Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Clericus Cup: quando i preti vanno in goal

Sport e valori cristiani declinati su un campo di calcio. Al via l’undicesima edizione della Clericus Cup, il campionato di calcio rivolto a preti e seminaristi: 372 calciatori, quattro gironi, 18 squadre, 66 paesi rappresentati. Un Mondiale in piena regola. Da vivere attraverso i valori dello sport, quello vero. Slegato dal business, aperto a chiunque desideri giocare. Non a caso, lo slogan della competizione è “Mettiamoci in gioco nella vita come nello sport”. Pensieri e parole di Papa Francesco.

Vittorio Bosio, presidente del Centro Sportivo Italiano è il “padre putativo” della Clericus Cup. Del resto, il CSI si identifica come strumento di promozione ed educazione sportiva. Con idee che anticipano il calcio professionistico. “Mentre in UEFA si dibatte sul cartellino “arancione” proposto da Marco Van Basten, il CSI utilizza da anni il “cartellino azzurro” una sorta di perdono applicato al calcio. Chi sbaglia deve avere la possibilità di riflettere sui propri errori e non va punito senza appello. Anche questa è educazione allo sport”.

Passione, divertimento, allegria. E non solo. Il calcio è anche molto di più. Don Alessio Albertini calcia il pallone oltre la paura. Si sta impegnando in prima persona nel Centro Italia a sostengo delle popolazioni colpite dal terremoto. Ricostruire, attraverso la speranza, si può. Si deve. Senza paura.

Qualche curiosità: possibilità di un “derby” fra il Collegio San Pietro e il Collegio San Paolo. Il Messico (29 atleti) è la nazione più rappresentata seguita da Brasile (26) e Italia (24). Per la prima volta parteciperanno atleti provenienti da Nicaragua, Malawi e Sudan. Nel Brasile gioca Don Neymar, che ha solo cognome e passione in comune con il suo omonimo. Il Cusmano Belga gioca in onore e ricordo della Chapecoense. Al termine di ogni partita sarà osservato il terzo tempo di preghiera. Si inizia con North American Martyris – Collegio Spagnolo. Finale, il 27 maggio.

[foogallery id=”14031″]

 

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza;...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro