Connect with us

Cerca articoli

Calcio

C’era una squadra trentadue anni fa

C’era una squadra trentadue anni fa

Trentadue anni fa, ci fu una squadra che pur essendo in serie B, arrivò in semifinale di una prestigiosa coppa internazionale. Era l’Atalanta, che siccome era andata in finale di coppa Italia col Napoli destinato alla Coppa dei Campioni, pur perdendo aveva preso il posto in quella che si chiamava Coppa delle Coppe. Era l’Atalanta di Mondonico, detto il Mondo. Un uomo di calcio bravo, competente e buono. Un cuore come pochi nella vita col pallone tra i piedi. I due attaccanti erano due onesti pedatori, Cantarutti e Garlini, ma si ritagliarono un sogno. Eliminarono lo Sporting Lisbona che non era proprio Il Carrapipi a quei tempi e uscirono solo perché sconfitti in semifinale dai futuri vincitori.

Ti rendi conto del tempo che passa, quando ai ricordi di un’Atalanta in Coppa delle Coppe, sovrapponi le emozioni di una squadra che in Champions League asfalta il Valencia. E oggi come allora, la squadra non è un miracolo, ma il frutto della sapienza di ricostruire una squadra da giocatori su cui non scommetteva nessuno. Zapata vagava nelle praterie dell’eterno incompiuto, Ilicic era a corrente alternata. Giocava a volte da genio a volte in maniera irritante. Nel suo destino c’era la Sampdoria, stava andando a firmare, Gasperini lo chiamò a Bergamo e lui disse “mister, se c’è lei io vengo”. Si erano conosciuti a Palermo, nell’anno peggiore come allenatore proprio di Gasperini. Ilicic che odia il fantacalcio e il riscaldamento prima della partita. Gasperini stesso era a un passo dalla Roma, temendo che il suo periodo a Bergamo fosse finito. Ma che.

 

E che dire degli altri? Gollini, il portiere, che faceva la riserva, una volta entrato non ha più mollato i pali. Toloi, che era stato scartato dalla Roma, a Bergamo comanda la difesa. Pasalic che doveva andare al Catania, poi non rimase al Milan e ora è devastante. E a proposito di Catania, che dire del Papu Gomez, partito da lì, carriera tranquilla e lineare, fino all’arrivo a Bergamo dove è diventato un leader che spacca le partite. Hateboer, che quando gli dissero che lo cercava l’Inter pensò a uno scherzo e rise in faccia a suo padre. De Roon, Castagne, Freuler, Gosens. Quando furono presi da squadre non proprio di primo piano, al direttore sportivo fu chiesto da più parti: “ma chi hai preso? Chi sono?”. Per la cronaca: ora Gosens è uno dei difensori che ha segnato di più nei maggiori campionati e Hateboer a San Siro ha fatto una doppietta in nerazzurro. Ma non con l’Inter. Con l’Atalanta.

C’era una squadra trentadue anni fa che fece sfracelli in Europa, me la ricordo. Oh. Ma guarda che coincidenza, c’è ancora.

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

11 Settembre 2001: il calcio nel giorno in cui il Mondo cambiò per sempre Alle 14,46 (ora italiana) di diciannove anni fa, un aereo...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Ultime Notizie Calcio

Agosto davvero infuocato per gli appassionati di calcio e non solo per le alte temperature climatiche. Siamo infatti arrivati alla vigilia della Final Eight...

Ultime Notizie Calcio

Tutto il programma e il calendario delle Final Eight di Champions League Pochi giorni alla fine dei campionati nazionali, con la Champions League che...

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Partiamo dall’assunto, calcisticamente filosofico, che Beckenbauer non ha mai regalato nulla a nessuno: né in campo,...

Calcio

Di mutande, di urla notturne e di Julian Nagelsmann Il nostro tributo a un allenatore davvero speciale, nel giorno in cui compie solo 33...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Calcio

Shaun Barker e l’importanza di lasciare un buon odore Ricordati di lasciare sempre buon odore. Mio padre me lo diceva spesso. Mi esortava ad...

Altri Sport

Michael Phelps: lo Squalo che doveva solo essere capito Compie oggi 35 anni Michael Phelps, da molti considerato il più grande nuotatore di sempre....

Ultime Notizie Calcio

La favola Atalanta: da sorpresa a splendida realtà Dopo che l’emergenza sanitaria ha costretto anche il calcio a chiudere i battenti, la Serie A...

Calcio

La partita che poteva cambiare tutto In diretta dalla redazione di Gioco Pulito con Ettore Zanca e il direttore Antonio Padellaro per presentare il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro