare dalla prima, quella che lo portò a confrontarsi con un’ustione ai piedi così invasiva da portare i medici che l’avevano in cura a preallarmarlo sulla reale possibilità di non poter più camminare come era riuscito a fare sino a quel momento. Fu la prima scintilla, il primo fortissimo stimolo a spingere O’Brady a sfidare l’impossibile, a piegarlo ai dettami della sua inappagabile forza di volontà. In poco tempo non solo tornò a camminare come prima, ma si cimentò nel triathlon.

Quello che venne dopo, sempre più ambizioso, sempre più inarrivabile è il cursus honorum di un campione multidisciplinare, moderno Diogene alla continua ricerca dei limiti in espansione di un universo personale conoscibile solo attraverso una fatica fisica portata continuamente ai limiti dell’impossibile. Ha scalato in tempi record le cime più alte di ogni continente, Artide e Antartide incluse; in 21 giorni ha raggiunto le 50 vette più alte dei 50 stati americani; e, il 26 dicembre 2018, è arrivato alla barriera di Ross sull’Oceano Pacifico, compiendo la traversata dell’Antartide in solitaria e senza assistenza, realizzando un’impresa di valore assoluto dopo aver completato, ormai esausto, gli ultimi 125 chilometri del tragitto in una sola tappa in poco più di 32 ore, vissute tutte d’un fiato senza fermarsi un minuto a dormire, dopo 54 giorni e circa 1.600 chilometri percorsi tra neve e ghiaccio dalla costa atlantica a quello pacifica dell’Antartide, passando per il Polo Sud.

Questo è Colin O’Brady nei libri che registrano record: l’uomo, però, è ben più suggestivo, mai pago della conquista fisica, che non è solo un obiettivo ma anche uno strumento per arrivare a una conoscenza di sé affatto banale. E’ un metodo ormai acclarato quello che pratica questo americano capace di imprese da guinness dei primati: percorrere la strada della fatica fisica fino ai suoi limiti più estremi non per flagellarsi ma per entrare in contatto con la parte più nascosta dell’essere, ciò che più autenticamente fa parte di ogni uomo e lo spinge ogni giorno a porsi domande alle quali trovare risposte adeguate. Leggere i suoi profili social, quelli che gli tengono compagnia durante le sue lunghe traversate, trasmette il senso delle sue conquiste. Quando gli è stato chiesto perché ha voluto percorrere in solitaria il continente più inospitale del mondo, Colin ha spiegato che la sua mente aveva bisogno di uno spazio per riflettere. Una riflessione che, da poco superata la metà del suo lungo pellegrinaggio, lo spinse a pubblicare sul profilo Instagram parole capaci di stamparsi nell’anima: “Più a lungo mi trovo qui fuori e più mi diventa chiaro. L’amore è infinito e il segreto per vivere è amare il più profondamente possibile.”

Non un poeta, né un mistico o un semplice sportivo estremo: o forse, preferibilmente, una stupefacente combinazione di queste figure. Questo è Colin O’Brady, l’uomo che, attraverso l’ascetica ricerca del suo ultimo limite fisico, traccia il percorso per arrivare alla propria essenza, rendendo possibile l’impossibile. 

  [themoneytizer id=”27127-1″]

Paolo Valenti
A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo Ci vorrebbe un mondiale – Ultra edizioni.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Compie oggi 55 anni Jonathan Edwards, l’uomo volante del salto triplo inglese. Vi raccontiamo la...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Motori

Ayrton e Alain: il mio nemico migliore Nel giorno in cui ricordiamo la scomparsa di Ayrton Senna, avvenuta il primo maggio 1994, con Paolo...

Calcio

Festa della Liberazione: la Resistenza di Giacomo Losi Il 25 aprile 2021 ricorre in Italia il 76esimo anniversario della Festa di Liberazione. Proprio in questo...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Il 23 aprile 1985 a Buenos Aires si apriva il processo...

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Calcio

17 Aprile 1944, il Rastrellamento del Quadraro: De Sisti e Welby, storie di calcio e Resistenza al nazifascismo Il Quadraro è un quartiere della...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 31 marzo 1878 nasceva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  Il 29 marzo 1952 nasceva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita...

Calcio

Le partite degli altri: l’ultima volta della DDR Aggrappati a un gol, impensabile ancor più che imprevisto, di Jürgen Sparwasser, quando le spartane maglie...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro