Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Basket

Chris Wright, il playmaker che ha sfidato la sclerosi per volare in Nba. “Non ho paura, è solo una questione mentale”

Un metro e 85 centimetri di altezza per 95 kg segnati dalla bilancia. Stiamo parlando di Chris Wright, il primo cestista affetto da sclerosi multipla a giocare in Nba nel 2013, con i Dallas Mavericks e che accarezza il pallone da basket da quando aveva quattro anni. Oggi ventisettenne, lo statunitense ha giocato in Italia nelle ultime stagioni, prima con la maglia di Pesaro e successivamente con quella di Varese, con una media di 11,4 punti a partita, 4,5 rimbalzi e 4,8 assist di media.

Wright però non è soltanto un play di tutto rispetto: la sua è una storia molto particolare che inizia quattro anni fa. Nel 2012, quando giocava in Turchia all’Olin Edirne, cade improvvisamente a terra per un malore. Portato in ospedale, Chris riceve una diagnosi che è difficile da accettare: sclerosi multipla. «Mi sono ritrovato in un letto di ospedale. Fermo. Non potevo camminare, non potevo sollevare un bicchiere. Pensavo a come tornare a giocare», ricorda il giocatore. Niente lo ha mai convinto che non sarebbe più potuto tornare in campo. Dopo una serie di pareri medici negativi, Wright incontra la dottoressa Heidi Crayton: è lei a digli che sarebbe tornato a calcare il parquet, che sarebbe diventato un simbolo della lotta alla sclerosi multipla, restituendo speranza a tanti malati. Così è stato. Wright riprende a giocare, non senza qualche rifiuto dalle squadre a cui si rivolge. Molti non credono nell’ “affidabilità” delle sue prestazioni. Ma non è questo a fermarlo. Continua a cercare, a farsi notare: chiede a tutti di dargli una possibilità. Tutto ciò mentre si presta alle terapie per la sua malattia. Fino a quando non viene ingaggiato dai Dallas Mavericks, in Nba. Un sogno realizzato per il play, proprio prima di venire in Europa e vestire la maglia di Pesaro. «Alcuni giorni è ancora dura, sento che il mio corpo non risponde e accuso la stanchezza, ma so anche che può succedere e supero questi momenti con la forza di volontà», ha detto tempo fa in un’intervista. Nell’ultima giornata di campionato dello scorso anno Wright viene trovato positivo a un controllo antidoping ma il giocatore è assolto: la sostanza da lui assunta (Modanafil) infatti, gli serve per curare i sintomi legati alla sua malattia.

La Sclerosi Multipla. La sclerosi è una malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale. Per curarla non basta andare in farmacia ogni tanto ma bisogna seguire dei protocolli e c’è la necessità di rispettare un iter burocratico. Nessuno però, si accorge dell’assenza di Chris dal campo dell’Auxilium Torino (per cui oggi gioca), se non il giorno in cui va in ospedale per seguire le cure: proprio perché il resto della sua vita si svolge normalmente.

Chris Wright oggi è un simbolo. Non solo per la sua grande abilità di giocatore ma soprattutto per il suo coraggio. Per lui lo sport è la molla che lo spinge a non darsi mai per vinto, a essere più forte della sua malattia, dei limiti fisici di fronte ai quali spesso si trova. Si pensa che le persone a cui viene diagnosticata la sclerosi multipla non possano più dare il 100% nel loro lavoro, che si tratti di un ufficio o un campo da basket. Tutti pregiudizi. Il Play, da un anno nell’Auxilium Torino, in una recente intervista su La Stampa ha detto: «È una questione mentale. Non ho paura. Mi spavento solo quando digito sclerosi multipla su internet».

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Marcello

    Ottobre 5, 2016 at 12:04 pm

    La forza della volontà non ha limiti…

  2. Avatar

    Elisa

    Ottobre 6, 2016 at 10:13 am

    Il Modanafil è un farmaco contro il sintomo della fatica tipico della SM, non è la terapia per la SM. Sarebbe interessante sapere qualche terapia fa (interferone? Copaxone? Anticorpi monoclonali?). Perché con la forza di volontà un malato di SM fa tanto, ma di certo non gioca a basket professionistico…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Calcio

Come Gigi Riva, anche Antonio Janni subì un grave incidente alla gamba con la maglia della Nazionale contro l’Austria a Vienna. Accadde nel 1929...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro