Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ci vorrebbe un Mondiale: una Storia d’Amore. E di calcio

Ci vorrebbe un Mondiale. Non esiste frase più immediata in questi pochi giorni che ci separano da Russia 2018. E se è vero che l’Italia mancherà ai Mondiali dopo 60 anni dall’ultima assenza iridata, quello che non mancherà sarà il ricordo delle nostre vite che indelebilmente sono legate alla storia della Coppa del Mondo. Questo è sicuramente quanto emerge dal nuovo libro, uscito ieri sugli scaffali, del nostro Paolo Valenti, “Ci vorrebbe un Mondiale” (Ultra Edizioni) per l’appunto,  che dopo averci raccontato incredibilmente la storia della Coppa più bella che c’è, ci porta nel mondo parallelo, quotidiano e vivo dei personaggi del suo romanzo, le cui esistenze sono scandite dalla meravigliosamente ingombrante presenza dei Mondiali di calcio. Buffa Docet.

Il calcio è solo lo sfondo di un intreccio di storie e volti, uniti da emozioni profonde come l’amore, ma trasversalmente solcate da sensazioni apparentemente superficiali  che scaturiscono da un pallone che rotola e da un sogno chiamato Mondiale. E come nella tradizione degli autori anglofoni, Hornby e Doyle su tutti, il simbolo pagano del calcio si erge a sacro manifesto di espressioni intime, profonde e che squarciano il cuore.

Il protagonista Pascal inizia il cammino verso il suo destino dal Mondiale della discordia, quello di Argentina 1978 in un paese sotto la dittatura politica di Videla e la dittatura tecnica dell’Albiceleste del Matador Mario Kempes, primo eroe sportivo che colpisce la sua immaginazione. Si va poi dritti alle emozioni forti, indelebili e forse irripetibili del Mundial 1982 in terra iberica, alle notti magiche di Italia ’90 e a quella Coppa del Mondo 1994,  fondamentale per la storia del nostro protagonista negli Stati Uniti. Qui riscopre l’amore, la leggerezza di guardare un cielo californiano terso e limpido come un sentimento vero e puro, e le nuvole nere di un rigore, quello di Baggio, che è presagio e monito di fatali delusioni.

In ogni momento narrativo storie personali e collettive si intrecciano, unendosi armoniosamente verso il baricentro di tutta la storia: l’amore e tutte le sue declinazioni.

“In questo libro ho cercato di tracciare una linea di connessione tra le emozioni dei Mondiali e quelle della vita di tutti i giorni” afferma l’autore del libro Paolo Valenti, “Un percorso che va a toccare la sfera affettiva di chi, nella festa collettiva che sono i campionati del mondo di calcio, trova una via per accedere ai propri sentimenti”.

La ciliegina sulla torta di “Ci vorrebbe un Mondiale” è nella prefazione, scritta da chi un Mondiale l’ha vinto da protagonista e capocannoniere, Mario Kempes. Un uomo che ha fatto battere il cuore degli argentini e che apre splendidamente un romanzo che già ci appartiene, come il calcio, come il sogno, come la vita.

L’Autore

Giornalista, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica assiduamente applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo su Gold Tv.

Titolo: Ci vorrebbe un Mondiale

Autore: Paolo Valenti

Casa Editrice: Ultra Edizioni

Acquista Online:

Amazon

IBS

Feltrinelli

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Marco Tardelli racconta Spagna 1982 E’ diventato l’immagine simbolo di quella finale ai Mondiali di Spagna 1982. Marco Tardelli, di quella Nazionale in terra...

Pugilato

La boxe, quello sport al quale tutti gli altri vorrebbero assomigliare, per usare le parole di George Foreman, uno di quei campioni che hanno...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Francia 1998, la testa di Zidane e il Mistero Ronaldo Il 12 luglio 1998 allo Stade de France la Francia batte il Brasile campione...

Calcio

Spagna 1982, l’Italia del Vecio e il primo Mondiale “Globale” L’11 luglio 1982 allo Stadio Santiago Bernabeu di Madrid l’Italia si impone sulla Germania...

Calcio

Andrea Carnevale racconta Italia 1990 Il 7 Luglio 1990 con la vittoria per 2 a 1 sull’Inghilterra, l’Italia di Vicini conquista il terzo posto...

Calcio

Il 30 giugno 2002 terminavano i primi Mondiali di calcio disputati in Asia con la quinta vittoria del Brasile dopo aver sconfitto la Germania...

Calcio

La partita che poteva cambiare tutto In diretta dalla redazione di Gioco Pulito con Ettore Zanca e il direttore Antonio Padellaro per presentare il...

Calcio

“La strage e il il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto E’ uscito oggi il nuovo...

Calcio

Mario Kempes racconta i Mondiali 1978 Il 25 giugno 1978 l’Argentina batte l’Olanda e conquista il suo primo Mondiale della Storia. Per l’occasione vi...

Libri

Next stop Rogoredo, l’inferno a poche fermate di metropolitana «Le persone come te non si rendono conto, l’eroina per quelli come noi è la...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro