Connect with us

Cerca articoli

Calcio

C’era una volta la ‘Brujita’..e c’è di nuovo

“Non è una giornata triste, al contrario. Sono felice di ritirarmi indossando la maglia della squadra che ho sempre amato e con cui ho vinto tanto. La vita, così come il calcio, è fatta di cicli, e il mio si è concluso nel migliore dei modi”. Siamo a giugno del 2012 e Juan Sebastian Veron decide di annunciare al mondo il proprio addio al calcio dopo 18 anni di onorata carriera.

Se ne era parlato già un anno prima, ma poi la ‘Brujita’ (la streghetta, il suo soprannome) ci aveva ripensato, decidendo infine di proseguire ancora per un anno una carriera con le scarpette ai piedi già colma di soddisfazioni.

Nell’ultima giornata del torneo Clausura 2012 (uno scialbo 2-2 del suo Estudiantes sul campo dell’Union di Santa Fe), dunque, sembra calare per sempre il sipario sulla carriera di uno dei calciatori più talentuosi della propria generazione, e tutto lo stadio di casa, commosso, regala una standing ovation a JSV.

La palla rotonda, tuttavia, per Veron è un richiamo troppo forte: già pochi mesi dopo l’occasione appena citata, il fantasista torna in campo e lo fa nelle serie minori argentine con la maglia del Coronel. 9 partite, un gol ed un pensiero fisso: ‘ e se fossi ancora pronto per giocare ad alti livelli?’. Detto, fatto.

Il 19 luglio del 2013 lascia l’incarico di direttore sportivo dell’Estudiantes per tornare in campo con la squadra che lo ha lanciato e che è indiscutibilmente il club del cuore di JSV. Un anno con 22 presenze all’attivo prima di un nuovo addio. Stavolta appare veramente improbabile che l’ex (tra le tante) Lazio ed Inter possa tornare sui propri passi, anche perché le primavere sulle spalle iniziano ad essere 38.

Passano pochi mesi, infatti, e Veron viene eletto nuovo presidente dell’Estudiantes. L’argentino accetta l’incarico con orgoglio e si getta a capofitto nella nuova avventura; da numero uno in campo a numero uno dietro alla scrivania il passo è breve.

Tutto molto bello, però..già, c’è un però.

La passione per il calcio giocato è troppo forte per resistere alla tentazione e giacché, come dice Rocky in uno dei suoi film di successo, ‘è finita si dice alla fine’, JSV torna nuovamente sui suoi passi. La ‘Brujita’ sembra proprio non voler scrivere la parola ‘fine’ sull’ultima pagina del libro di una carriera straordinaria e annuncia l’ennesimo ritorno in campo.

A tutti i tifosi dell’Estudiantes comunico che torno a vestire i colori che tanto amiamo. Torno, ma non è un capriccio. Mi sento in grado di poter dare ancora qualcosa alla nostra squadra in campo”.

La data del ‘debutto’ è già fissata: 8 gennaio 2017. L’occasione sarà la Florida Cup, torneo amichevole da disputare negli Stati Uniti, che verrà aperta propria dalla squadra di Veron contro il Bayer Leverkusen. Le altre partecipanti? Wolfsburg, Atletico Mineiro, Tampa Bay Rowdies, Corinthians.

Siamo certi, però, che gli occhi saranno puntati tutti su di lui: Juan Sebastian Veron, un ragazzino di 41 anni che senza pallone proprio non riesce a stare.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

La storia di Oscar “Ringo” Bonavena Fisico massiccio, sguardo accattivante e folta chioma nera come la pece era questo Oscar Bonavena, argentino di Buenos Aires...

Pugilato

Cleveland Williams, la strada spezzata di “Big Cat” Il 3 settembre 1999 moriva Cleveland Williams, considerato uno dei più grandi pugili della storia a...

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza Il 7 agosto 1942 nasceva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Basket

Compie oggi 34 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente, la cui ascesa è stata fermata solo da una serie...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 70 nni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Snooker

Nestor “Nenè” Gomez: il Professore, eternamente Ragazzo, della stecca (parte tredici): I due Nenè Nella seconda metà degli anni ’50 il nostro Nenè, ancora...

Calcio

Fu una delle finali più discusse della storia, decisa da un rigore segnato da Brehme che gli argentini hanno contestato duramente. Diego Armando Maradona...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Avrebbe compiuto oggi  73 anni Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Il 23 aprile 1985 a Buenos Aires si apriva il processo...

Calcio

A modo suo: “El Trinche” Carlovich Compie oggi 74 anni Tomas “El Trinche” Carlovich, iconico giocatore argentino che ha sempre preso il calcio, e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro