Connect with us

Cerca articoli

Alimentazione

Ciclismo 2.0: Quando bere meno ti mette le ali

C’è il famoso slogan della bibita energetica più diffusa al mondo che invita ad assumere la bevanda del bovino scarlatto per “volare”. Poi c’è il medico Ralf Palfreeman che ti dice che bere meno fa bene. Almeno per quel che concerne le prestazioni sportive. Come ci racconta Gazzetta dello Sport, il professionista in questione è l’attuale medico del Team Sky di ciclismo.

Intervenuto ad un convegno a Doha, in Qatar, ha introdotto il tema della disidratazione (controllata) come un vantaggio per le performance dei ciclisti, soprattutto in salita. “Bevi meno, vai più forte” questo il succo del discorso dell’ex dottore della Federazione britannica delle ruote a pedali. Palfreeman, che faceva parte, tra le altre cose, della commissione sul caldo dell’Unione Ciclistica Internazionale indetta per i mondiali di ciclismo nella penisola qatariota da poco conclusi, si è detto convinto che controllando l’esigenza di idratarsi da parte dell’atleta si possono ottenere risultati migliori. Al riguardo, fa l’esempio del suo assistito della squadra Sky Chris Froome che avrebbe raggiunto tempi migliori al Tour de France del 2015 se avesse avuto due chili in meno, assorbibili con la disidratazione, per l’appunto.

Due chili che si possono perdere attraverso una disidratazione controllata, bevendo meno di quello che una certa logica esigerebbe”. Una logica, perchè tale è, che ti porterebbe a bere se hai sete. Che follia eh? Ebbene secondo Palfreeman, niente di più sbagliato: il consiglio che dà è quello di non informare durante le gare il ciclista sul suo stato di disidratazione così da non farlo cadere in pensieri negativi per la sua condizione. Meglio il paracetamolo e l’antidepressivo Wellbutrin, rispettivamente utili per alterare la percezione del caldo e migliorare il rendimento a 30 gradi. In poche parole, un toccasana. Sulla questione hanno voluto dire la loro, rimanendo anonimi, altri medici del settore che hanno sminuito la teoria come priva di senso e basi scientifiche. Anche il Team Sky si è distanziato dalle dichiarazioni di Palfreeman, sottolineando come tali metodologie non siano mai state adottate dalla squadra.

Non bastava il doping. Adesso per il ciclista 2.0 è tempo di morire di sete. E se la famosa bibita di cui sopra ti mette le ali innalzandoti al cielo (in senso figurato), il protocollo Palfreeman vuole andare oltre, farti volare ancora più in alto, sempre più alto, quasi a parlare con Dio, o chi per Lui. Letteralmente però.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Le Origini della Parigi-Roubaix: Théodore Vienne e “quel progetto diabolico” Ieri si sarebbe dovuta disputare l’edizione 2021 della Parigi – Roubaix, una delle cinque...

Altri Sport

Le Origini del Giro delle Fiandre Si corre domani alle ore 10 l’edizione 2021 del Giro delle Fiandre, una delle Classiche Monumento del ciclismo....

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura Lo scorso 21 marzo è stata ricordata la scomparsa di Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che...

Altri Sport

La storia di Beñat Intxausti: Morto e risorto, sempre in bici Compie oggi 35 anni Beñat Intxausti, il ciclista la cui storia ci insegna...

Altri Sport

Milano – Sanremo: le origini del Mito Si corre domani l’edizione 2021 della Milano-Sanremo, una delle leggendarie classiche monumento. Per l’occasione vi raccontiamo le...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire Ieri abbiamo ricordato Marco Pantani, in occasione della ricorrenza della sua morte che ancora...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Altri Sport

A tu per tu Gilberto Simoni, sempre in vetta Abbiamo avuto il piacere di intervistare Gilberto Simoni, campione di ciclismo. “Gibo” che ha trionfato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro