Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Caro Diego, se è Icardi il problema…

“¡Buenisimo! Me gusta Benedetto. También me gusta Alario, para los de River. Alario y Benedetto son cinco Icardis” parola di Diego Armando Maradona. Per chi non fosse cosi pratico con lo spagnolo, el Diez durante l’inaugurazione del suo profilo Instagram,  ha sentenziato: “Benedetto e Alario mi piacciono e valgono cinque Icardi”. Una bordata, possiamo dirlo gratuita, del più grande giocatore della storia del calcio verso Icardi, in un momento storico in cui, tra l’altro, l’Argentina fa fatica anche a battere il Venezuela in casa  e rischia di non qualificarsi per i prossimi Mondiali in Russia, anche se nell’eventuale spareggio dovrà vedersela con l’abbordabilissima Nuova Zelanda. Non è la prima volta che Maradona si scaglia contro Icardi in maniera così diretta.

L’ex dieci del Napoli, parlando per la prima volta dell’attaccante dell’Inter, gli diede del traditore a causa della storia con Maxi Lopez e Wanda Nara: “Quello che ha fatto a Maxi Lopez è una cosa che non si può perdonare e questo nel calcio e nella vita prima o poi lo pagherai. Lui come Batistuta? Per favore, non scherziamo: Batistuta vale dieci Icardi”. Poi pochi giorni fa la sparata, forse quella più grave, relativa a  come l’attaccante dell’Inter sia riuscito ad essere convocato nella Selección : “E’ una mancanza di rispetto convocarlo in Nazionale ed escludere giocatori come Gonzalo Higuain conosciuti in tutto il mondo.  La Selección è una squadra che potrebbe essere migliorata con giocatori migliori da quelli scelti da Sampaoli. Icardi è in Nazionale perché Javier Zanetti gli fa da rappresentante“. Attacchi diretti quindi, senza nessuna possibilità di interpretazione. Resta però da capire il motivo. Possibile che il giocatore più rappresentativo del movimento argentino, quello che per il popolo albiceleste è a tutti gli effetti la guida spirituale, possa lasciarsi andare ad attacchi così diretti verso un giovane calciatore che potrebbe rappresentare tranquillamente il futuro della nazionale argentina?

Avremmo capito di un litigio con qualche giocatore brasiliano ad esempio, come capitato in passato con Pelè o più recentemente Dani Alves che El Pibe de Oro ha definito un idiota, ma questa crociata con Icardi proprio non la capiamo. Maradona si è lanciato anche contro Sampaoli, attuale Ct dell’Argentina, reo di aver convocato il nove dell’Inter e di essere, letteralmente, un incompetente. Va bene l’antipatia personale per tutta la questione relativa a Maxi Lopez che forse non rende sereno Maradona nei confronti di Icardi, ma giudicarlo addirittura inferiore a due calciatori buoni ma non eccezionali (Benedetto tra l’altro nella gara contro il Venezuela ha sostituito proprio Icardi con scarsissimi risultati) sembra quasi provocatorio. Sarebbe stato più appropriato e avrebbe senz’altro avvalorato la sua disamina tecnica, se Maradona, che di calcio ne sa e come, avesse scisso il discorso tra l’uomo Icardi, di cui può assolutamente e legittimamente disistima, ed il giocatore del quale non si possono però disconoscere le doti calcistiche. Certo non sarà mai Batistuta (ma chi ora può solo pensare di diventare mai come Batigol?) ma di certo resta uno dei migliori attaccanti in circolazione nel panorama internazionale. Forse un giorno Maradona spiegherà davvero perché ce l’ha con Maurito o forse, con uno dei tanti colpi di scena a cui ci ha abituato, farà una clamorosa retromarcia e riabiliterà definitivamente anche la figura di Icardi.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Il calcio ai tempi di Francisco Franco Il 30 settembre 1936 la Spagna si svegliava sotto la dittatura di Francisco Franco nominato il giorno...

Pugilato

La storia di Oscar “Ringo” Bonavena Fisico massiccio, sguardo accattivante e folta chioma nera come la pece era questo Oscar Bonavena, argentino di Buenos Aires...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più Tutto ha inizio a Turi, 30 Km da Bari, Oronzo nasce...

Calcio

Il viaggio di Javi Poves: la storia di un calciatore anti-sistema Ultimamente dal mondo del calcio potremmo aspettarci qualsiasi cosa: molti altri giocatori universalmente...

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza Il 7 agosto 1942 nasceva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro