Connect with us

Cerca articoli

Varie

Carenza di vitamine, i 7 sintomi più comuni

Carenza di vitamine, i 7 segni più comuni

Una dieta equilibrata e nutriente ha molti vantaggi. D’altra parte, una dieta priva di sostanze nutritive può causare una varietà di sintomi spiacevoli. Questi sintomi sono il modo in cui il tuo corpo comunica potenziali carenze di vitamine e minerali. Riconoscerli può aiutarti ad adattare la tua dieta di conseguenza. Ecco gli 8 segni più comuni di carenza di vitamine e minerali e come affrontarli.

Capelli e unghie fragili

Una varietà di fattori può causare unghie e capelli fragili. Uno di questi è la mancanza di biotina. La biotina, nota anche come vitamina B7, aiuta il corpo a convertire il cibo in energia. Una carenza di biotina è molto rara, ma quando si verifica, capelli e unghie fragili, diradati o spaccati sono alcuni dei sintomi più evidenti. Altri sintomi di carenza di biotina includono stanchezza cronica, dolori muscolari, crampi e formicolio alle mani e ai piedi. Le donne incinte, i forti fumatori o bevitori e le persone con disturbi digestivi come il morbo di Crohn sono a maggior rischio di sviluppare una carenza di biotina. Inoltre, l’uso prolungato di antibiotici e alcuni farmaci antiepilettici è un fattore di rischio.

Anche il consumo di albumi crudi può causare carenza di biotina. Questo perché gli albumi d’uovo crudo contengono avidina, una proteina che si lega alla biotina e può ridurne l’assorbimento. Gli alimenti ricchi di biotina includono tuorli d’uovo, carni di organi, pesce, carne, latticini, noci, semi, spinaci, broccoli, cavolfiori, patate dolci, lievito, cereali integrali e banane. Gli adulti con capelli o unghie fragili potrebbero prendere in considerazione l’idea di provare un integratore che fornisce circa 30 microgrammi di biotina al giorno. Tuttavia, solo pochi piccoli studi e case report hanno osservato i benefici dell’integrazione con biotina, quindi una dieta ricca di biotina può essere la scelta migliore

Ulcere alla bocca o crepe agli angoli della bocca

Le lesioni all’interno e intorno alla bocca possono essere in parte collegate a un apporto insufficiente di alcune vitamine o minerali. Ad esempio, le ulcere della bocca, anche comunemente chiamate afte, sono spesso il risultato di carenze di ferro o vitamine del gruppo B. Un piccolo studio rileva che i pazienti con ulcere alla bocca sembrano avere il doppio delle probabilità di avere bassi livelli di ferro. In un altro piccolo studio, circa il 28% dei pazienti con ulcere alla bocca presentava carenze di tiamina (vitamina B1), riboflavina (vitamina B2) e piridossina (vitamina B6).

La cheilite angolare, una condizione che causa la rottura, la spaccatura o il sanguinamento degli angoli della bocca, può essere causata da un’eccessiva salivazione o disidratazione. Tuttavia, può anche essere causato da un’assunzione insufficiente di ferro e vitamine del gruppo B, in particolare riboflavina.

Gli alimenti ricchi di ferro includono pollame, carne, pesce, legumi, verdure a foglia verde scuro, noci, semi e cereali integrali. Buone fonti di tiamina, riboflavina e piridossina includono cereali integrali, pollame, carne, pesce, uova, latticini, carni di organi, legumi, verdure verdi, verdure amidacee, noci e semi. Se riscontri questi sintomi, prova ad aggiungere gli alimenti di cui sopra alla tua dieta per vedere se i sintomi migliorano.

Gengive sanguinanti

A volte una tecnica ruvida di spazzolamento dei denti è alla radice del sanguinamento delle gengive, ma anche una dieta priva di vitamina C può essere la colpa. La vitamina C svolge un ruolo importante nella guarigione delle ferite e nell’immunità e agisce anche come antiossidante, aiutando a prevenire il danno cellulare. Il tuo corpo non produce vitamina C da solo, quindi l’unico modo per mantenerne livelli adeguati è attraverso la dieta.

Le carenze di vitamina C sono rare nelle persone che consumano abbastanza frutta e verdura fresca. Molte persone non riescono a mangiare abbastanza frutta e verdura ogni giorno. Ciò potrebbe spiegare perché gli studi che eseguono screening di routine su popolazioni sane stimano bassi livelli di vitamina C nel 13-30% della popolazione, con il 5-17% delle persone carenti. Consumare pochissima vitamina C attraverso la dieta per lunghi periodi può portare a sintomi di carenza, tra cui gengive sanguinanti e persino perdita dei denti.

Un’altra grave conseguenza della grave carenza di vitamina C è lo scorbuto, che deprime il sistema immunitario, indebolisce i muscoli e le ossa e fa sentire le persone affaticate e letargiche. Altri segni comuni di carenza di vitamina C includono lividi facili, guarigione lenta delle ferite, pelle secca e squamosa e frequenti epistassi. Assicurati di consumare una quantità sufficiente di vitamina C mangiando almeno 2 pezzi di frutta e 3-4 porzioni di verdura ogni giorno

Scarsa vista notturna e escrescenze bianche sugli occhi

Una dieta povera di nutrienti a volte può causare problemi alla vista. Ad esempio, un basso apporto di vitamina A è spesso collegato a una condizione nota come cecità notturna, che riduce la capacità delle persone di vedere in condizioni di scarsa illuminazione o oscurità. Questo perché la vitamina A è necessaria per produrre rodopsina, un pigmento presente nelle retine degli occhi che ti aiuta a vedere di notte. Se non trattata, la cecità notturna può progredire fino alla xeroftalmia, una condizione che può danneggiare la cornea e alla fine portare alla cecità.

Un altro sintomo precoce della xeroftalmia sono le macchie di Bitot, che sono escrescenze leggermente elevate, schiumose e bianche che si verificano sulla congiuntiva o sulla parte bianca degli occhi. Le escrescenze possono essere rimosse in una certa misura ma scompaiono completamente solo una volta trattata la carenza di vitamina A. Fortunatamente, la carenza di vitamina A è rara nei paesi sviluppati. Coloro che sospettano che il loro apporto di vitamina A sia insufficiente possono provare a mangiare più cibi ricchi di vitamina A, come carni di organi, latticini, uova, pesce, verdure a foglia verde scure e verdure di colore giallo-arancio.

A meno che non venga diagnosticata una carenza, la maggior parte delle persone dovrebbe evitare di assumere integratori di vitamina A. Questo perché la vitamina A è una vitamina liposolubile che, se consumata in eccesso, può accumularsi nelle riserve di grasso del corpo e diventare tossica. I sintomi della tossicità da vitamina A possono essere gravi e includere nausea, mal di testa, irritazione della pelle, dolori articolari e ossei e, nei casi più gravi, anche coma o morte.

Perdita di capelli

La caduta dei capelli è un sintomo molto comune. Fino al 50% degli adulti denuncia la caduta dei capelli quando raggiungono i 50 anni di età. Una dieta ricca dei seguenti nutrienti può aiutare a prevenire o rallentare la caduta dei capelli.

Ferro. Questo minerale è coinvolto nella sintesi del DNA, compreso quello del DNA presente nei capelli follicoli. Poco ferro immagazzinato può far sì che i capelli smettano di crescere o cadere.

Zinco. Questo minerale è essenziale per la sintesi proteica e la divisione cellulare, due processi necessari per la crescita dei capelli. In quanto tale, la carenza di zinco può causare la caduta dei capelli.

Acido linoleico (LA) e alfa-linolenico acido (ALA). Questi acidi grassi essenziali sono necessari per la crescita e il mantenimento dei capelli.

Niacina (vitamina B3). Questa vitamina è necessario per mantenere i capelli sani. Alopecia, una condizione in cui i capelli cade in piccole macchie, è un possibile sintomo di carenza di niacina.

Biotina (vitamina B7). La biotina è un’altra vitamina che, se assunta in modo carente, può essere collegata alla caduta dei capelli.

Carne, pesce, uova, legumi, verdure a foglia verde scura, noci, semi e cereali integrali sono buone fonti di ferro e zinco. Gli alimenti ricchi di niacina includono carne, pesce, latticini, cereali integrali, legumi, noci, semi e verdure a foglia verde. Questi alimenti sono anche ricchi di biotina, che si trova anche nei tuorli d’uovo e nella carne degli organi. Verdure a foglia, noci, cereali integrali e oli vegetali sono ricchi di LA, mentre noci, semi di lino, semi di chia e noci di soia sono ricchi di ALA.

Molti integratori prevengono la caduta dei capelli. Molti di essi contengono una combinazione dei nutrienti di cui sopra, oltre a molti altri. Questi integratori sembrano aumentare la crescita dei capelli e ridurre la caduta nelle persone con carenze documentate dei suddetti nutrienti. Tuttavia, c’è una ricerca molto limitata sui benefici di tale supplementi in assenza di una carenza.

Vale anche la pena notare che l’assunzione di integratori vitaminici e minerali in assenza di una carenza può peggiorare la caduta dei capelli, piuttosto che aiutarla. Ad esempio, l’eccesso di selenio e vitamina A, due nutrienti spesso aggiunti agli integratori per la crescita dei capelli, sono stati entrambi collegati alla caduta dei capelli. A meno che il tuo medico non confermi una carenza, è meglio optare per diete ricche di questi nutrienti, piuttosto che integratori.

Protuberanze rosse o bianche sulla pelle

La cheratosi pilare è una condizione che causa la comparsa di protuberanze simili a pelle d’oca su guance, braccia, cosce o glutei. Questi piccoli dossi possono anche essere accompagnati da cavatappi o peli incarniti. La condizione compare spesso durante l’infanzia e scompare naturalmente nell’età adulta. La causa di queste piccole protuberanze non è ancora completamente compresa, ma possono apparire quando viene prodotta troppa cheratina nei follicoli piliferi. Ciò produce protuberanze rosse o bianche sulla pelle.

La cheratosi pilare può avere una componente genetica, il che significa che una persona ha maggiori probabilità di averla se un membro della famiglia ce l’ha. E’ stato osservato anche in persone con diete povere di vitamine A e C. Pertanto, oltre ai trattamenti tradizionali con creme medicate, le persone che presentano questa condizione possono prendere in considerazione l’aggiunta di alimenti ricchi di vitamine A e C alla loro dieta. Questi includono carni di organi, latticini, uova, pesce, verdure a foglia verde scure, verdure di colore giallo-arancio e frutta.

Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo (RLS), nota anche come malattia di Willis-Ekbom, è una condizione nervosa che provoca sensazioni spiacevoli o scomode alle gambe, oltre a un bisogno irresistibile di muoverle. Secondo il National Institute of Neurological Disorders and Stroke, RLS colpisce fino al 10% degli americani, con le donne fino al doppio delle probabilità di trovarsi in questa condizione. Per la maggior parte delle persone, la voglia di muoversi sembra intensificarsi quando si rilassano o cercano di dormire.

Sebbene le cause esatte della RLS non siano completamente comprese, sembra esserci un legame tra i sintomi della RLS e i livelli di ferro nel sangue di una persona. Ad esempio, diversi studi collegano basse riserve di ferro nel sangue a una maggiore gravità dei sintomi della RLS. Diversi studi notano anche che i sintomi compaiono spesso durante la gravidanza, un periodo durante il quale i livelli di ferro delle donne tendono a diminuire.

L’integrazione con ferro generalmente aiuta a ridurre i sintomi della RLS, specialmente nelle persone con una carenza di ferro diagnosticata. Tuttavia, gli effetti dell’integrazione possono variare da persona a persona. Poiché un’assunzione più elevata di ferro sembra ridurre i sintomi, può anche essere utile aumentare l’assunzione di cibi ricchi di ferro, come carne, pollame, pesce, legumi, verdure a foglia verde scura, noci, semi e cereali integrali.

Può essere particolarmente utile combinare questi alimenti ricchi di ferro con frutta e verdura ricche di vitamina C, poiché possono aiutare ad aumentare l’assorbimento del ferro. Anche l’uso di pentole e padelle di ghisa ed evitare il tè o il caffè durante i pasti può aiutare ad aumentare l’assorbimento del ferro. Tuttavia, vale la pena notare che un’integrazione non necessaria può fare più male che bene e può ridurre l’assorbimento di altri nutrienti. Livelli di ferro estremamente elevati possono persino essere fatali in alcuni casi, quindi è meglio consultare il proprio medico prima di assumere integratori. Infine, alcune prove suggeriscono che l’insufficienza di magnesio può svolgere un ruolo nella sindrome delle gambe senza riposo.

(Fonte www.healthline .com)

Avatar
A cura di

Da non perdere

Alimentazione

21 motivi per mangiare “cibo vero”  Il “cibo vero” è cibo intero, composto da un solo ingrediente. È per lo più non trasformato, privo...

Alimentazione

9 alternative al caffè (e perché dovresti provarle) Il caffè è la bevanda mattutina per molti, mentre altri scelgono di non berla per una...

Alimentazione

Alcol e salute: il buono, il brutto e il cattivo Internet è pieno di messaggi contrastanti sull’alcol. Da un lato, quantità moderate sono state...

Integratori

Olio di krill vs olio di pesce: quale scegliere?  L’olio di pesce, derivato da pesci grassi come acciughe, sgombri e salmone, è uno degli...

Integratori

Come scegliere vitamine e integratori di alta qualità Gli integratori alimentari sono prodotti che le persone usano per aggiungere sostanze nutritive o altri composti...

Alimentazione

Dieta mediterranea 101: un programma alimentare e una guida per principianti La dieta mediterranea si basa sui cibi tradizionali che le persone consumavano in...

Integratori

Vitamine del gruppo B: benefici, effetti collaterali e dosaggio Le vitamine del gruppo B sono un gruppo di sostanze nutritive che svolgono molti ruoli...

Integratori

7 integratori necessari per una dieta vegana  Una preoccupazione comune delle diete vegane è se forniscono al tuo corpo tutte le vitamine e i...

Alimentazione

Proteine animali e vegetali: qual è la differenza? Circa il 20% del corpo umano è costituito da proteine. Poiché il tuo corpo non immagazzina...

Alimentazione

Vino rosso: fa bene o fa male? I benefici per la salute del vino rosso sono dibattuti da tempo. Molti credono che un bicchiere...

Allenamento

Allenare i muscoli a casa: i consigli da seguire Ormai è diventata una necessità con la quale tutti devono fare i conti, vista la...

Integratori

Vitamina A: benefici, carenza, effetti collaterali e altro La vitamina A è un nutriente liposolubile che svolge un ruolo vitale nel tuo corpo. Esiste...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro