Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più

Il 3 aprile 2016 ci lasciava Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che purtroppo non esiste più. Il nostro tributo ad un uomo d’altri tempi, sicuramente migliori di questi.

Uomo equilibrato, lungimirante. Cesare Maldini ci salutò il 3 aprile del 2016 con l’autorevolezza che lo ha contraddistinto, a 84 anni, in una triste notte di aprile. Lui, che non ha mai utilizzato stratagemmi per restare sulla cresta dell’onda, mai una parola fuori posto o una ricerca spropositata dei favori mediatici. L’ex ct della Nazionale è uno degli ultimi “signori” di un calcio che non c’è più, quello in cui il valore dell’uomo veniva riconosciuto prima di quello dell’atleta.

Cesare Maldini porta con sé un primato indelebile: le sue braccia, le prime della storia di un italiano, alzarono al cielo la Coppa dei Campioni a Wembley, nella finalissima vinta dal Milan per 2-1 contro il Benfica.

Sul tetto d’Europa dieci anni dopo il suo esordio con la squadra di casa sua, la Triestina. Poi la straordinaria carriera da difensore al Milan, raccontata in 347 partite disputate, quattro scudetti vinti, una Coppa Latina e, appunto, una Coppa dei Campioni. La fascia di capitano portata al braccio con grande senso di responsabilità era simbolo del suo essere riferimento per tutti, dalla società ai compagni di squadra, dagli allenatori ai tifosi.

E così, giunto a fine carriera, Maldini ebbe l’opportunità di cambiare visione da giocatore ad allenatore, collaborando i grandi di quel tempo: Nereo Rocco ed Enzo Bearzot. Una scuola di valori, oltre che di campo e strategie, che gli tornò utile qualche anno dopo alla guida della Nazionale U21, dove riuscì a costruire puzzles perfetti con giovani di prospettiva ma non ancora nel pieno della maturità calcistica. La costanza, la pazienza e la cultura del lavoro, trasmessi sempre con toni pacati ma decisi, portarono l’Italia baby a conquistare il titolo europeo tre volte di fila.

Dal 1996 la guida alla Nazionale maggiore: l’eliminazione sfortunata agli ottavi di finale dei mondiali di Francia 1998 con la nazionale di casa e le sue dimissioni, anche in questo caso con signorilità e senza rumore. La sua ultima esperienza alla guida del Paraguay, ma anche in questo caso l’impresa ai Mondiali di Corea del Sud e Giappone 2002 si fermò agli ottavi di finale.

Cesare Maldini  lascia una grande eredità: i valori umani nel calcio contano più di mille parole, i successi sono solo il naturale frutto di un lavoro svolto nel tempo con impegno e abnegazione e i segreti di una squadra restano dentro lo spogliatoio.

Ciao, Capitano!

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare In occasione della Giornata della Memoria che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn In occasione dei 103 anni dalla sua nascita, il nostro tributo al leggendario capitano del Grande Torino. Tulèn,...

Calcio

Qualche mese fa Mimmo Carratelli ha scritto sul Guerin Sportivo che il Napoli era sulle tracce di Anguissa già sei anni fa ma che...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventitreesima giornata) Per l’Inter sono prove di fuga: mentre il Milan non riesce ad...

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro