Connect with us

Cerca articoli

Basket

Canestri Senza Reti, il torneo internazionale della solidarietà

Ci sono manifestazioni che non possono essere considerate come semplici manifestazioni sportive. Eventi che custodiscono inevitabilmente un valore che esalta ed impreziosisce lo sport. Valori spesso difficili da veicolare con altri strumenti, permettendo così allo sport di divenire portatore di un messaggio sociale. Uno di questi tornei si svolge ogni anno ad Ivrea. Il suo nome è Canestri Senza Reti, il torneo internazionale della solidarietà.

Canestri Senza Reti è un torneo di pallacanestro che viene organizzato a Ivrea, città piemontese di circa 24 mila abitanti nei pressi di Torino. Dedicato ai ragazzi Under 14, la sua caratteristica principale è quella di invitare squadre da Paesi stranieri, organizzando il soggiorno di queste compagini che dura, ovviamente, per tutta la durata del torneo. Una caratteristica di internazionalità che ne negli anni ha conferito prestigio a questo evento sportivo annuale. Ma perché viene definito come torneo internazionale della solidarietà?

Tutto ebbe inizio nel 2000, quando un gruppo di volontari italiani si trovava a Kragujevac, la quarta città più grande della Serbia. All’interno della città, situata in un Paese che al tempo era stato messo in ginocchio dai recenti conflitti, un gruppo di ragazzi serbi di un orfanotrofio chiese ai volontari se ci fosse la possibilità di fare una partita di pallacanestro. Quei ragazzi non avevano mai avuto la possibilità di fare ciò con ragazzi stranieri e così Enrico Levati, medico e pacifista italiano, organizzò insieme alla società sportiva dilettantistica Lettera 22 la prima edizione di Canestri Senza Reti nell’anno seguente. Una prima edizione che ospitò alcune formazioni balcaniche e che vide la grande partecipazione dell’intera città di Ivrea, colpita dalla storia di questi ragazzi e pronta così a dare una mano. La finale, come se fosse stato scritto nel destino, fu tra una compagine serba ed una bosniaca: più precisamente proprio tra i ragazzi di Kragujevac ed il Klub Velez Mostar.

«In un’epoca in cui si innalzano nuove barriere e si costruiscono muri che separano, Canestri Senza Reti insegna ad abbattere i confini». Così ha descritto il torneo Arianna Francescato, ex cestista che per anni ha ospitato ragazzi diretti ad Ivrea per parteciparvi. Al giorno d’oggi la manifestazione è entrata nella vita degli eporediesi, aggettivo con il quale si identificano gli abitanti della città piemontese. Un torneo che garantisce anche una notevole ventata d’aria fresca per le attività locali, soprattutto ristoranti e strutture alberghiere, impegnati per circa dieci giorni nell’ospitare ragazzi provenienti da tutta Europa. L’ultima manifestazione, tenutasi a fine dicembre 2016, ha visto la vittoria della Stella Rossa di Belgrado, seguita sul podio da Trapani e dalla Rappresentativa Ligure.

Certo, l’atmosfera negli anni è diventata forse più competitiva, soprattutto nel senso sano del termine. Un aneddoto su tutti è rimasto impresso negli spettatori di questa edizione, la XVII dalla fondazione. Un ragazzino della Stella Rossa, una dei migliori giocatori della compagine serba, aveva perso la maglia con cui avrebbe dovuto disputare il torneo e così il suo allenatore è andato su tutte le furie. «Ancora più arrabbiata era la mamma adottiva», racconta uno spettatore, ricordando anche quale fu la risposta nei confronti del coach: «Non le permetto di urlargli dietro in questo modo e quindi se tratta così questo bambino lo tengo sempre io qui a Ivrea, mandandolo a basket e nelle migliori scuole».

Canestri-senza-reti-quando-lo-sport-e-amicizia-586507639354d3

Un torneo che quest’anno ha visto la partecipazione, oltre che di numerose compagini italiane e della Stella Rossa vincitrice, anche dei serbi del Mladost Čačak e Foka Kragujevac, degli spagnoli del Sant Josep Badalona e per la prima volta del Bayern Monaco. Non sono mancate future stelle nelle edizioni passate: il croato Dario Šarić in NBA ai Philadelphia 76ers, il serbo Branko Lazić alla Stella Rossa, il bosniaco Nihad Đedović al Bayern Monaco, nonché Tommaso Baldasso e Riccardo Visconti, due nazionali U18 italiani rispettivamente alla Virtus Roma ed alla Reyer Venezia. Sono inoltre state avviate le pratiche per inserire il torneo nel calendario ufficiale della FIBA, l’International Basketball Federation.

Un torneo che nasce e si evolve con due minimi comun denominatori: la solidarietà e lo scambio culturale. «Siamo a Ivrea, nella palestra di una scuola, e siamo ovunque – ovunque nel mondo ci sia un ragazzino di fronte a un canestro. Il pallone è in volo. Niente e nessuno lo potrà fermare». Così ha definito questa manifestazione Emiliano Poddi su La Repubblica.

Perché una manifestazione sportiva possa meritare a pieno questa definizione essa deve essere portatrice sana di valori sani. Come nel caso di Canestri Senza Reti.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Lina

    Gennaio 29, 2017 at 10:08 am

    Cala.. sei il giornalista sportivo più meraviglioso del mondo !!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Sandro Tonali e i sogni che si avverano “Santa Lucia io vorrei un completo del Milan pantaloncini, maglietta e calzettoni”. È un freddo giorno...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Storie di Sport

Storia di Jimmy Butler, quando il Basket ti toglie da sotto un ponte Ha compiuto ieri 31 anni Jimmy Butler, il giocatore NBA la...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Pugilato

E’con grande dolore e sgomento che scrivo questo articolo su Alessandro Mazzinghi. Lo scorso 22 agosto il cuore del grande pugile pontenderese ha cessato...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 57 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Basket

Alphonso Ford: l’ultimo palleggio del Puma Il 4 Settembre 2004 moriva Alphonso Ford, uno dei più forti cestisti che abbiamo potuto ammirare nel basket...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Calcio

#Prequel, prima del Professionismo: Intervista a Nick “Dinamite” Amoruso In occasione dei suoi 46 anni compiuti oggi, vi riproponiamo l’intervista a Nick Amoruso nella...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro