Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Cheick Diabate, l’eroe-gigante di Benevento in goal contro i pregiudizi grazie all’amore

“Ancora adesso spesso ancora penso a lui” E chissà se il pensiero di Cheick Diabatè, gigante maliano di 194 cm, attaccante del Benevento, autore del goal vittoria contro il Crotone  dodici minuti dopo il suo esordio in Serie A, sia andato proprio al suo amico, con cui  giocava a pallone da bambino, scomparso troppo presto. E chissà se il pensiero non sia andato anche all’altra tragedia della sua infanzia difficile: la scomparsa prematura della mamma che l’ha fatto crescere prima del tempo, non solo in altezza, fino a farlo arrivare spaesato e isolato in Francia a soli 18 anni.


“Il mio nome è Chuck” come lo chiamavano a Bordeaux appena arrivato dall’Africa. Le cicatrici delle due tragedie della sua infanzia hanno lasciato qualcosa, e questo qualcosa è un qualcosa di positivo: l’amore verso tutti. “In quel momento capii che la morte può arrivare prima di quanto uno creda. Per questo ho deciso che la vita è meravigliosa e che va vissuta a pieno. Non serve a niente essere cattivi. Bisogna amare. Amare tutti, anche quelli che ti odiano. Detestare non serve a niente”.

Non solo l’infanzia è stata difficile per il gigante Chuck, che ha faticato molto ad integrarsi appena arrivato a Bordeaux a causa di una sua abitudine genuina e rispettosa ma fastidiosa ed incompresa agli occhi degli europei: “Quando sono arrivato a Bordeaux nel 2006, a 18 anni, non parlavo il francese e non guardavo mai le persone negli occhi. Per me era quella una forma di rispetto perchè così facevo con mio padre. Non voleva dire non ascoltare. Ma in Francia non è così e non venni subito capito. Questo mio atteggiamento mi costò la possibilità di giocare per circa un anno e mezzo.

Non solo gli allenatori ma anche i tifosi erano pieni di pregiudizi nei suoi confronti: “Ma chi è quel coso lungo e scordinato? Uno così alto non può giocare a pallone”. Anche i giornalisti spesso lo incalzavano con ironia dicendogli che non aveva tecnica: “Già, la tecnica, che cos’è per un giocatore della mia stazza e con il mio fisico?  Per un attaccante come me è posizione, capacità di controllare il pallone e di piazzamento davanti alla porta. La tecnica per uno come me la misurano i gol”. E da questo punto di vista Diabatè ne ha da vendere: 63 gol in 144 gare, 11° miglior marcatore nella storia del Bordeaux davanti a gente come Micoud e Dugarry. Il suo allenatore l’aveva rinominato il “Peter Crouch di colore” così sgraziato ma così efficace.

Dalla Francia con il Bordeaux alla Francia con il Metz, in mezzo una parentesi turca non troppo felice dove ha segnato pochissimo. Ora l’approdo a Benevento dove insieme a campioni sul viale del tramonto come Sandro e Sagnà è chiamato a un vero e proprio miracolo sportivo, ovvero la salvezza dei sanniti. Intanto il primo tassello è stato messo e lui ne è  stato l’assoluto protagonista: Benevento-Crotone 3-2. Il primo sigillo italiano di Cheick “Chuck”Diabatè, il gigante maliano che ama e, soprattutto, segna.

 

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Pugilato

La storia del Terribile Terry, il piccolo Mike Tyson di un secolo fa Nato il 9 marzo del 1880 col nome Joseph Terrence McGovern,...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro