Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più

Il 3 aprile 2016 ci lasciava Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che purtroppo non esiste più. Il nostro tributo ad un uomo d’altri tempi, sicuramente migliori di questi.

Uomo equilibrato, lungimirante. Cesare Maldini ci salutò il 3 aprile del 2016 con l’autorevolezza che lo ha contraddistinto, a 84 anni, in una triste notte di aprile. Lui, che non ha mai utilizzato stratagemmi per restare sulla cresta dell’onda, mai una parola fuori posto o una ricerca spropositata dei favori mediatici. L’ex ct della Nazionale è uno degli ultimi “signori” di un calcio che non c’è più, quello in cui il valore dell’uomo veniva riconosciuto prima di quello dell’atleta.

Cesare Maldini porta con sé un primato indelebile: le sue braccia, le prime della storia di un italiano, alzarono al cielo la Coppa dei Campioni a Wembley, nella finalissima vinta dal Milan per 2-1 contro il Benfica.

Sul tetto d’Europa dieci anni dopo il suo esordio con la squadra di casa sua, la Triestina. Poi la straordinaria carriera da difensore al Milan, raccontata in 347 partite disputate, quattro scudetti vinti, una Coppa Latina e, appunto, una Coppa dei Campioni. La fascia di capitano portata al braccio con grande senso di responsabilità era simbolo del suo essere riferimento per tutti, dalla società ai compagni di squadra, dagli allenatori ai tifosi.

E così, giunto a fine carriera, Maldini ebbe l’opportunità di cambiare visione da giocatore ad allenatore, collaborando i grandi di quel tempo: Nereo Rocco ed Enzo Bearzot. Una scuola di valori, oltre che di campo e strategie, che gli tornò utile qualche anno dopo alla guida della Nazionale U21, dove riuscì a costruire puzzles perfetti con giovani di prospettiva ma non ancora nel pieno della maturità calcistica. La costanza, la pazienza e la cultura del lavoro, trasmessi sempre con toni pacati ma decisi, portarono l’Italia baby a conquistare il titolo europeo tre volte di fila.

Dal 1996 la guida alla Nazionale maggiore: l’eliminazione sfortunata agli ottavi di finale dei mondiali di Francia 1998 con la nazionale di casa e le sue dimissioni, anche in questo caso con signorilità e senza rumore. La sua ultima esperienza alla guida del Paraguay, ma anche in questo caso l’impresa ai Mondiali di Corea del Sud e Giappone 2002 si fermò agli ottavi di finale.

Cesare Maldini  lascia una grande eredità: i valori umani nel calcio contano più di mille parole, i successi sono solo il naturale frutto di un lavoro svolto nel tempo con impegno e abnegazione e i segreti di una squadra restano dentro lo spogliatoio.

Ciao, Capitano!

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Falcao, l’addio, la politica e il Papa Compie oggi 68 anni Paulo Roberto Falcao, l’ottavo Re di Roma, rimasto nella memoria dei tifosi giallorossi...

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Altri Sport

Paul Allen: storia del Genio tifoso innamorato dello Sport Genio, rivoluzionario, magnate, filantropo. Non bastano le parole, gli aggettivi. Scrivo. Meglio: pigio i tasti...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 10 Ottobre 1991 moriva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 9 Ottobre 1967 veniva giustiziato in Bolivia, il rivoluzionario e guerrigliero Ernesto Che Guevara....

Calcio

Nils Liedholm: c’era una volta il “Barone” Avrebbe compiuto ieri 99 anni Nils Liedholm, indimenticabile Barone svedese del calcio italiano. Personaggio unico e inimitabile...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Etoro in Serie A: scopriamo perché il broker punta sul calcio italiano Da ormai qualche anno a questa parte, eToro è uno dei nomi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro