Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Chiamarsi Grosskreutz non è mai stato così complicato

Kevin Großkreutz tifa Borussia Dortmund, si è fatto licenziare dallo Stoccarda e ha lanciato un kebab in faccia ad un tifoso del Colonia. Tutto molto particolare ma tutto vero.

A 28 anni si è persino ritirato dal calcio giocato, almeno per il momento, dopo essere stato allontanato proprio dallo Stoccarda per una bravata imperdonabile.

Secondo quanto ricostruito dalla Bild, infatti, il giocatore tedesco avrebbe portato alcuni ragazzini dell’Under 17 in un locale a luci rosse ovviamente vietato ai minorenni, il tutto poco prima di imbattersi in un gruppo di giovani tifosi e finire con il volto tumefatto in ospedale in seguito a una rissa dalle dinamiche ancora incerte. Una storia molto triste, triste come le lacrime che hanno accompagnato l’ultimo saluto di Kevin a compagni e tifosi, che lo hanno sempre rispettato sebbene si trattasse di un conclamato tifoso del Dortmund.

 Il motivo di questo amore a prima vista è ancora incerto; forse il carisma o forse quel cognome un po’ strano, che in realtà suona strano solamente a noi non tedeschi? Magari invece Großkreutz era così amato proprio per le bravate che lo hanno reso celebre al di fuori del campo? Sì, come quella volta in cui non le risparmiò a Timo Werner, che lasciò lo Stoccarda ormai retrocesso per accasarsi al più ricco e giovane Lipsia.

Prendere o lasciare, terzino o esterno di centrocampo, centrocampista difensivo o addirittura in porta come contro l’Hoffenheim nel maggio del 2013. Assumere un ragazzo del genere significava però assumersene anche le responsabilità, e questo in Germania lo sanno bene; nel 2012 accese un petardo in campo durante la Festa Scudetto del Borussia.

Le reti più belle sono quelle che fa il Dortmund” rispondeva invece qualche anno prima a chi osava chiedergli quale fosse stata la sua rete più significativa tra le 11 segnate in Zweite Liga con la maglia del Rot Weiss-Ahlen.

 La duttilità e l’apparente genuinità di un giocatore come Kevin Großkreutz, che evidentemente nasconde non poche debolezze e problemi nella vita quotidiana, sono particolari che difficilmente verranno dimenticati da chi ama il calcio.

L’asso nella manica di Jurgen Klopp dovrà tuttavia separarsi dal pallone, sempre che non decida un giorno di tornare, magari proprio al Borussia Dortmund, che lo conosce così bene da avergli lasciato un messaggio di sostegno nell’ultima gara contro il Leverkusen. Forse lasceranno libero anche un posticino nell’infinito muro giallo del Westfalenstadion.

dortmund

Un giorno ha dichiarato che i suoi compagni di squadra sono tanto i giocatori in campo quanto i tifosi sugli spalti, sostenendo quindi la tesi del 12esimo uomo in campo. Prendere o lasciare, questo è Kevin Großkreutz, nato nel cuore della Ruhr e cresciuto in gradinata.

 

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 76 anni. L’ eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100...

Pugilato

Johann Trollmann, il pugile sinti che prese a pugni il Nazismo Il 27 Dicembre 1907 nasceva ad Hannover, Johann Trollmann, il pugile sinti, la...

Calcio

La calma di Kuba Compie oggi 35 anni Jakub Błaszczykowski, il calciatore polacco la cui infanzia è stata straziata da una tragedia che avrebbe...

Calcio

Strage di Piazza Fontana: quando (quasi) tutto il calcio si voltò dall’altra parte Il 12 dicembre 1969 avvenne quella che, da 51 anni a...

Calcio

Gigi Radice non se ne andrà mai Di Gigi Radice non se ne sentiva parlare da tempo ed era fin troppo scontato che, quando...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Calcio

I fantasmi di Gary e Robert Il 10 Novembre 2009 ci lasciava Robert Enke, portiere tedesco dell’Hannover 96. La causa della morte: suicidio. Una...

Altri Sport

Werner Seelenbinder, il lottatore rosso Il 24 ottobre 1944 moriva Werner Seelenbinder, il lottatore simbolo sportivo della resistenza al nazismo. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

“Rudi Voeller. Il tedesco volante”: biografia d’amore del mito giallorosso Dopo il grande successo di “Un secondo dopo l’altro” e “Nonostante tutto”, Gabriele Ziantoni...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro