Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Chelsea, tifosi e razzismo: quando il passato si dimentica

[themoneytizer id=”27127-1″]

Chelsea, tifosi e razzismo: quando il passato si dimentica

La problematica del razzismo, negli ultimi tempi e nonostante le promesse lanciate dai piani alti del mondo del pallone, ha continuato ad interessare più e più volte il mondo calcistico nostrano. Il caso legato a Mario Balotelli, insultato dai tifosi dell’Hellas Verona per il colore della sua pelle durante la gara tra la squadra della città scaligera ed il Brescia del novembre scorso, è solo l’ultimo caso che può essere citato in Italia.

Purtroppo, però, il problema del razzismo ha interessato in tempi recenti anche altri campionati europei tra cui quello inglese. Nel paese di sua maestà una delle tifoserie che si è messa più in luce, per i suoi comportamenti razzisti, è stata quella del Chelsea.

Tutto questo nonostante una storia particolare che vede gli stessi supporter dei Blues come protagonisti e che vorremmo raccontarvi.

Siamo entrati nel mese dicembre quindi tra poche settimane comincerà il 2020. In quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario dalla nascita formale della sottocultura inglese degli skinhead. Una delle caratteristiche di questo movimento giovanile è sicuramente il suo rapporto con la musica giamaicana. In particolar modo fu molto importante il legame tra i giovani della “working class” dell’isola di Sua Maestà con l’etichetta discografica della Trojan Records.

La Trojan, a sua volta, è uno dei mezzi con cui la musica e la cultura della piccola isola caraibica si sono fatte conoscere nel mondo intero. L’etichetta in questione, fondata nel 1968 da un’intuizione di Lee Gopthal e Chris Blackwell, ha prodotto alcuni dei maggiori successi mondiali di musica ska, rocksteady e reggae.

Questo legame tra due mondi così opposti, quello occidentale e quello di un paese del cosiddetto terzo mondo, non deve stupire. Entrambi, difatti, facevano proprie alcune basi in comune. Tra le più importanti possiamo citare la lotta al razzismo e l’appoggio al multiculturalismo che, almeno in un primo momento interessavano molto da vicino il mondo dei supporter dei “The Blues”.

Il legame tra la Trojan ed il movimento skinhead fu talmente forte che i primi ragazzi inglesi dalla testa rasata erano conosciuti, e con continuano ad esserlo tuttora, con il termine di “Trojan Skinheads”.

Oggigiorno l’etichetta giamaicana è riuscita ad influenzare vari ambiti della vita quotidiana di molti abitanti britannici. Tra questi non poteva mancare l’ambito calcistico, sia perchè questo sport è nato proprio dalle parti di Londra nel 1848 ma anche perchè il gioco del pallone è diventato assai popolare nell’Inghilterra contemporanea.

Il nostro racconto ci porta a Londra: una città che, come descritto da noi di Io Gioco Pulito in un precedente pezzo, ha una forte suddivisione calcistica. Per l’esattezza il luogo che ci interessa è Stamford Bridge, lo stadio in cui gioca le partite casalinghe il Chelsea FC.

In una delle due curve dell’impianto, la cosiddetta Shed End, negli anni ’70 si cominciarono a riunire numerosi gruppi di skinhead ma anche di suedsheads. Questi ragazzi londinesi, manco a dirlo, fecero vedere da subito il loro interesse per la cultura giamaicana intonando un coro che riprendeva il ritmo di una canzone intitolata “The Liquidator”.

Tale melodia ha un forte collegamento con la musica giamaicana e con la Trojan. Essa prende difatti spunto dall’omonimo pezzo del 1969 composto dal produttore discografico giamaicano di musica reggae, Harry Zephaniah Johnson, con il suo gruppo denominato “The Harry J All Stars”.

Appena uscito “The Liquidator” ebbe un successo straordinario: si piazzò al nono posto nelle UK pop charts e vi rimase per parecchie settimane.

Anche al giorno d’oggi questa canzone viene suonata spesso perchè è considerata come una vera e propria icona del suo genere.

Col tempo il lato militante della scelta musicale perse parecchio del suo appeal anche per la deriva conservatrice degli stessi hooligans del Chelsea. Ad oggi infatti lo zoccolo duro dei supporter dei Blues di Londra, conosciuto con il termine di “Headhunters” (che in italiano si può tradurre con “cacciatori di teste”), cerca di portare avanti tematiche legate al suprematismo bianco del British Front National (BNF).

Il BNF non è certo famoso per essere in favore di tematiche come l’antirazzismo o la multiculturalità.

Nonostante ciò il piacere di ascoltare questi ritmi in levare caraibici resta. A conferma di ciò vi è il fatto che, durante gli incontri giocati a Stamford Bridge, viene trasmessa dagli autoparlanti dell’impianto londinese quella che può essere descritta come una delle più famose reggae tune di tutti i tempi.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Da non perdere

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Stan Bowles: il più grande talento che non avete mai visto Compie oggi 73 anni Stan Bowles, un calciatore il cui nome non potrebbe...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Lo scorso 30 ottobre ricorreva la scomparsa, avvenuta nel 2020, di Nobby Stiles, il piccolo...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 20 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Calcio

Calcio e Razzismo: tra modifiche e belle parole, riusciremo davvero a risolvere il problema? Torna in prima pagina la questione razzismo nel calcio, dopo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro