Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Calciatori e Scommesse: gli inglesi si riscoprono ‘malati’ per il gioco

Non solo Joey Barton, verrebbe da dire. Che il centrocampista nato nei pressi delle rive del Mersey sia legato a doppio filo con titoli da prima pagina non certamente edificanti è ormai abbastanza normale per chi conosce un minimo di storia del personaggio.

In Inghilterra, però, negli ultimi mesi si sono verificati anche altri casi di addetti ai lavori coinvolti in scommesse legate al mondo del calcio.

Ne è un esempio il centrocampista agli ordini di Rafa Benitez nel suo Newcastle Jack Colback, il quale è stato condannato a pagare 25.000 sterline dalla Football Association per aver violato il regolamento federale sul ‘betting’.

In particolare, Colback ha violato la regola E8 dopo aver scommesso su un evento del 16 marzo del 2016. Magra consolazione: le scommesse sono state effettuate su partite che non riguardavano direttamente i Magpies.

Un 2016 ‘nero’ dal punto di vista delle scommesse nell’Inghilterra del calcio che conta, visto che, oltre ai già citati Barton e Colback, sono stati coinvolti in casi più o meno simili anche l’attaccante Kyle Lafferty (visto pure in Italia con la maglia del Palermo) ed il difensore argentino Martin Demichelis.

Un avvenimento che ha suscitato grosso clamore in terra inglese, tuttavia, conduce al tecnico (ormai ex) del Frome Town, Nick Bunyard; condannato a restare fuori dal mondo del calcio fino a luglio del 2019 per aver scommesso contro la sua squadra. Un evento gravissimo.

Una commissione indipendente ha scoperto qualche mese fa che Bunyard aveva scommesso ben 45 volte tra il settembre del 2014 e l’aprile del 2016 contro il Frome Town ed anche contro il Paulton Rovers (precedente squadra allenata dal tecnico).

Si tratta di situazioni piuttosto difficili da gestire per la Football Association, che, dopo aver modificato il regolamento sul tema delle scommesse nel 2014, sta ora pensando di adottare pene ancor più severe per coloro che vengono colti in flagrante.

Il rischio, che in molti ai vertici del football inglese temono di vivere, infatti, è che continuando di questo passo possa rovinarsi l’immagine di quello che oggi viene considerato il calcio più bello e pulito al mondo.

 

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 31 anni Jake Livermore, il calciatore inglese che...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Il 14 Novembre 1992 moriva Ernst Happel, il maestro di calcio austriaco che da...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Azzardo

Il concetto di gioco d’azzardo, che da sempre affascina la natura umana Un fenomeno che potrebbe ormai essere definito di massa, che cresce di...

Azzardo

Se il Covid aumenta la percentuale di giocatori da casa La pandemia non è stata una disgrazia per tutti, ci sono alcuni settori per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Economia

Calcio e trading, pecunia non olet Un binomio che si è rafforzato nel corso degli anni e che, da una nicchia iniziale, è passato...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro