Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Cengiz “Under” osservazione. Quando Guardiola ed il City si innamorarono di lui

E’ nata una stella, quella di Gengiz Under. Il talento turco classe 97 da solo si è caricato la Roma sulle spalle con quattro reti in tre partite, un assist e un rigore procurato. La sua botta da fuori contro l’Udinese che ha tolto l’empasse a reti bianche ha fatto il giro del mondo, ma le sue prodezze precedenti, ancora con la maglia del Başakşehir, quel giro lo avevano già fatto ed il suo nome era finito sulla lista dei desideri di uno dei tecnici più vincenti e rivoluzionari del calcio: Pep Guardiola. Uno che quando scrive un nome su quella lista di solito entro sei mesi se lo ritrova al campo di allenamento. Non stavolta. Almeno non per ora.



Grinta, tenacia, baricentro basso, tecnica, potenza, e soprattutto la capacità di giocare sia col sinistro che con il destro. Ancora acerbo, ancora inesperto, ma sicuramente un blocco di marmo della qualità più elevata che deve solo trovare il bravo artista per renderlo una magnifica statua. Per caratteristiche il prototipo di giocatore che piace all’inventore del Tiki Taka moderno, quello vincente, quello che troveremo tra qualche anno sui libri di storia del calcio.

Monchi, come raccontano i dirigenti della sua ex squadra, è stato il più lesto di tutti a prenderlo e soprattutto ha potuto offrire al ragazzo, rispetto al Manchester City ed un’altra big della Premier,  la possibilità di mettersi in mostra sin da subito, nonostante un inizio difficile in una cultura diversa e con una lingua così complicata e difficile da imparare e soprattutto comprendere. Un limite invalicabile per il tatticissimo calcio italiano. Parafrasando: “Se in campo non capisci dove andare e cosa fare, in campo non puoi entrare”.

Ma Under ha lavorato, si è messo sotto e si sta conquistando ogni singolo minuto sul campo grazie al sacrificio, ben conscio che i primi frutti che sta raccogliendo sono solo l’inizio di un lunghissimo percorso ed un’altrettanto lunghissima carriera. E chissà che il nome, il suo nome, sulla lista di Guardiola non abbia già scalato qualche posizione verso l’alto o sia già stato evidenziato.

D’altronde, purtroppo, nel calcio business attuale alcuni club prendono i giocatori alle prime armi e li formano, altri club, molto molto più ricchi dei primi, non hanno questa necessità ed una volta che il giocatore è bello che formato ed esploso bussano alla porta del proprietario e staccano l’assegno. I tifosi giallorossi, tra ironia e non, hanno già i primi brividi di terrore.

 

 

 

 

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Ieri 28 luglio ricorreva il giorno in cui nasceva nel lontano 1925 Bruno Pesaola, argentino di nascita, napoletano d’adozione. Il...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro