Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Caso Schwazer: la sentenza slitta ancora e adesso Rio è più lontano

Sembra non finire mai la storia di Alex Schwazer in queste Olimpiadi di Rio 2016. L’atleta altoatesino, già in Brasile, ha visto oggi slittare la sentenza del TAS in merito alla squalifica per doping imposta dalla Iaaf per la famosa provetta del 1 gennaio.

Nella giornata di oggi il Tribunale Sportivo ha ascoltato tutti gli avvocati e deciso di prendersi ancora del tempo per il verdetto definitivo che potrebbe portare alla squalifica e addirittura alla radiazione del marciatore azzurro. Un processo interminabile, che ha visto il culmine oggi, dove il palazzo storico di Rio de Janeiro, sede del processo, è stato assediato da giornalisti e telecamere. In questo clima surreale e teso, i tre arbitri hanno dichiarato che la decisione verrà comunicata attraverso mail il 12 agosto, data in cui si svolgerà la 20 chilometri di marcia al quale Schwazer, per forza di cose, non potrà partecipare. L’ennesimo gesto che non fa altro che avvalorare un voglia di non far correre Alex. Resta salva la possibilità di gareggiare nella 50 km.
Nel frattempo, Schwazer continua ad allenarsi cercando di mantenere la concentrazione in una situazione che, anche in caso di verdetto positivo, non può che aver inficiato la preparazione dell’atleta.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Steven Bradbury: quando l’idolo della Gialappa’s rischiò di morire Compie oggi 48 anni Steven Bradbury, l’idolo della Gialappa’s che vinse per caso la medaglia...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Altri Sport

Edwin Moses, i passi di un dio Il nostro tributo al leggendario Edwin Moses nel giorno in cui compie 66 anni. Scrivere di sport...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 Agosto 1995 ai Mondiali di Goteborg, il britannico Jonathan Edwards nella gara di...

Altri Sport

Dorando Pietri, storia dell’atleta che perse (vincendo) le Olimpiadi Il 24 luglio 1908 durante la maratona delle Olimpiadi di Londra l’atleta italiano Dorando Pietri...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Interviste

Gli Dei di Olimpia: intervista a Valerio Iafrate – Io ha sempre utilizzato Olimpiadi e Mondiali di calcio (ma pure Europei di calcio e Mondiali...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro