Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Candidatura olimpica Roma 2024. Magi: “170mila posti di lavoro con le olimpiadi? Calcolo bizzarro”

In maniera del tutto inaspettata temi legati allo sport come la candidatura olimpica di Roma2024 e la costruzione del nuovo stadio della Roma sono entrati a pieno titolo nella campagna elettorale per la corsa al Campidoglio. Se per il M5S, con la sua candidata Virginia Raggi, prendere una posizione chiara non sembra affatto scontato, nel campo dei democratici appare tutto più ordinato.

Roberto Giachetti (PD) si è detto più che favorevole a candidare la Capitale come sede dei giochi olimpici del 2024 perché occasione per il rilancio della città. Tra le argomentazioni a sostegno della sua tesi ci sarebbe la possibilità di creare ben 170mila posti di lavoro. “Bisogna spiegare da dove viene questa cifra” – ci dice Riccardo Magi (RI) – “Questa era la stima fatta per la candidatura di Roma 2020 fermata dall’allora Governo Monti. Uno studio della Commissione Fortis calcolò questi 170mila posti di lavoro nell’arco di 10 anni . La criticità di questa cifra sta nel fatto che siano stati sommati tra loro i posti di lavoro annui. Il primo anno si creano 3mila posti , nel secondo anno i posti diventano 5mila ma questi hanno già al loro interno i 3mila dell’anno prima e così a cascata fino al picco dei 29mila nell’anno delle olimpiadi. Senza considerare che stiamo parlano di posti di lavoro a termine e legati all’evento”. Riccardo Magi (RI) è candidato nelle liste che sostengono Giachetti (PD) e, nonostante le 2600 preferenze, sarà rieletto nel Consiglio Capitolino solo se dovesse risultare vincitore il fronte democratico. “Sia Giachetti che Raggi hanno espresso il loro favore al referendum sulla candidatura olimpica alla quale noi stiamo lavorando. Il M5S al momento è molto più forte di noi ma non abbiamo avuto collaborazione alla raccolta firme. Stesso dicasi per Giachetti che in ogni caso ha detto che farebbe campagna per sì“.

Un nuovo affondo sul referendum è arrivato ieri dal Pres. Coni Giovanni Malagò che, intervistato da Repubblica tv, ha affermato che sarebbe ormai troppo tardi per indire un referendum. “Questa è una sua opinione. Mi dispiace per Malagò ma non è tardi. Il Comune ci ha dato il suo avvallo ciò vuol dire che da un punto di vista giuridico non è tardi. Dovrà essere convincente il fronte del sì, magari se si impegnano convincono anche noi ma al momento sembra che abbiano tutti molta paura di questo referendum“. L’iter referendario, partito a gennaio, ha trovato diversi ostacoli sul suo cammino l’ultimo dei quali è avvenuto all’inizio di maggio con la sospensione del procedimento in seguito ad una lettera presentata dal CONI che chiedeva alla Commissione incaricata dal Comune di Roma di ritirare l’ammissibilità sul quesito. “Questa è un’iniziativa in violazione del regolamento Capitolino che non ammette l’intromissione di soggetti terzi nel procedimento referendario nel quale dovrebbero essere interessati solo il comitato promotore e l’amministrazione comunale. ” – continua Magi – “Ciononostante il procedimento è stato sospeso ed è stato perso più di un mese, la Commissione si è riconvocata e ci ha proposto un quesito riformulato che noi abbiamo accettato pur riservandoci di intraprendere la strada del ricorso al Tar“.

Nonostante la centralità dei temi sportivi e la volontà espressa da Giachetti di procedere con la candidatura olimpica e con la costruzione dello stadio della Roma nella Giunta anticipata dalla coalizione democratica non è prevista la carica di assessore dello sport. “Questa è una di quelle cose che, volendola vedere dalla parte di chi vuole le Olimpiadi è un punto di debolezza. Non so se ci sono ancora delle figure che non sono state ancora rese note. In ogni caso non avere un assessore con una delega allo sport è una di quelle cose che non rafforza la candidatura olimpica“.  Diverse voci, tra le quali quella del blog Roma fa schifo, hanno invitato la Raggi a dargli un assessorato in caso di vittoria: “Questa cosa mi giunge nuova. Mi risulta difficile immaginare che il M5S possa pensare una cosa del genere, per quanto ci siano stati attestati di stima nei miei riguardi negli anni passati insieme in Campidoglio, detto ciò sarebbe un segnale positivo da parte loro in termini di apertura e trasversalità.

bannerolimpiadisindaci

bannerolimpiadi

bannersquitieri

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo stadio della Roma sta assumendo le fattezze di quei sogni nel cassetto che rischiano di non arrivare mai ad essere realizzati. L’Amministrazione Capitolina,...

Inchieste & Focus

E se tra le conseguenze dell’uragano che sta scuotendo il Comune di Roma ci fosse anche la possibilità di riportare la Capitale sui blocchetti...

Doping

“Doppiamo salvaguardare la loro salute e la correttezza agonistica dello sport, questo è la nostra missione e sono convinto che in tal senso la...

Altri Sport

“Se non tagliamo drasticamente le spese nei prossimi due anni rischiamo di uscire di strada”. Queste le parole della governatrice di Tokyo Yuriko Koike...

Inchieste & Focus

Il ritiro della candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024 è ormai alle spalle, ma la decisione di Malagò di interrompere la corsa ai Giochi...

Inchieste & Focus

A poche settimane dalla delibera del Comune di Roma che ufficializzava il parere negativo sulla candidatura della Capitale per i Giochi 2024, torna a...

Altri Sport

«Capisco le necessità dei cittadini e della città di Roma, però da sportiva ti dico che giocare le Olimpiadi in casa è una cosa...

Altri Sport

Neanche il tempo di metabolizzare il No di Virginia Raggi alla candidatura di Roma come paese ospitante delle prossime Olimpiadi del 2024, che arriva...

Altri Sport

Ama i sorrisi e la sua vecchia handbike. Quella che l’ha accompagnato nei primi anni, prima di essere dismessa a un passo di Rio,...

Inchieste & Focus

Le Olimpiadi sono uno spreco o un’opportunità? A questa domanda che negli ultimi mesi è diventata una di larghissimo dibattito politico hanno provato a...

Inchieste & Focus

Alla fine la sindaca di Roma Virginia Raggi ha detto no. La Città Eterna non si candiderà ad ospitare le Olimpiadi del 2024. In...

Inchieste & Focus

Alla fine venne il giorno. Dopo mesi di attesa, e un’aria sempre più pesante sull’argomento, ieri è arrivato il “no” alla candidatura di Roma...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro