Connect with us

Cerca articoli

Calcio

C’era una volta l’Est, un e-book raccoglie le storie di calcio dalla Germania Orientale

Il suo primo lettore è il papà, che nel caso specifico si è (giustamente) interrogato sulle possibilità di diffusione di un libro del genere. E già qui Roberto Brambilla, giornalista classe 1984, ti sorprende affermando che “l’incipit è stato proprio quello di uscire da qualsiasi cliché, puntando su storie poco note e dunque ancor più meritevoli di essere narrate. Raccontare, insomma, un calcio che fu senza voler giudicare il momento e il movimento. Semplicemente, presentandolo”. Che poi sarebbe (è) il lavoro del bravo cronista, e Brambilla – che scrive di sport per Avvenire e MondoFutbol – lo sa bene. Così, con il supporto di una giovane e interessante casa editrice, ha pubblicato un e-book che è una vera e propria chicca, destinato ad appassionati e curiosi: “C’era una volta l’Est, storie di calcio dalla Germania orientale” (Edizioni Incontropiede, 239 pagine, 4.99 euro).

 

ADN-ZB-Sindermann-20.2.74-la-Rostock: Fußball-Oberliga 1. FC Magdeburg - FC Hansa Rostock 2:2 - (Halbzeit 2:1 für Rostock) Joachim Streich (FC Hansa) hat sich gegen seinen Bewacher Klaus Decker (Magdeburg) durchgesetzt und schießt das 2:0 für den FC Hansa. Vor 25.000 Zuschauern konnte Rostock den 2:0 Vorsprung nicht halten. Mit starker kämpferischer Leistung erzwangen die Magdeburger das 2:2 Unentschieden.

Reinhard Lauck è il mediano della Nazionale 1974 che dopo un’onesta carriera non si adatta alla vita senza calcio (e senza Ddr). Andreas Thom è il primo giocatore che lascia la Repubblica democratica tedesca senza dover fuggire. Rudi Glöcker è l’unico arbitro tedesco a dirigere una finale mondiale”. È l’incipit della sinossi di “C’era una volta l’Est” – prefazioni di Pietro Nicolodi e Carlo Pizzigoni – un racconto affascinante scritto da chi non solo padroneggia la lingua (Brambilla parla anche tedesco), ma sa bene di che cosa sta parlando (e non è banale). Guidando così il lettore alla scoperta di “un calcio diverso, ma non troppo. Fatto di partite, giocatori, splendori e miserie. Il pallone della Ddr è stato per 46 anni tutto ciò”. Riprende l’autore, che è al suo esordio letterario: “L’idea di questo libro è nata dalla voglia di togliere la polvere a un movimento calcistico la cui storia nella mente di tutti, o quasi, è legata esclusivamente al 22 giugno 1974, quando la Nazionale della Germania Est superò 1-0 la più blasonata squadra dell’Ovest. Una partita trasformata in mito che ha cancellato o comunque messo in ombra tanto altro”.

ADN-ZB/Mittelstädt/22/6/74/BRD/Hamburg: X. Fußball-Weltmeisterschaft/1. Finalrunde, Gruppe 1: DDR - BRD 1:0/DDR-Stürmer Martin Hoffmann (rechts) und Verteidiger Berti Vogts (Mitte) stürmen dem Ball nach. Links Franz Beckenbauer (beide BRD).

Un lavoro, quello portato avanti da Brambilla (“ho iniziato a scrivere il primo capitolo ad aprile 2015 e ho inviato il manoscritto nel gennaio 2016”), con l’intento di raccontare “ciò che in Italia non si è sentito, o che è passato quasi inosservato. Partite perse, squadre sconosciute, imprese, miti. Con un’attenzione particolare per le storie di uomini, con i loro trionfi e sconfitte, fuori e dentro il campo di calcio”. Già, imprese. “Come quelle del Magdeburgo e della nazionale olimpica, che partendo da assolute outsiders, battono squadre molto più forti di loro e conquistano rispettivamente la Coppa delle Coppe e la medaglia d’oro olimpica ai Giochi del 1976”, si legge. E ancora, “le sconfitte epiche – la Dinamo Dresda contro il Bayer Uerdingen – e le partite che hanno fatto la storia, come Hertha Berlino-Wattenscheid, il primo match giocato dopo la caduta del Muro e Wismut AueKaiserslautern, un’amichevole a pochi anni dalla divisione delle Germanie”. Nel volume l’autore approfondisce poi i lati oscuri, il rapporto e le ingerenze delle autorità politiche e sportive nella vita dei calciatori e dei club, le presunte irregolarità arbitrali e i sospetti di doping.

cover

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro