Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Caos Diritti Tv Serie A: Si va ai Tempi Supplementari?

Grande caos regna nell’assegnazione dei diritti tv della Serie A per le prossime tre stagioni. Martedì sera servivano 12 voti su 17 (le 3 retrocesse non hanno diritto su questo argomento) per la risoluzione immediata del contratto con Mediapro inadempiente per non aver concretizzato la fideiussione più controversa degli ultimi anni da 1,2 miliardi e invece ne sono arrivati solo 11 favorevoli. Il solo Chievo si è espresso contro, Cagliari, Udinese, Torino astenute invece Lazio e Milan non erano proprio presenti probabilmente la prima per motivi tattici e la seconda perchè impegnata con i problemi del FFP.  Però sempre martedì sera 14 clubs hanno approvato la delibera per considerare le garanzie di Mediapro totalmente insufficienti visto che la stessa società ha con la Lega il suddetto contratto da oltre 3 miliardi di euro in 3 anni dei diritti tv del campionato.

Le due delibere, apparentemente in contrasto tra loro, sono arrivate dopo l’intervento di Jaume Roures numero 1 degli spagnoli di Mediapro davanti all’assemblea, il quale ha confermato la disponibilità a versare 186 milioni come garanzia e poi 200 milioni entro il primo luglio come prima rata. Avevamo parlato di presidenti dubbiosi un po’ di tempo fa e di caparre come affittuari da parte del colosso catalano e siamo costretti a evidenziare ancora questi temi. La situazione si sta facendo incandescente: ci sono clubs che accusano Mediapro di inadempienza, altri che accusano i vertici della lega e altri ancora che vogliono la totale e immediata risoluzione del contratto. E’ tutto da scoprire lo scenario, che sembra a dir la verità molto tipico di un condominio italiano, come quello che prevederebbe la Lega riprendere i suoi diritti per rimetterli sul piatto ma sul quale però si stagliarebbe uno scenario internazionale visto che rumors vogliono Mediapro restare in corsa con l’aiuto del fondo Elliott. Ieri mattina invece è stata la volta di un’altra Assemblea di Lega Serie A e, a differenza di ieri sera, sono stati solo 10 i voti favorevoli  alla chiusura dei rapporti con Mediapro. Cinque astenuti  (il Genoa tra questi che ieri si era pronunciato favorevolmente) e Lazio e Chievo assenti al momento della votazione. Quindi è stato rinviato il tutto a lunedì evidentemente in accordo con la linea del presidente della Lazio Lotito che voleva fortemente questo rinvio.

Quello che appare veramente paradossale è  che la Premier League sia il campionato con più introiti e con più guadagni per tutte le società (con meno partite trasmesse) e che invece, sbagliando, la Lega Calcio Serie A si sia ispirata al modello spagnolo che prevede un campionato ancora più spezzatino (molto indigesto e irrispettoso per tutti gli appassionati) ma di sicuro, viste le cifre e viste le premesse, meno remunerativo dal punto di vista finanziario per tutti i clubs. Strano no?

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Il 28 Maggio 2017 si ritirava Francesco Totti, l’eterno Capitano della Roma. Riviviamo tutte le...

Calcio

La lettera di addio alla Roma di Daniele De Rossi Il 26 maggio 2019 Daniele De Rossi, storica bandiera della Roma, giocava l’ultima partita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro