Connect with us

Cerca articoli

Calcio

C’è un fan speciale da abbracciare, il bus della squadra può attendere: il gran gesto di Juan Mata

Nel mondo del calcio, ormai, si sa: Juan Mata è uno dei campioni più educati e disponibili con i propri fan. Quest’immagine è stata confermata dallo spagnolo una volta di più dopo che fuori dall’impianto Old Trafford ha deciso di fermarsi per abbracciare e scattare alcune foto con un giovane tifoso disabile del Manchester United.

In rete, è possibile trovare la clip che mostra il fantasista dei Red Devils intento a superare gli uomini della sicurezza per andare dal tifoso mancuniano, visibilmente eccitato ed emozionato dall’evento.

Nonostante Mata fosse di fretta per non perdere il bus che doveva riportare la squadra al centro d’allenamento, si è mostrato ampiamente disponibile nei confronti del giovane Alex Nield tra abbracci, sorrisi e diversi scatti per immortalare il momento.

Il bel gesto è stato anche ripreso da diverse videocamere di tifosi presenti all’esterno dello stadio dove lo United gioca le proprie partite casalinghe e in breve tempo ha fatto il giro del mondo attraverso i social. (Facebook in particolare).

Sulla vicenda, è intervenuto anche il padre di Alex, ragazzo affetto da paralisi cerebrale, che insieme al figlio sperava proprio nel buon cuore di qualche campione semplicemente per uno scatto fotografico.

Ai microfoni di BBC Radio 5 Live, il signor Joan ha spiegato che Juan Mata, non appena ha visto il figlio, si è recato subito da lui per stringerlo in un tenero abbraccio.

Riguardo alla bella sorpresa, Jon Nield ha definito il gesto di Mata “un momento di vita meraviglioso” ed ha aggiunto che Alex è assolutamente pazzo di gioia da quando ha ottenuto la foto con uno dei suoi beniamini: “Probabilmente ora pensa di essere uno dei migliori amici del calciatore spagnolo!“.

Rispetto al troppo spesso banale e formale (anche nelle dichiarazioni) resto del mondo dei calciatori, Mata non è la prima volta che si segnala per eventi fuori dagli schemi.

download

Proprio con Alex Nield, Mata posò già per una foto sul terreno di gioco del Norwich prima della sfida tra i suoi Red Devils ed i Canaries lo scorso anno. Un evento che fece il giro del mondo e fece guadagnare grossa stima nei confronti del calciatore spagnolo per la sensibilità e la disponibilità dimostrate a pochi istanti dall’inizio di una sfida importante.

Soltanto alcuni mesi fa, infatti, l’ex Chelsea dichiarò di ritenersi veramente fortunato nell’essere riuscito a diventare calciatore e che a suo modo di vedere le possibilità economiche dei calciatori, rispetto al resto dei comuni mortali, sono da considerarsi completamente ‘folli’ e ‘senza senso’.

Mai banale, in campo e fuori: semplicemente Juan Mata.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 30 anni Shane Duffy, il calciatore irlandese la...

Calcio

Stan Bowles: il più grande talento che non avete mai visto Compie oggi 73 anni Stan Bowles, un calciatore il cui nome non potrebbe...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Le radici trasversali e il cuore lavoratore di Bellingham e Solskjaer Ci sono molti modi per rimanere ancorati alle proprie origini. Alcuni vogliono che...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Paul Scholes, la testa rossa di un fiammifero Dice Noodles, Robert De Niro, in “C’era una volta in America”, che i vincenti si vedono...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Lo scorso 30 ottobre ricorreva la scomparsa, avvenuta nel 2020, di Nobby Stiles, il piccolo...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro