Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Chiedi chi era Masinga

Chiedi chi era Masinga

Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni.

Per certi racconti bisogna avere il coraggio di scavare oltre la superficie. È necessario concentrarsi sull’arte di andare a fondo per non lasciar scivolare via nemmeno una parola, un aneddoto, un dettaglio che può fare la differenza.

Probabilmente se oggi chiedessi ad un ragazzino chi era Phil Masinga mi prenderebbe per pazzo, o comunque per uno che non ha nient’altro di meglio da fare.

Perché nel gioco del calcio, così come nella vita in generale, esistono persone che riempiono la vita degli altri, attraverso giornali, Tv e Social Media e poi esistono altre persone di cui si parla meno, eroi silenziosi, uomini che in realtà, un segno nell’universo, l’hanno lasciato eccome, ma senza fare rumore.

Phil Masinga, a conoscenza del fatto che non sia stato l’ultima ruota del carro, non fu neanche uno di quei giocatori che hanno riempito pagine di giornali e almanacchi. Fu un uomo nel mazzo, nell’immenso numero di giocatori passati per i campi d’Italia.

Ma forse la peculiarità più bella del gioco del calcio è quella legata al fatto che, per essere ricordati, a volte basta poco.

A livello internazionale sicuramente, se si prende in considerazione il caso di Masinga, ci si rende conto che in patria, in Sudafrica, l’attaccante sia considerato al pari di una divinità, anche per il fatto che, con 18 goal in 58 partite, portò i Bafana Bafana a traguardi storici, come la vittoria in Coppa d’Africa del 1996 e la storica, prima qualificazione ai mondiali del 1998, ottenuta con un suo goal decisivo contro il Congo.

In Italia, forse la sua più fertile terra di conquista, Masinga, lasciò un segno particolare pur militando con maglie meno blasonate di altre.

C’è però un aneddoto dell’esperienza italiana che, affiancato al goal del 1998 che valse la vittoria del Bari contro l’Inter del Fenomeno a San Siro, merita di essere ricordato.

Durante la stagione 1996-97, Phil Masinga era un giocatore del San Gallo, squadra svizzera che, nell’autunno dello stesso anno si vide strappare l’attaccante sudafricano dalla Salernitana, immischiata in una dura lotta per la salvezza nella Serie B italiana. A tre giornate dalla fine del campionato, per i campani, si presenta una sorta di match point per salvare la categoria e un’intera stagione.

L’avversario, il Castel di Sangro, già ampiamente al sicuro, è abbordabile ma poco intenzionato ad essere vittima di giornata.

Phil Masinga, diventato determinante nella corsa salvezza, non è al meglio. Poche ore prima della partita infatti ha disputato un’amichevole a Wembley, con la sua nazionale e Varrella decide di farlo partire dalla panchina. Quando ormai il tutto sembra incanalato sullo zero a zero però, Masinga, si alza dalla panchina e va in campo. E non ci va per caso, ma per sfruttare la prima palla utile, in questo caso un cross perfetto di Tudisco. Goal, Salernitana salva con tre giornate di anticipo e Masinga che si guadagna un posto nell’eterno nonostante, a fine stagione, sarà ceduto al Bari di Fascetti dove toccherà il punto più alto della sua carriera con un una doppietta alla Scala del calcio.

Due anni fa se ne andava Phil Masinga, il Bafana Bafana che diventò dio in un caldo pomeriggio di Giugno del 1997, allo stadio Arechi di Salerno.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro