Connect with us

Cerca articoli

Calcio

C’era una volta l’Est, un e-book raccoglie le storie di calcio dalla Germania Orientale

Il suo primo lettore è il papà, che nel caso specifico si è (giustamente) interrogato sulle possibilità di diffusione di un libro del genere. E già qui Roberto Brambilla, giornalista classe 1984, ti sorprende affermando che “l’incipit è stato proprio quello di uscire da qualsiasi cliché, puntando su storie poco note e dunque ancor più meritevoli di essere narrate. Raccontare, insomma, un calcio che fu senza voler giudicare il momento e il movimento. Semplicemente, presentandolo”. Che poi sarebbe (è) il lavoro del bravo cronista, e Brambilla – che scrive di sport per Avvenire e MondoFutbol – lo sa bene. Così, con il supporto di una giovane e interessante casa editrice, ha pubblicato un e-book che è una vera e propria chicca, destinato ad appassionati e curiosi: “C’era una volta l’Est, storie di calcio dalla Germania orientale” (Edizioni Incontropiede, 239 pagine, 4.99 euro).

 

ADN-ZB-Sindermann-20.2.74-la-Rostock: Fußball-Oberliga 1. FC Magdeburg - FC Hansa Rostock 2:2 - (Halbzeit 2:1 für Rostock) Joachim Streich (FC Hansa) hat sich gegen seinen Bewacher Klaus Decker (Magdeburg) durchgesetzt und schießt das 2:0 für den FC Hansa. Vor 25.000 Zuschauern konnte Rostock den 2:0 Vorsprung nicht halten. Mit starker kämpferischer Leistung erzwangen die Magdeburger das 2:2 Unentschieden.

Reinhard Lauck è il mediano della Nazionale 1974 che dopo un’onesta carriera non si adatta alla vita senza calcio (e senza Ddr). Andreas Thom è il primo giocatore che lascia la Repubblica democratica tedesca senza dover fuggire. Rudi Glöcker è l’unico arbitro tedesco a dirigere una finale mondiale”. È l’incipit della sinossi di “C’era una volta l’Est” – prefazioni di Pietro Nicolodi e Carlo Pizzigoni – un racconto affascinante scritto da chi non solo padroneggia la lingua (Brambilla parla anche tedesco), ma sa bene di che cosa sta parlando (e non è banale). Guidando così il lettore alla scoperta di “un calcio diverso, ma non troppo. Fatto di partite, giocatori, splendori e miserie. Il pallone della Ddr è stato per 46 anni tutto ciò”. Riprende l’autore, che è al suo esordio letterario: “L’idea di questo libro è nata dalla voglia di togliere la polvere a un movimento calcistico la cui storia nella mente di tutti, o quasi, è legata esclusivamente al 22 giugno 1974, quando la Nazionale della Germania Est superò 1-0 la più blasonata squadra dell’Ovest. Una partita trasformata in mito che ha cancellato o comunque messo in ombra tanto altro”.

ADN-ZB/Mittelstädt/22/6/74/BRD/Hamburg: X. Fußball-Weltmeisterschaft/1. Finalrunde, Gruppe 1: DDR - BRD 1:0/DDR-Stürmer Martin Hoffmann (rechts) und Verteidiger Berti Vogts (Mitte) stürmen dem Ball nach. Links Franz Beckenbauer (beide BRD).

Un lavoro, quello portato avanti da Brambilla (“ho iniziato a scrivere il primo capitolo ad aprile 2015 e ho inviato il manoscritto nel gennaio 2016”), con l’intento di raccontare “ciò che in Italia non si è sentito, o che è passato quasi inosservato. Partite perse, squadre sconosciute, imprese, miti. Con un’attenzione particolare per le storie di uomini, con i loro trionfi e sconfitte, fuori e dentro il campo di calcio”. Già, imprese. “Come quelle del Magdeburgo e della nazionale olimpica, che partendo da assolute outsiders, battono squadre molto più forti di loro e conquistano rispettivamente la Coppa delle Coppe e la medaglia d’oro olimpica ai Giochi del 1976”, si legge. E ancora, “le sconfitte epiche – la Dinamo Dresda contro il Bayer Uerdingen – e le partite che hanno fatto la storia, come Hertha Berlino-Wattenscheid, il primo match giocato dopo la caduta del Muro e Wismut AueKaiserslautern, un’amichevole a pochi anni dalla divisione delle Germanie”. Nel volume l’autore approfondisce poi i lati oscuri, il rapporto e le ingerenze delle autorità politiche e sportive nella vita dei calciatori e dei club, le presunte irregolarità arbitrali e i sospetti di doping.

cover

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Calcio e Guerra Fredda: i Mondiali ’74, Sparwasser e la vittoria della Germania dell’Est Il 7 Ottobre 1949 nasceva la DDR, la parte sovietica...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Calcio

Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Ieri in Germania si è festeggiata la Giornata della Riunificazione...

Calcio

La “Resistenza del Pallone” del Mahatma Gandhi Il 2 ottobre si celebra nel mondo la Giornata Mondiale della Non-violenza nel giorno della nascita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro