Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Caro Calcio, l’Inverno sta arrivando

“Quel che accade ai giocatori come Spinazzola rispecchia quello che fanno i grandi, non stupiamoci se poi anche gli altri fanno così. Questa è la realtà, e noi tappiamo il naso un po’ tutti”Gian Piero Gasperini

Ousmane Dembelé, Diego Costa, Sigurdsson, Coutinho, Bernardeschi, Keita Baldé e Naby Keità sono solamente una manciata di nomi, calciatori pronti a tutto pur di abbandonare anzitempo la propria squadra, cedendo alle lusinghe dei grandi club o accontentando le volontà di chi ne cura gli interessi. Dal caso Kondogbia fino alla telenovela legata a Kalinic, congedatosi dal ritiro della Fiorentina per presunta “inquietudine”, il calcio sta cambiando pelle molto rapidamente. Se a dare il buon esempio non sono i primi della classe, non c’è da stupirsi se anche il resto della truppa faccia allo stesso modo, concetto ripreso anche da un osso duro come Gasperini di fronte alle televisioni nazionali.

Al banale e navigato “mal di pancia” oggi sono subentrate nuove tecniche di sfinimento ed espressioni di malcontento: ne sono una prova i certificati medici di gastroenterite presentati da Federico Bernardeschi – lo stesso che poche ore dopo svolgeva sorridente le visite mediche con la Juventus – così come le telefonate del Borussia Dortmund senza ricevere risposta da Dembele, che resta in Francia nella speranza di ricevere un nulla osta verso la cessione al Barcellona. Più moderata la scelta di Coutinho, che almeno inizialmente ha optato per un comunicato nel quale metteva in chiaro la propria volontà, poi disattesa dal Liverpool e dallo stesso Klopp: “resta con noi”  è diventata la frase tormentone dell’estate, pronunciata anche da Piqué mentre il suo amico Neymar Jr firmava in gran segreto con il Paris Saint-Germain. Esiste poi un classico, la telenovela Diego Costa, che vede solamente l’Atletico Madrid nel suo futuro lontano da Londra. Niente Chinese Super League, perché “non è una questione di soldi”, citando Neymar Jr.

Se messo a confronto con il resto della truppa, Leonardo Bonucci si è comportato in maniera più cavalleresca – sicuramente meno vistosa a livello mediatico – non nascondendo la voglia di cambiare aria pur senza smettere di giocare con la maglia che proprio lui aveva scelto di vestire qualche anno prima, senza obblighi né restrizioni. Questo almeno all’apparenza, che in uno sport fatto di diritti d’immagine e televisioni è un fattore piuttosto importante.

Da qualsiasi lato si voglia osservare la situazione, oggi il calciatore è destinato a costruirsi un’immagine da conservare anche a costo di perdere la faccia, vivendo più di foto ricordo e cartoline che di viaggi vissuti per davvero. La voglia di fare un salto di qualità e finire sulle prime pagine vince su tutto il resto, noi liberissimi di credere o non credere alla nuova realtà. E se il mondo del calcio cambia per il tifoso, figuriamoci nel mestiere del giornalista sportivo, ancora vivo in un mondo che si sta lentamente congelando nonostante l’afa di Dubai e della Cina.

L’inverno sta arrivando, e non c’è nulla che si possa fare per fermarlo. Provare a viverlo dal vivo e da vicino, nella speranza che si possa trovare qualcosa di nuovo e di positivo anche in questo nuovo modo di vivere il calcio, è l’unica e l’ultima speranza rimasta per non restare fermi davanti ad un PC e fredde statistiche. Ed al massimo, se davvero a trionfare saranno lo show e le televisioni a pagamento, chi rimpiangerà l’estate del pallone potrà sempre cambiare canale.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 4 Agosto 1936 l’afroamericano Jesse Owens si porta a casa l’oro nel salto in lungo davanti...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non...

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Calcio

Josef Masopust, il ragazzo d’oro di Must Il 29 giugno 2015 moriva all’età di 84 anni Josef Masopust, leggendario calciatore cecoslovacco, pallone d’oro 1962....

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 34 anni Leo Messi, il fenomeno argentino che in ogni sessione di mercato entra nei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro