Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più

Il 3 aprile 2016 ci lasciava Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che purtroppo non esiste più. Il nostro tributo ad un uomo d’altri tempi, sicuramente migliori di questi.

Uomo equilibrato, lungimirante. Cesare Maldini ci salutò il 3 aprile del 2016 con l’autorevolezza che lo ha contraddistinto, a 84 anni, in una triste notte di aprile. Lui, che non ha mai utilizzato stratagemmi per restare sulla cresta dell’onda, mai una parola fuori posto o una ricerca spropositata dei favori mediatici. L’ex ct della Nazionale è uno degli ultimi “signori” di un calcio che non c’è più, quello in cui il valore dell’uomo veniva riconosciuto prima di quello dell’atleta.

Cesare Maldini porta con sé un primato indelebile: le sue braccia, le prime della storia di un italiano, alzarono al cielo la Coppa dei Campioni a Wembley, nella finalissima vinta dal Milan per 2-1 contro il Benfica.

Sul tetto d’Europa dieci anni dopo il suo esordio con la squadra di casa sua, la Triestina. Poi la straordinaria carriera da difensore al Milan, raccontata in 347 partite disputate, quattro scudetti vinti, una Coppa Latina e, appunto, una Coppa dei Campioni. La fascia di capitano portata al braccio con grande senso di responsabilità era simbolo del suo essere riferimento per tutti, dalla società ai compagni di squadra, dagli allenatori ai tifosi.

E così, giunto a fine carriera, Maldini ebbe l’opportunità di cambiare visione da giocatore ad allenatore, collaborando i grandi di quel tempo: Nereo Rocco ed Enzo Bearzot. Una scuola di valori, oltre che di campo e strategie, che gli tornò utile qualche anno dopo alla guida della Nazionale U21, dove riuscì a costruire puzzles perfetti con giovani di prospettiva ma non ancora nel pieno della maturità calcistica. La costanza, la pazienza e la cultura del lavoro, trasmessi sempre con toni pacati ma decisi, portarono l’Italia baby a conquistare il titolo europeo tre volte di fila.

Dal 1996 la guida alla Nazionale maggiore: l’eliminazione sfortunata agli ottavi di finale dei mondiali di Francia 1998 con la nazionale di casa e le sue dimissioni, anche in questo caso con signorilità e senza rumore. La sua ultima esperienza alla guida del Paraguay, ma anche in questo caso l’impresa ai Mondiali di Corea del Sud e Giappone 2002 si fermò agli ottavi di finale.

Cesare Maldini  lascia una grande eredità: i valori umani nel calcio contano più di mille parole, i successi sono solo il naturale frutto di un lavoro svolto nel tempo con impegno e abnegazione e i segreti di una squadra restano dentro lo spogliatoio.

Ciao, Capitano!

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Tributo a Francesco Rocca, il Kawasaki giallorosso Per ricordarsi di Francesco Rocca, escludendo gli appassionati incalliti e gli addetti ai lavori, bisogna avere qualche...

Calcio

Quando Nemanja Matic salvò un Paese in Serbia Spesso i giocatori vengono considerati milionari interessati solo al portafoglio. In alcuni casi, dei piccoli gesti...

Storie di Sport

Walter Bonatti: la solitudine e la grandezza del “Re delle Alpi” Nella notte tra il 30 e il 31 luglio 1954 veniva raggiunta la...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Compie oggi 48 anni Andrea Gaudenzi, il tennista italiano che ci ha fatto vivere una delle serate...

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Ieri 28 luglio ricorreva il giorno in cui nasceva nel lontano 1925 Bruno Pesaola, argentino di nascita, napoletano d’adozione. Il...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 26 Luglio 1953 in occasione dell’assalto alla caserma Moncada, perde la vita il pugile...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro