Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Chiamarsi Rodwell senza vincere da 33 partite

Maggio 2013, Etihad Stadium

Il Manchester City batte 1-0 il West Bromwich Albion, grazie ad una rete messa a segno da Edin Dzeko. Quel giorno in campo c’era Jack Rodwell, centrocampista prelevato per una cifra vicina ai 20 milioni di euro, sostituito al 79’ per fare spazio a Maicon – che oggi si allena a Trigoria insieme alla punta bosniaca – ma partito titolare in una sfida decisiva per le speranze di titolo azzurre.

Perché torniamo a parlare oggi di una sfida così vicina ma allo stesso tempo lontana?

Proprio da quel giorno, Jack Rodwell e la starting XI non hanno avuto un buon rapporto: nelle 33 partite che l’inglese ha disputato con la maglia del Sunderland partendo da titolare, sono infatti arrivati 15 pareggi e 18 sconfitte. Quindi nessuna vittoria, di conseguenza un record negativo che non è passato inosservato agli occhi più attenti e maliziosi del mondo inglese.

Quando il 25enne di Southport entra a gara in corso la statistica non vale, visto e considerato che qualche volta sono arrivati anche i 3 punti, ma in due stagioni da Black Cat Rodwell non si è ancora tolto di dosso il nomignolo di ‘loser’, restando ovviamente entro i confini del campo da calcio.

In generale, molto dipende anche dal Sunderland di David Moyes, ancora fermo a 2 punti in classifica senza vittorie in tasca, ma c’è chi ancora fa dell’ironia su ‘un record fra i più imbarazzanti che si possano avere’, come letto ‘sfogliando’ un quotidiano anglosassone online.  Qualcuno sperava che la 33esima sfida con l’Arsenal, sempre che il tecnico avesse deciso di farlo partire dal primo minuto, potesse essere quella decisiva per sfatare il mito, altri invece rimarcavano come una sconfitta anche contro i Gunners avrebbe peggiorato ulteriormente un record già di per sé abbastanza suggestivo e grottesco.

Nel frattempo invece l’ex stella dell’Everton, leggermente offuscata soprattutto per il poco spazio trovato dai tempi del suo passaggio al Manchester City, parlava  come se nulla fosse: “Siamo noi a scendere in campo, abbiamo fatto un po’ di passi indietro in questo periodo ma siamo gli unici a poter rimettere a posto le cose”.

Purtroppo il Sunderland ha fatto un altro capitombolo, è uscito dallo Stadium of Light devastato per colpa di 4 reti targate Sanchez e Giroud, mentre proprio il nostro Rodwell cercava di guidare il centrocampo.

Insomma, tutto è andato come previsto e il record negativo del ‘povero’ Jack è rimasto intatto, addirittura si è aggiunto un tassello al domino ormai diventato davvero molto lungo e contorto.

Sabato prossimo arriva il Bournemouth: sarà il momento di buttare finalmente giù il castello di carta? Ma, soprattutto, Jack Rodwell giocherà?

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Interviste

A tu per tu con Sara Simeoni, la donna volante Ci sono dei momenti e delle sensazioni legati con un filo invisibile e impressi...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Via del Campo: Nemmeno Roy Keane ha fermato gli Haaland Haaland, Haaland, Haaland. Negli ultimi giorni, il web si è riempito del...

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro