Connect with us

Cerca articoli

Calcio

C’è un fan speciale da abbracciare, il bus della squadra può attendere: il gran gesto di Juan Mata

Nel mondo del calcio, ormai, si sa: Juan Mata è uno dei campioni più educati e disponibili con i propri fan. Quest’immagine è stata confermata dallo spagnolo una volta di più dopo che fuori dall’impianto Old Trafford ha deciso di fermarsi per abbracciare e scattare alcune foto con un giovane tifoso disabile del Manchester United.

In rete, è possibile trovare la clip che mostra il fantasista dei Red Devils intento a superare gli uomini della sicurezza per andare dal tifoso mancuniano, visibilmente eccitato ed emozionato dall’evento.

Nonostante Mata fosse di fretta per non perdere il bus che doveva riportare la squadra al centro d’allenamento, si è mostrato ampiamente disponibile nei confronti del giovane Alex Nield tra abbracci, sorrisi e diversi scatti per immortalare il momento.

Il bel gesto è stato anche ripreso da diverse videocamere di tifosi presenti all’esterno dello stadio dove lo United gioca le proprie partite casalinghe e in breve tempo ha fatto il giro del mondo attraverso i social. (Facebook in particolare).

Sulla vicenda, è intervenuto anche il padre di Alex, ragazzo affetto da paralisi cerebrale, che insieme al figlio sperava proprio nel buon cuore di qualche campione semplicemente per uno scatto fotografico.

Ai microfoni di BBC Radio 5 Live, il signor Joan ha spiegato che Juan Mata, non appena ha visto il figlio, si è recato subito da lui per stringerlo in un tenero abbraccio.

Riguardo alla bella sorpresa, Jon Nield ha definito il gesto di Mata “un momento di vita meraviglioso” ed ha aggiunto che Alex è assolutamente pazzo di gioia da quando ha ottenuto la foto con uno dei suoi beniamini: “Probabilmente ora pensa di essere uno dei migliori amici del calciatore spagnolo!“.

Rispetto al troppo spesso banale e formale (anche nelle dichiarazioni) resto del mondo dei calciatori, Mata non è la prima volta che si segnala per eventi fuori dagli schemi.

download

Proprio con Alex Nield, Mata posò già per una foto sul terreno di gioco del Norwich prima della sfida tra i suoi Red Devils ed i Canaries lo scorso anno. Un evento che fece il giro del mondo e fece guadagnare grossa stima nei confronti del calciatore spagnolo per la sensibilità e la disponibilità dimostrate a pochi istanti dall’inizio di una sfida importante.

Soltanto alcuni mesi fa, infatti, l’ex Chelsea dichiarò di ritenersi veramente fortunato nell’essere riuscito a diventare calciatore e che a suo modo di vedere le possibilità economiche dei calciatori, rispetto al resto dei comuni mortali, sono da considerarsi completamente ‘folli’ e ‘senza senso’.

Mai banale, in campo e fuori: semplicemente Juan Mata.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo C’è un tram, della Midlands Metro Service, che ha il nome di un calciatore....

Calcio

Quando Nemanja Matic salvò un Paese in Serbia Spesso i giocatori vengono considerati milionari interessati solo al portafoglio. In alcuni casi, dei piccoli gesti...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Calcio

Mongolia: come si gioca a calcio nella Città senza sole Mongolia (Монгол улс), Asia orientale. Cuore di quell’immenso territorio che fu l’Impero mongolo forgiato...

Calcio

Shaun Barker e l’importanza di lasciare un buon odore Ricordati di lasciare sempre buon odore. Mio padre me lo diceva spesso. Mi esortava ad...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 28 giugno di ogni anno si celebra il Gay Pride, la giornata...

Calcio

Il Liverpool è campione d’Inghilterra, il digiuno lungo trenta, lunghissimi anni, è finalmente finito. L’ultimo titolo dei Reds risaliva al 1990, quando il campionato...

Calcio

Il cuore grande di Marcus Rashford Quante volte ci siamo sentiti dire che calcio e politica erano ben “distinti tra loro”? Anche in occasioni...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro