Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Chi era Gaetano Scirea

Chi era Gaetano Scirea

Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale in Polonia 31 anni fa. Il nostro tributo ad un uomo senza macchia.

Lui era quello lì.

Era quello che non appariva mai, ma si avvertivano peso e presenza, cacchio se si avvertivano.

Era quello che se guardi bene la foto di Tardelli che esulta al mundial, urlando come un coyote, è dietro che con una esultanza composta ha una faccia da bimbo felice, come di chi ha trovato sotto l’albero a natale la coppa del Mondo.

E sempre lui, ogni tanto si presentava a casa sua con un po’ di sconosciuti, erano tifosi della Juve arrivati da lontano ed esclamava a Mariella attonita “mi sembra il minimo che mangino un boccone con noi”.

Che una volta ebbro di felicità e festeggiamenti per lo scudetto appena vinto, fece l’alba con i compagni in un locale, poi prima di andare a casa, si fermò a comprare il giornale per tenersi il ricordo dello scudetto stampato tra le righe. Ma vide gli operai della Fiat che stavano andando a lavorare e si vergognò, si vergognò tantissimo che dovremmo imparare tutti a vergognarci così. E il giornale non lo comprò più.

Che alla moglie diceva abbiamo tutto, non voglio chiedere l’aumento di stipendio, accontentiamoci”. E si accontentavano. Ma una volta Boniperti glielo disse: “se dai un pestone senza motivo a un avversario, ti aumento lo stipendio”. Non riuscì.

Era lui quello che sedava le risse eccessive portando via compagni e avversari e a dire con quella voce sottile ma ferma “ma non vi vergognate? Vi stanno guardando le vostre mogli e i vostri figli”. Era quello lì, lui. Amico di Dino Zoff che lo descrive “gioviale e simpatico”. Che detto da Dino Zoff non lo sai che pensare.

Più bravo come libero che come enologo, parola di moglie. Competitivo che se voleva imparare un nuovo sport lo imparava fino a possederlo. A suo papà aveva promesso che avrebbe preso il diploma, lo prese poco prima del ritiro dalle scene, studiava in ritiro e fu una fatica solo in matematica, ma non era preciso, dice sempre Mariella, la moglie. Che addirittura fece il giornalista durante Messico ‘86, per la testata “i Siciliani” fondata da Pippo Fava ucciso due anni prima.

Era lui che ogni partita, salutava un punto della tribuna dove c’erano moglie e figlio. Suo figlio Riccardo che dice “non poteva vedermi, ma io lo so che quel saluto era solo per noi”, che gli regalò un vinile al posto di un CD di un disco che Riccardo voleva: “vedrai che questo rimane”.

Era un libero, era IL libero. Per, ruolo e per testa. Nato centrocampista  aveva i piedi buoni e se non ci credete andate a vedere l’opera d’arte che portò Tardelli a segnare nel Mundial. Un colpo di tacco (!) verso Bergomi e palla indietro che scotta per il povero “Zio” e allora via, in mezzo per il Coyote che sta arrivando con lingua di fuori e furia. Ed è gol. E nonostante siano trent’anni che Gaetano Scirea non c’è più, portato via da un incidente d’auto assurdo, noi siamo qui a ricordare quel momento, quel passaggio perfetto, quel tacco da playmaker scafato, altro che difensore ruvido, quel viso che ride come un bimbo dietro Tardelli che corre invasato. Lo diciamo tre volte, una per ogni dieci anni che non c’è più. Era lui, Scirea, campione del mondo, campione del mondo, campione del mondo.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro