Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Casale, Napoli e Roma: le storie scomode dei padri fondatori a 80 anni dalle leggi della vergogna

In merito alla presentazione di una nuova realtà nel calcio colombiano, tempo fa scrivemmo che per la scuola pitagorica il numero tre è sempre stato considerato perfetto. Probabilmente sarà così anche per Adam Smulevich, giornalista professionista che ha presentato al pubblico in tempi non sospetti un libro-ricostruzione delle “Storie scomode dei fondatori” di tre squadre, punti cardinali nella storia del calcio italiano.

Tre personalità contrapposte, unite da un legame indissolubile: il pallone e tutto il panorama che vi ruota intorno. Chiamatelo pure Foot Ball, come accadde per il primo Casale, tanto la sostanza non cambia. Nel frastuono dei quartieri spagnoli, fra il traffico della capitale e sui ponti che sovrastano il Po si ergono (e in questo caso, si leggono anche) le vite dei padri fondatori Raffaele Jaffe (Foot Ball Club Casale), Giorgio Ascarelli (Associazione Calcio Napoli) e Renato Sacerdoti (A.S. Roma), pedine fondamentali per l’affermarsi del calcio in Italia. E poco male se una di queste – il Casale – milita oggi in Serie D, poco importa perché forse per la prima volta grazie a quest’ultima è stata sancita la vittoria di David contro Golia anche nell’universo del pallone: il nero dei nuovi arrivati contro il bianco della Pro Vercelli, acerrimi rivali e avversari designati per gli anni a venire.

All’interno di un libro che vorrebbe essere “una ricostruzione che non si accontenta”, troviamo descritta vita, morte (per mano del fascismo o in fuga dal regime) e miracoli sportivi di un “estroso insegnante”, di un “lungimirante imprenditore” e di un “facoltoso banchiere”. Il lungimirante imprenditore Ascarelli volle che il colore del Napoli fosse azzurro come in un cielo senza nubi o nel mare privo di onde, non fu “il dirigente che si commemora con la solita parola buona” ma “molte sue opere buone e belle – come scrisse di lui la Gazzettaresteranno soltanto vive e scolpite nella memoria”. La Germania nazista giocò persino una partita contro l’Austria, decisiva per il terzo posto nei Mondiali italiani, nello stadio intitolato ancora per qualche anno proprio ad Ascarelli, ebreo napoletano. Destino volle che nessuno si accorse del nome, forse troppo preso dall’importanza della partita. O forse perché di fronte ad un pallone torniamo ad essere tutti uguali?

Senza voler banalizzare, dall’azzurro di Napoli si passa al giallorosso della Roma e di Renato Sacerdoti, entrato nel rigoroso sistema mussoliniano (prima come “marciatore” su Roma, poi da aiutante per una spedizione in Grecia) e uscito dalla porta di servizio, travestendosi da parroco e fuggendo in un convento. Alla fine della guerra il grande ritorno, un bicchiere di vino rosso per brindare a chi lo definì “ebreo contrabbandiere di milioni”. 

Sarà anche il bianco degli anni 1913 e 1914, quando proprio il Casale superò la Pro Vercelli in classifica con una “marcia trionfale”, a contrapporsi al buio delle leggi della vergogna. “Uomini comuni”  o “Volenterosi Carnefici”? Semplicemente Presidenti. A 80 anni dall’annuncio in piazza dell’Unità a Trieste, ricordare le vite di chi ha dovuto subire sulla pelle proprio quell’onta potrebbe valere doppio. Anzi, moltiplicatelo per tre.

 

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 27 ottobre 1954 le cronache del tempo raccontano che, durante una...

Calcio

Vasilis Chadzipanagis: il Maradona Greco che ha dovuto combattere con il destino Compie oggi 67 anni Vasilis Chadzipanagis è un nome che potrebbe non...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

Persepolis – Esteghlal: il derby dei Rossi contro Blu che infuoca l’Iran La parola “derby” ha un valore molto simile, almeno dal punto di...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

“Tifosi laziali per sempre”: il nuovo libro di Alberto Ciapparoni Chi conosce Alberto Ciapparoni sa della sua rigorosa professionalità nel porre attenzione alle vicende...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro