Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Campi minati: che cosa è cambiato dalla morte di Alessandro Bini?

Il 2 febbraio 2008, il calcio romano piangeva la morte di Alessandro Bini. Un giovassimo calciatore di 14 anni che, nel corso della partita di calcio, Almas-Cinecittà Bettini, della categoria Giovanissimi Provinciali, perdeva la vita, dopo un crudele impatto contro la leva di un rubinetto piantato a settanta centimetri dalla linea del fallo laterale.

Una morte ingiusta, straziante, esito drammatico di un incidente assurdo. Una tragedia, la morte di Alessandro, che sortiva subito l’effetto di riaccendere una luce sull’annoso problema della sicurezza sui campi di calcio della Capitale. In quei giorni, la domanda che molti genitori ( e non soltanto loro) si ponevano, ripensando alla tragedia di Alessandro, era infatti una: ma i campi di calcio, dove giocano abitualmente le squadre locali e nelle quali militano centinaia di ragazzi, sono impianti sicuri?

Facendo un giro per quelli che erano allora i campi sportivi del calcio romano, la risposta più onesta doveva essere che no, molti campi di calcio, non erano impianti sicuri. La morte di Alessandro, infatti, avvenne per un’irregolarità dell’impianto dovuta alla presenza di quel rubinetto assassino che, lì, su quel campo, non ci sarebbe dovuto essere. I genitori di Alessandro, dopo la perdita del figlio, hanno voluto fare della sicurezza sui campi di calcio e degli impianti sportivi in generale una missione di vita. Attraverso la fondazione di un’associazione senza scopo di lucro, l’ “Alessandro Bini Onlus” che, dal 2008, è l’occhio vigile di genitori e ragazzi sul tema della sicurezza sui campi di calcio.

Che cosa diceva e dice oggi la normativa

La normativa in materia, contenuta nell’articolo 31 del regolamento sugli impianti sportivi, approvato dalla Lega Nazionale Dilettanti, era, infatti, piuttosto chiara: e al punto 1 del regolamento, alla voce “dimensioni e segnature”, prevedeva che “lungo il perimetro di gioco deve essere prevista una fascia di larghezza non inferiore a mt 1,5 priva di asperità e ostacoli al camminamento e al gioco. Tale fascia deve essere estesa per ragioni di sicurezza fino a mt 2,5 lungo le linee laterali e fino a 3,4 mt delle linee di porta”. Un campo di calcio, per essere considerato in regola, doveva insomma avere una “fascia di larghezza” di almeno un metro e mezzo, che fosse libera, però, da qualsiasi “ostacolo”.

Va da sé che la presenza di un rubinetto, che di per sé è già un ostacolo e, peraltro, piantato a 70 cm dalla linea del fallo laterale, rendeva quel terreno di gioco irregolare secondo le norme e, allo stesso tempo, anche insicuro. Eppure, come ricordano a distanza di anni anche i genitori di Alessandro Bini, quel terreno di gioco era stato, come si dice nel gergo, “omologato”. Ossia dichiarato agibile dagli ispettori della Federazione. Perché? Vallo a sapere. O meglio, vallo a chiedere a loro: a coloro che dovevano controllare e invece non hanno controllato. Ma, ormai, come dice il proverbio, è inutile guardare indietro; meglio guardare avanti. E provare a capire che cosa, a distanza di anni dalla morte di Alessandro Bini, può essere veramente cambiato.

Intanto, per quanto riguarda le “dimensioni e signature”, è cambiata la normativa. Laddove le modifiche all’articolo 31 prevedono che oggi “qualora per difficoltà strutturali tale di fascia di sicurezza non possa essere adeguatamente ricavata, debbono essere previste protezioni idonee, fermo restando la misura del campo di destinazione di 1,5 mt su tutto il perimetro del terreno di gioco”.

E per quanto riguarda i campi? Che cosa è davvero cambiato? Abbiamo cercato di scoprirlo, facendo un giro su alcuni campi di calcio della Capitale. E abbiamo scoperto che, in effetti, dalla morte di Alessandro, qualche cosa è veramente cambiato. Nel senso che alcune società (ma solo alcune) hanno voluto prendere, finalmente, le dovute precauzioni, sia attraverso la rimozione degli ostacoli ai bordi del campo (come quel maledetto rubinetto), che attraverso una restrizione vera e propria del terreno di gioco. In modo da consentire una “fascia di larghezza” più ampia tra il perimetro del campo e le eventuali “recinzioni esterne”. Le quali, come da regolamento, erano, e devono ancora, essere in muratura “non abbattibile né scavalcabile”. A una distanza dal perimetro del campo di 2,5 metri.

Poi, come abbiamo avuto modo di vedere c’è chi, tra le società più virtuose, ha voluto coprirsi, anche, dal rischio che quei 2,5 metri di distanza possano comunque non bastare e, per questo, ha voluto “rivestire” i muretti con uno strato di gomma che serva ad attutire gli eventuali impatti. Ma, al contrario, e purtroppo, ci sono anche società che, ancora, come dicono a Roma, sono rimaste a carissimo amico. Nel senso che i campi di calcio dove giocano, sono, oltre che fuori norma, anche piuttosto insicuri.

E se vengono comunque omologati? Ecco, questo è un altro problema. Perché l’omologazione spetta alla Lega Nazionale Dilettanti che, attraverso il Comitato Regionale, invia ogni volta gli ispettori a verificare se quel campo sia effettivamente “a norma”. Per le società di calcio, l’omologazione del campo è un costo (circa 100 euro) che viene pagato alla Lega. Ma perché alcuni campi, che non sono in regola, vengono comunque omologati? Nella nostra video inchiesta, cercheremo di trovare una risposta.

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

4 Comments

  1. Avatar

    netzer

    Novembre 18, 2015 at 7:56 pm

    c’è un protocollo stilato dal dott brozzi, ex medico della roma calcio ai tempi di capello e spalletti. se fosse applicato tante vite sarebbero risparmiate, per il resto non c’è molto da aggiungere se non la vicinanza e solidarietà per i genitori del ragazzo deceduto nel tragico incidente di roma.

  2. Avatar

    Stefano

    Novembre 19, 2015 at 11:14 am

    Illeggibile: bocciato in grammatica!!

  3. Avatar

    Prof. del menga

    Novembre 19, 2015 at 12:01 pm

    Chi ha scritto l’articolo, non sa, l’uso delle virgole. Complimenti, tornate, a scuola

  4. Avatar

    LUCA6

    Novembre 19, 2015 at 2:45 pm

    Ottimo servizio , se continuerete ad andare in profondità ne troverete tanta di sporcizia… ma in Italia c’è ancora chi pensa a 2 virgole sbagliate… professoroni da tastiera

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Il 14 Novembre 1992 moriva Ernst Happel, il maestro di calcio austriaco che da...

Calcio

Carmelo Bene e il calcio, tra Romario, tempo aiòn e processo di Biscardi L’artista salentino amava i grandi «atti» extra-ordinari del calcio, quelli che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro